Crosio della Valle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crosio della Valle
comune
Crosio della Valle – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Varese-Stemma.png Varese
Amministrazione
Sindaco Andrea Della Rosa (lista civica "Per Crosio") dal 25/05/2014 (1º mandato)
Territorio
Coordinate 45°47′N 8°48′E / 45.783333°N 8.8°E45.783333; 8.8 (Crosio della Valle)Coordinate: 45°47′N 8°48′E / 45.783333°N 8.8°E45.783333; 8.8 (Crosio della Valle)
Altitudine 322 m s.l.m.
Superficie 1,44 km²
Abitanti 611[1] (28-02-2017)
Densità 424,31 ab./km²
Comuni confinanti Azzate, Casale Litta, Daverio, Mornago, Sumirago
Altre informazioni
Cod. postale 21020
Prefisso 0332
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 012057
Cod. catastale D185
Targa VA
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti crosiani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Crosio della Valle
Crosio della Valle
Crosio della Valle – Mappa
Posizione del comune di Crosio della Valle nella provincia di Varese
Sito istituzionale

Crosio della Valle (Croeus o Cros in dialetto varesotto[2]) è un comune italiano di 611 abitanti della provincia di Varese in Lombardia.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Degna di nota è la chiesina parrocchiale di Sant'Apollinare martire, vescovo di Ravenna. L'edificazione primaria di questo edificio pare, da fonti eminenti, risalga addirittura attorno all'anno mille, cui fu unita nel 1199 il chiostro delle monache benedettine ivi residenti. San Carlo Borromeo visitò la chiesina circa a metà del Cinquecento e la stessa dopo l'eminentissima visita subì delle modifiche per ospitare più fedeli. Che la stessa chiesina fosse luogo caro ai crosiani lo dimostra il fatto che una serie di affreschi di cui uno rappresentante san Carlo orante la adorni. Un bel trittico più antico molto ben visibile sul lato destro dell'altare è sicuramente assimilabile alla scuola del Masolino da Panicale (quindi a cavallo del 1400). Un riaffrescamento della chiesa in toto porta un'altra serie di affreschi visibili dall'altro lato dell'abside, da datarsi verso il 1600 e da attribuirsi con buona probabilità al Morazzone.

La chiesina versa oggi in condizioni tali da consigliare un intervento conservativo importante. Dopo aver effettuato uno studio approfondito, sono iniziati i lavori di consolidamento strutturale nel luglio 2012. La parrocchia sta cercando i fondi per affrontare anche il restauro delle opere d'arte già menzionate. Il sito che informa su tutto ciò è: www.prochiesinacrosio.org

Dalla piazza Paolo VI si apprezza il panorama sulla catena del Monte Rosa, in particolare al sorger del sole del periodo invernale il paese di Casale Litta sovrastato dal Monte Rosa offre un paesaggio da cartolina.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

L'Accademia Musicale Camille Saint-Saens ha inaugurato la sua sede accademica presso Piazza Paolo VI, il 23 giugno 2007 con un concerto del giovane e apprezzato pianista Orazio Sciortino. L'accademia è dedita alla divulgazione dell'arte musicale ed al suo insegnamento, con corsi di musica che iniziano dall'insegnamento propedeutico della musica in culla per piccolissimi, fino ad arrivare a corsi di perfezionamento per adulti.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996, p. 240.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Varese Portale Varese: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Varese