Novate Milanese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il comune della provincia di Monza e Brianza, vedi Nova Milanese.
Novate Milanese
comune
Novate Milanese – Stemma Novate Milanese – Bandiera
Novate Milanese – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Città metropolitanaProvincia di Milano-Stemma.svg Milano
Amministrazione
SindacoLorenzo Guzzeloni (centrosinistra) dall'8-6-2014
Territorio
Coordinate45°32′N 9°08′E / 45.533333°N 9.133333°E45.533333; 9.133333 (Novate Milanese)Coordinate: 45°32′N 9°08′E / 45.533333°N 9.133333°E45.533333; 9.133333 (Novate Milanese)
Altitudine146 m s.l.m.
Superficie5,46 km²
Abitanti20 091[1] (31-3-2018)
Densità3 679,67 ab./km²
Comuni confinantiBaranzate, Bollate, Cormano, Milano
Altre informazioni
Cod. postale20026
Prefisso02
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT015157
Cod. catastaleF955
TargaMI
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantinovatesi
Patronosanti Gervasio e Protasio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Novate Milanese
Novate Milanese
Novate Milanese – Mappa
Posizione del comune di Novate Milanese all'interno della città metropolitana di Milano
Sito istituzionale

Novate Milanese (Novàa in dialetto milanese, IPA: [nuˈ(w)ɑː][2]) è un comune italiano di 20 091 abitanti della città metropolitana di Milano, in Lombardia, ed è posto a circa 8 chilometri a nord dal centro della città di Milano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione climatica: E, 2404 GR/G
Il territorio novatese è interamente pianeggiante e attraversato dai torrenti Garbogera e Pudiga, quasi integralmente tombinati.

Natura[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del 2006 è stato istituito il parco locale di interesse sovracomunale della "Balossa", sul territorio novatese e su quello del confinante comune di Cormano. Di natura agricola, è vasto 146 ettari.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Monumento ai caduti novatesi, di Ambrogio Fumagalli

Il toponimo Novate trarrebbe origine dal latino novatum, termine usato per definire un campo rimesso a coltura dopo un periodo di riposo: l'etimologia, considerando la lunga destinazione rurale delle terre novatesi appare corretta.

La prima citazione di Novate appare in un documento dell'anno 877. Il territorio novatese fece parte del contado della Martesana fino al 1385, quando, con tutta la pieve di Bollate, venne aggregata al contado di Milano. Al XVI secolo risale l'edificio di maggiore interesse storico-culturale presente nel territorio comunale: l'oratorio dei Santi Nazario e Celso, familiarmente soprannominato "Gesiö" (chiesetta), ubicata all'incrocio tra via Roma e via Garibaldi. Il luogo di culto, attualmente chiuso per lavori di restauro, contiene due pregevoli tele seicentesche ("Madonna con il bambino e i Santi Nazario e Celso", dipinto fra il 1603 e il 1613 - Olio su tela cm. 162x200; "Sant'Antonio da Padova", dipinto ante 1697 - olio su tela - 137x194) e, nel 2004, vi è stata rinvenuta la sepoltura del facoltoso che ne ordinò la costruzione, il senatore ducale Bernardino Busti, ancora in ottimo stato di conservazione (i suoi resti sono stati traslati altrove).

Biblioteca comunale

Un'altra emergenza artistica di un qualche valore è un affresco di devozione popolare risalente al XVII secolo, rappresentante la Madonna col Bambino tra alcuni Santi, ubicato all'incrocio tra via Roma e via Madonnina e attualmente in condizioni di grave deterioramento. Da qualche anno l'affresco non è più visibile, giacché è stato coperto, all'interno dell'edicola che occupa, da una tela a tempera di scarso valore artistico.

Successivamente Novate fu parte del feudo di Desio prima che, il 19 aprile 1674, fosse eretto il feudo di Novate con Roserio, oggi quartiere periferico della città di Milano. Feudatari furono, fino all'abolizione, da parte dei francesi, di tutti i privilegi feudali, i marchesi Pogliaghi. Il governo di Napoleone comportò per un brevissimo periodo, dal 1811 al 1815, l'annessione di Novate a Bollate.

Nel 1862 il nome del comune fu modificato in Novate Milanese, per evitare fraintendimenti con altri due centri in Lombardia: Novate Mezzola, in Provincia di Sondrio e l'attuale Novate Brianza, frazione del comune di Merate (LC).

Dopo l'unità d'Italia Novate ha visto un notevole sviluppo industriale e demografico, anche grazie alla costruzione della Ferrovia Milano-Saronno, avvenuta nella seconda metà dell'ottocento, mentre attualmente sta vivendo una progressiva evoluzione verso il terziario ed è parte integrante dell'area metropolitana milanese.

A Novate Milanese è stato conferito il titolo di città dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi il 16 gennaio 2004.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Nati: 160 (2010) Morti: 181 (2010) Incremento naturale: -21 (2010) Saldo migratorio: +62 (2010)

Popolazione per età in percentuale:

ANNO 1982 1992 2002 2012
75 e più 2.9 5.5 7.1 10.7
60-74 10 12.3 17.5 19.4
45-59 18.3 21.9 22.3 22.7
30-44 25.4 23.5 23.5 20.4
15-29 22.4 23 17.1 13.7
0-14 21 13.8 12.5 13.1

Fonte Istat (sito internet: demo.istat.it).

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le statistiche ISTAT[4] al 1º gennaio 2016 la popolazione straniera residente nel comune metropolitano era di 1 450 persone, pari al 7% della popolazione. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:[4]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è servito dall'Autostrada A4 Torino-Trieste tramite lo svincolo di Cormano, e dalla Strada provinciale 46 Rho-Monza.

Nel territorio comunale si trova la stazione di Novate Milanese, servita da due linee del servizio ferroviario suburbano di Milano, gestito da Trenord.

I trasporti interurbani di Novate Milanese vengono svolti con autoservizi di linea gestiti da ATM.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Sono presenti numerosi impianti sportivi sul territorio comunale, tra i quali vale la pena di segnalare il centro sportivo dedicato ai caduti novatesi all'interno del parco Carlo Ghezzi (non abilitato per eventi agonistici con pubblico) e il centro polifunzionale Polì, con piscine (è attiva una squadra di pallanuoto, il Polì Novate) e palestra. Contribuiscono al patrimonio di attrezzature sportive della città il campo da calcio dell'Oratorio Maschile S. Luigi ed il centro sportivo comunale di recente costruzione. Sono presenti differenti società sportive, tra le quali la Polisportiva Novate e la squadra di basket Osal Novate. L'unica palestra abilitata ad accogliere eventi sportivi con pubblico è quella di via Cornicione, rinnovata nel 2012 in seguito a lavori di ristrutturazione a lungo rimandati.

Da Novate Milanese, in onore di Vincenzo Torriani, prendeva il via la classica ciclistica Milano-Torino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2018.
  2. ^ DiPI Online - Dizionario di Pronuncia Italiana, dipionline.it. URL consultato il 10 febbraio 2015.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b Popolazione straniera residente per età e sesso al 31 dicembre 2015

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lorenzo Caratti, Storia di Novate Milanese 877-1877, Comune di Novate Milanese 1982

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1861 1861 Carlo Mazzoni Sindaco
1861 1867 Vincenzo Cajo Sindaco
1867 1868 Carlo Catturini Assessore anziano
1869 1869 Pietro Gianetti Assessore anziano
1870 1872 Pietro Gianetti Sindaco
1873 1874 Francesco Caimi Assessore anziano
1874 1878 Pietro Gianetti Sindaco
1878 1881 Carlo Mazzoni Sindaco
1882 1893 Angelo Masserini Sindaco
1893 1894 Luigi Mazzoni Assessore anziano
1894 1894 Gaetano Cozzi Assessore anziano
1895 1898 Battista Bardelli Sindaco
1899 1902 Ausano Labadini Sindaco
1902 1905 Carlo Ceruti Sindaco
1905 1913 Marino Vaghi Sindaco
1913 1913 Francesco Vaghi Assessore anziano
1913 1914 Arturo Rognoni Sindaco
1914 1916 Clemente Bonfanti Sindaco
1916 1917 Angelo Guzzetti Assessore anziano
1917 1919 Angelo Guzzetti Sindaco
1920 1923 Santino Uboldi Sindaco
1923 1923 Alberto Robbiati Commissario prefettizio
1924 1926 Alfredo Pigorini Sindaco
1926 1930 Alfredo Pigorini Podestà
1930 1930 Cesare Maltini Podestà
1930 1932 Virgilio Cogliati Podestà
1932 1936 Giovanni Bracaglia Podestà
1937 1937 Giacomo Testori Reggente temporaneo
1937 1941 Filippo Criscuolo Doria Podestà
1941 1943 Pietro Paracchi Podestà
1943 1945 Virginio Scotti Commissario prefettizio
1946 1951 Carlo Ghezzi Sindaco
1951 1956 Carlo Ghezzi Sindaco
1956 1957 Angelo Comodo Sindaco
1957 1960 Carlo Ghezzi Sindaco
1960 1964 Carlo Ghezzi Sindaco
1964 1968 Anselmo Pulga Sindaco
1968 1970 Ercole Gorla Sindaco
1970 1975 Ercole Gorla Sindaco
1975 1980 Luigi Perego Sindaco
1980 1985 Luigi Perego Sindaco
1985 1990 Luigi Perego Sindaco
1990 1992 Mauro De Rosa Sindaco
1992 1995 Maurizio Lozza Sindaco
1995 1999 Amalia Fumagalli Centrosinistra Sindaco
1999 2004 Luigi Riccardo Silva Centrodestra Sindaco
2004 2009 Luigi Riccardo Silva Centrodestra Sindaco
2009 2014 Lorenzo Guzzeloni Centrosinistra Sindaco
2014 Lorenzo Guzzeloni Centrosinistra Sindaco

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN140461792