Novate Milanese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Novate Milanese
comune
Novate Milanese – Veduta
Novate Milanese – Veduta
Scorcio del centro cittadino fotografato da via Bertola da Novate
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione Lombardia
Città metropolitana Milano
Amministrazione
SindacoDaniela Maldini (centro-sinistra) dal 10-6-2019
Territorio
Coordinate45°32′N 9°08′E / 45.533333°N 9.133333°E45.533333; 9.133333 (Novate Milanese)
Altitudine146,76[1] m s.l.m.
Superficie5,46[12] km²
Abitanti20 063[13] (30-11-2023)
Densità3 674,54 ab./km²
Comuni confinantiBaranzate, Bollate, Cormano, Milano
Altre informazioni
Cod. postale20026
Prefisso02
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT015157
Cod. catastaleF955
TargaMI
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[14]
Cl. climaticazona E, 2 404 GG[15]
Nome abitantinovatesi[2][3]
Patronosanti Gervaso e Protaso[N 1]
Giorno festivo19 giugno[8]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Novate Milanese
Novate Milanese
Novate Milanese – Mappa
Novate Milanese – Mappa
Posizione del comune di Novate Milanese all'interno della città metropolitana di Milano
Sito istituzionale

Novate Milanese (in milanese Novaa) è un comune italiano della Lombardia. Conta 20063 abitanti e si trova nella città metropolitana di Milano, situato a nord-nord-ovest del capoluogo metropolitano, con il quale è confinante.[12][16]

A livello locale, il comune è noto semplicemente come Novate[17][18][19][20][21], denominazione che è stata ufficiale fino al 1862, anno in cui è stata adottata la denominazione attuale, al fine di evitare fraintendimenti con le omonime località lombarde di Novate Mezzola e di Novate Brianza, frazione di Merate.[22][23][1]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Mappa di localizzazione di Novate Milanese, Novate Mezzola e Novate Brianza

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio novatese è interamente pianeggiante, con un altitudine di 146,76 m s.l.m.[1], con un dislivello massimo di 10 metri, dato da un'altitudine minima di 140 m s.l.m., nella porzione meridionale della città e un'altitudine massima di 150 m s.l.m., nella porzione settentrionale.[12] Il territorio comunale è attraversato dai torrenti Garbogera e Pudiga, quasi integralmente tombinati.

Sul territorio di Novate Milanese e, in parte, di Cormano è presente il parco sovracomunale della Balossa, istituito nel 2006[24]: una vasta area agricola pianeggiante che conta un'estensione di circa 150 ha.[25]

Il parco è limitato a nord dal tracciato dell'autostrada A52, che ricalca quello della precedente strada provinciale 46 Rho-Monza, a sud è delimitato parzialmente dal tracciato dell'autostrada A4 e parzialmente dai fabbricati industriali siti tra i comuni di Novate Milanese e Cormano, a ovest dai fabbricati urbani di Novate Milanese e a est dalla strada provinciale 44, la quale lo separa dai fabbricati siti nel comune di Cormano.[25][24] Dal dicembre 2015, il parco è formalmente accorpato al parco Nord Milano.[26]

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo Novate secondo alcuni[27][28] trarrebbe origine dal latino novatum, equivalente dell'odierno novale[29][30] termine usato per definire un campo rimesso a coltura dopo un periodo di riposo; secondo altri, invece, il nome deriverebbe dall'antico "cognomen" romano "Novus".[31][32][33] Sebbene entrambe le teorie abbiano un fondamento storico, con gli studi più recenti si ritiene maggiormente plausibile la prima teoria, anche in considerazione della lunga destinazione rurale delle terre novatesi.[31]

Da Novatum passava la Via Mediolanum-Bilitio, che metteva in comunicazione Mediolanum (Milano) con Luganum (Lugano) passando da Varisium (Varese).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Novate nel contado della Martesana (877-1385)[modifica | modifica wikitesto]

Il più antico documento relativo alla storia di Novate Milanese: l'atto notarile datato 877[34]

Il primo, più antico documento che ricorda Novate Milanese, è una pergamena datata Trenno 17 marzo 877, che si trova conservata nell'Archivio dei Canonici della Basilica di Sant'Ambrogio di Milano. Si tratta di un atto notarile, redatto da un certo notaio Dominator, che contiene il verbale della presa di possesso di alcune terre di Novate Milanese, da parte di due sacerdoti della basilica di Sant'Ambrogio, la quale le aveva ricevute in eredità da un certo giudice Averolfo.[35][36]

In quel tempo, Novate, dal punto di vista religioso, faceva parte della cosiddetta Pieve di Bollate. Le pievi sorsero in Lombardia verso la metà del V secolo, come le prime circoscrizioni territoriali religiose dell'antichità; circoscrizioni che, di norma, si identificavano e si sovrapponevano a preesistenti distretti territoriali, celtici o romani, di natura politica o amministrativa.[35][36]

Dal punto di vista politico, Novate faceva invece parte del contado della Martesana, il quale era una vera e propria circoscrizione territoriale di natura politico-amministrativa, in cui venivano ripartite tutte le terre agricole, che in quel tempo attorniavano la città di Milano. In particolare, il contado della Martesana, comprendeva la quasi totalità delle terre situate fra Milano ed il lago di Como.[35][36]

Pur dipendendo politicamente dal contado della Martesana, Novate, seppur molto indirettamente, aveva peraltro certamente risentito delle movimentate vicende politiche che si maturavano nella vicina città, assoggettata, nel tempo, ai conti Carolingi (840), al governo del conte associato all'arcivescovo (964), al governo comunale (1065), alla signoria dei Della Torre (1240), ed a quella dei Visconti (1277).[35][36]

Peraltro, in numerosi documenti notarili del X e XI secolo, Novate viene costantemente denominata come un "vicus", ossia come un borgo agricolo periferico, che si contrapponeva al "pagus", ossia al centro urbano che stava a capo della pieve, che era Bollate.[35][36]

Risalgono proprio a questo lungo periodo storico due dati particolarmente rilevanti per la storia di Novate: in un atto notarile redatto a Novate nell'aprile dell'anno 1042[37][16], risulta contenuta la prima, più antica testimonianza dell'esistenza, in quel periodo, di una chiesa dedicata a San Protasio[N 1], che costituisce il primo ricordo della chiesa parrocchiale di Novate; in un atto di vendita di alcune terre, redatto a Milano il 2 dicembre 1234, figura invece, per la prima volta, il ricordo di un Pietro da Novate, che costituisce forse la più antica testimonianza di un membro di questa antica e illustre famiglia lombarda, che ha tratto nome ed origine dalla nostra terra. Lo stemma di questa famiglia (miniato per la prima volta nel Codice Trivulziano del XV secolo, conservato nella biblioteca del Castello Sforzesco di Milano), è costituito da sei fasce orizzontali gialle e rosse, alternate, sovrapposte da una banda trasversale azzurra, caricata dalla figura di un leone passante d'argento. Proprio da questo antico stemma araldico è stato ricavato nel 1984 l'attuale stemma del comune.[35][36]

Novate nel contado di Milano (1385-1476)[modifica | modifica wikitesto]

Il decreto visconteo del 1385, con cui Novate cessa di fare parte del contado della Martesana[38]

Nel 1385, in forza di un decreto di Giangaleazzo Visconti, Signore di Milano, la pieve di Bollate, ivi compresa la terra di Novate, viene scorporata dal contado della Martesana, e viene aggregata al contado di Milano: contado, questo, che comprendeva tutte le terre della campagna lombarda che circondavano la città, fino a circa 10 miglia da questa.[39][40] Più intimamente collegata, in tal maniera, al contesto politico di questa città, Novate ne aveva quindi seguito tutte le movimentate vicende politiche: dall'estinzione della signoria viscontea nel 1447, alla breve parentesi della repubblica ambrosiana, fino alla instaurazione, nel 1450, della nuova signoria degli Sforza.[39][40]

Cominciano intanto a farsi conoscere, in diversi documenti, sia pubblici che privati, i nomi di alcuni personaggi della famiglia da Novate; fra questi, si ricordano Vincenzo da Novate, ingegnere e consulente del Consiglio dei XII di Provvisione nel 1391 e Antonio da Novate, ingegnere del comune di Milano nel 1450.[39][40] Fra tutti questi personaggi, il più importante risulta senz'altro essere Bertola da Novate, al quale è dedicata una via della città.[39][40]

Bertola da Novate era un valente ingegnere idraulico, che si era specializzato nella progettazione e nella costruzione di canali e navigli. Diventato ingegnere ducale nel 1456, sotto Francesco Sforza, Bertola risulta abbia lavorato a diverse opere pubbliche, fra le quali: il naviglio di Parma (1455), il naviglio di Mantova (1456), il naviglio di Bereguardo e Binasco (1457), il naviglio della Martesana (1457- 1465), il naviglio di Cremona (1461) ed il Castello di Milano (1474).[39][40][41]

In particolare, Bertola viene dapprima incaricato da Filippo Maria Visconti di presiedere la commissione tecnica per la realizzazione di una fitta rete di canali navigabili che collegassero tra loro il Po, il Ticino e l'Adda. Con la morte di Filippo Maria, avvenuta nel 1447, tramonta la signoria viscontea, ma la bravura di Bertola viene riconosciuta anche dalla neonata Repubblica Ambrosiana, dove fu nominato architetto di fiducia del Governo dello Stato di Milano.[39][40][41]

Anche nel corso della signoria sforzesca, la bravura di Bertola viene riconosciuta, tant'è che gli saranno affidate le opere di messa a punto del progetto riguardante i Navigli.[41]

Sempre in questo particolare periodo storico, si inserisce anche il ricordo di un antico legato testamentario novatese. Con suo testamento del 24 agosto 1451, il novatese Montolo Bossi legava al Consorzio della Misericordia di Milano (una delle più antiche e ricche Opere Pie di quella città), diverse terre da lui possedute a Novate; con l'onere però, posto a carico di questa Opera pia, di far celebrare in perpetuo, il giorno anniversario della sua morte (il 26 agosto), 12 Messe nella chiesa parrocchiale di Novate; e di far distribuire ai poveri di quella città, in perpetuo, in quello stesso giorno, 2 moggia di pane di frumento, ben cotto.[39][40]

Da questo documento si ricava poi anche un dato di notevole interesse storico: il nome del primo, più antico titolare della chiesa parrocchiale di Novate Milanese, di cui sia pervenuto il ricordo: il reverendo Antonio de Lucino (1451). Dieci anni dopo la stesura di questo testamento si ha un dato di particolare importanza per la vita religiosa novatese: nel 1461, per spontanea iniziativa di un gruppo di pii novatesi, sorge il primo nucleo di quella che sarebbe poi diventata la Scuola, o meglio la Confraternita, della Natività della Vergine Maria[42]; una numerosa ed attiva Confraternita, proprietaria di diverse terre della zona, la cui attività sarebbe ininterrottamente durata fin verso la fine del 1700, allo scioglimento di tutte le confraternite religiose decretato dal governo imperiale austriaco.[39][40]

Novate nel feudo di Desio (1476-1674)[modifica | modifica wikitesto]

Atto di investitura del feudo di Desio, concesso da Galeazzo Maria Sforza alla contessa di Melzo[43]
Frontespizio del fascicolo contenente gli atti di vendita della contea di Desio a Giorgio Manrique de Lara, 7 maggio 1580[44]

Il 1476 costituisce un anno particolarmente importante per la storia di Novate. Infatti, in forza di un decreto del 13 giugno 1476, il duca di Milano Galeazzo Maria Sforza stralcia, da quella data, la terra di Novate dal contado di Milano, e, con un certo numero di altre terre circumvicine, la inserisce in un feudo da lui appositamente costituito - il feudo di Desio - investendone contestualmente una sua cortigiana: Lucia Marliani. Da questa data, pertanto, la storia di Novate si divarica da quella del contado di Milano, per seguire definitivamente le sorti del feudo desiano.[45][46]

I feudi, a quell'epoca, erano di norma costituiti da un certo numero di terre, che il duca conferiva ad una persona, o a titolo gratuito, per qualche benemerenza acquisita dall'infeudato nei suoi confronti, o a titolo oneroso, mediante l'esborso di una certa somma di denaro, per ottenerne un utile. Nel caso specifico, le somme venivano versate dal feudatario alla Regia Camera Ducale, la quale costituiva il più elevato organo centrale che amministrava i feudi camerali. L'infeudato, peraltro, al quale era riservato di norma - il diritto di amministrare la giustizia sul suo territorio e di percepire i proventi di alcuni dazi e gabelle, doveva, a sua volta, prestare giuramento di fedeltà al sovrano concedente, impegnandosi a soccorrerlo, anche materialmente, in caso di necessità.[45][46]

Succeduti, nel frattempo, nel feudo, alla Marliani, i due figli naturali da lei avuti dal duca Galeazzo Maria Sforza: Galeazzo e Ottaviano Sforza (futuro Vescovo di Lodi), nel 1512 Luigi XII di Francia - che nel frattempo aveva occupato militarmente il ducato di Milano - eleva il feudo desiano alla dignità di contea.[45][46] Dopo movimentate vicende politiche e militari, che vedono il ducato di Milano, alternativamente, nelle mani degli Sforza e dei francesi, Francesco I di Francia, nel 1520, investe della contea di Desio Ottaviano Ro. Tornati ancora una volta gli Sforza a Milano, Francesco II Sforza annulla però la precedente investitura, ed investe nuovamente del feudo desiano Galeazzo Ferrario, nel 1524.[45][46]

Quattro anni dopo quest'ultima infeudazione, si ha un ulteriore rilevante avvenimento per la storia novatese.[45][46] Il Senatore ducale Bernardino Busti, che possedeva a Novate diverse terre, con suo testamento del 28 maggio 1529, nomina suo erede universale il Luogo Pio Elemosiniero della Misericordia, di Milano. A questo riguardo, però, pone a carico di questa Opera Pia, un onere ben preciso: quello di far costruire dopo la sua morte, a Novate, una chiesetta dedicata a San Celso (quella che successivamente diverrà la chiesetta del Gesiö), nella quale far celebrare quotidianamente una Messa a suffragio dell'anima del suo fondatore.[45][46]

Morto nel 1530 il conte Galeazzo Ferrario, senza figli maschi, il duca di Milano Francesco II Sforza, il 21 febbraio 1529, investe della contea di Desio, Vespasiano Roadino, cavallerizzo ducale. Questi, non si sa per qual motivo, dopo poco, la restituisce alla Regia Camera Ducale; e pertanto, ridivenuta disponibile, l'11 settembre 1530, il duca Francesco II Sforza concede la contea di Desio a Giacomo Gallarati.[45][46] Nel frattempo matura un avvenimento particolarmente importante per la storia religiosa di Novate: con un suo breve del 30 marzo 1541, papa Paolo III riconosce canonicamente la Confraternita della Natività della Vergine, di Novate, confermandone gli antichi Statuti ed approvando l'operato di questo pio sodalizio, anche per quanto da questo svolto nei secoli passati.[45][46] Proprio all'incirca in questo particolare momento storico, si inserisce la figura di un altro illustre novatese, ricordato a Novate dal nome di una sua via: lo scultore Bernardino da Novate. Questi, fra l'altro, risulta essere stato l'autore della statua del patrizio genovese Cattaneo Pinelli (Genova, 1555), delle due statue della Fama e della Vittoria, situate agli estremi del mausoleo del Duca Giangaleazzo Visconti, nella Certosa di Pavia (1560), e della tomba del nobile genovese Ceva Doria, nella chiesa di Santa Maria della Cella di Sampierdarena (1574).[45][46]

Ancora, due fatti di una certa rilevanza interessano Novate: il primo è costituito dalla visita pastorale effettuata alla chiesa parrocchiale, il 25 e 26 luglio 1573, dall'Arcivescovo di Milano, il Cardinale Carlo Borromeo, il quale, fra le altre numerose "ordinazioni" impartite al parroco, aveva anche ordinato di far costruire una chiesa nuova e più grande di quella allora esistente; il secondo è costituito invece dalla compilazione del primo status animarum della parrocchia locale, redatto il 25 aprile 1574. Quest'ultimo costituiva un vero e proprio censimento di tutti i componenti della parrocchia, e conteneva l'elencazione nominativa di tutti i cittadini di Novate, ammontanti a 792, con l'indicazione per ciascuno di essi dell'età e della professione svolta.[45][46]

Tornando al feudo di Desio: morto, senza eredi maschi, l'ultimo feudatario della contea di Desio, il conte Guido Gallarati, la Regia Camera Ducale rientra nel possesso del feudo desiano; feudo, che la stessa Regia Camera, il 7 maggio 1580, rivende all'asta - per 63.000 lire imperiali - a Giorgio Manrique de Lara.[45][46]

A partire da questa data, la terra di Novate rimarrà infeudata alla famiglia Manrique, esattamente per 96 anni. Circa una trentina di anni dopo che i Manrique erano diventati i nuovi titolari del feudo desiano, e più esatta mente nel 1613, Filippo III di Spagna eleva la contea di Desio alla dignità di marchesato (cessata la dinastia degli Sforza, infatti, il ducato di Milano era stato occupato militarmente dall'Imperatore Carlo V d'Asburgo, re di Spagna).[45][46] Proprio in questo stesso anno 1613 viene condotta, nella parrocchia novatese, una delle più dettagliate e complete visite pastorali di cui sia pervenuto il ricordo: quella effettuata dal Canonico Giovanni Stefano Giussano. Risalgono invece a cinque anni dopo questa importante visita pastorale due dati di notevole interesse storico per la storia novatese: il nome del primo Sindaco di Novate di cui sia pervenuto il ricordo, Luigi Carcano (1618) e la esecuzione del dipinto ad olio, che ancora oggi viene conservato nella chiesa parrocchiale dedicata ai Santi Gervaso e Protaso, la Natività della Vergine, eseguito da Camillo Procaccini nel 1618, verosimilmente commissionata dalla Confraternita della Natività di Novate, per ornare la cappella della chiesa parrocchiale, in cui questa era solita officiare.[45][46]

Nella determinazione di liberarsi delle terre costituenti il feudo di Desio, la famiglia Manrique, a partire dal 1674, dà inizio a tutta una serie di atti di vendita, il primo dei quali è proprio quello relativo alla terra di Novate. Con atto del 19 aprile 1674, il marchese Giovanni Manrique retrovende infatti le terre di Novate e di Roserio, già facenti parte del feudo desiano, alla Regia Camera Ducale. In conseguenza di questo atto, Novate viene definitivamente scorporata dal feudo desiano, del quale aveva seguito le sorti per poco meno di 200 anni.[45][46]

Novate, con Roserio, a capo del suo feudo (1674-1800)[modifica | modifica wikitesto]

Cabreo delle terre novatesi di proprietà del Consorzio della Misericordia di Milano al marzo 1683[47]
Manifesto del 4 novembre 1793 con oggetto la messa all'asta di beni della soppressa Confraternita della Natività della Vergine[48]

Lo stesso giorno che le terre di Novate e di Roserio erano state acquistate dalla Regia Camera Ducale, questa le rivende per la somma di 9.240 lire imperiali a Carlo Pogliaghi.[49][50] In forza di questa vendita, intervenuta il 19 aprile 1674, Novate diventa il centro di un nuovo feudo, di cui fa parte con la vicina terra di Roserio, sottoposto, forse solo più nominalmente che sostanzialmente, alla famiglia dei marchesi Pogliaghi.[49][50]

Pochi anni dopo questa nuova infeudazione, e più esattamente nel 1683, il Luogo Pio Elemosiniero della Misericordia di Milano, fa redigere un documento denominato comunemente "cabreo" - che contiene la descrizione di tutte le terre di Novate, che, in quell'epoca, erano di proprietà di questa antica Opera Pia milanese. Questo documento, si è rivelato di particolare interesse per la storia novatese, in quanto, non solo consente di individuare, pur con una certa approssimazione, l'ubicazione di numerose antiche località terriere del comune, il cui nome risulta ormai quasi completamente dimenticato, ma anche di conoscere l'ubicazione dei due antichi mulini di Novate, il percorso dei numerosi fontanili che un tempo solcavano l'abitato della città, ed altre interessanti notizie. Pochi anni dopo che il trattato di Rastadt aveva definitivamente sanzionato il passaggio della Lombardia all'Austria (1714), viene realizzato un atto di particolare interesse economico per la storia di Novate: la compilazione, nel 1722, del primo vero e proprio catasto del comune. Quest'ultimo, che dal nome del suo propugnatore, avrebbe poi preso il nome di catasto di Carlo VI, viene conservato presso l'Archivio di Stato di Milano e si rivela molto rilevante per la storia novatese, in quanto consente di conoscere la forma e la estensione delle diverse proprietà terriere del tempo, con il nome dei loro rispettivi proprietari, nonché poter studiare dettagliatamente la configurazione topografica del centro urbano di Novate, come si presentava nella prima metà del Settecento.[49][50]

Nell'estate del 1733, scoppia frattanto a Novate una breve, ma violenta epidemia di vaiolo. Due anni dopo, nel 1735, tornati a Milano i gallo-sardi, proprio nelle terre vicino a Novate, vengono combattute, fra il gennaio e l'aprile di quell'anno, una lunga serie di scaramucce fra truppe gallo-sarde e truppe imperiali austriache: scontri, che provocano la morte, sul territorio novatese, di 52 militari sardi facenti parte del reggimento di "Tarantasia". Nel frattempo, nonostante questi avvenimenti guerreschi, la parrocchia di Novate continuava ad essere periodicamente visitata dai suoi arcivescovi. Fra le numerose visite pastorali condotte in questo periodo, per la loro completezza, e per la loro importanza, meritano di essere ricordate le tre seguenti: quella eseguita nel 1688, dall'Arcivescovo di Milano Cardinale Federico Visconti; quella eseguita nel 1709, dall'Arcivescovo Cardinale Giuseppe Archinto; e quella condotta nel 1747, dall'Arcivescovo Cardinale Giuseppe Pozzobonelli.[49][50]

Al 1770 risale poi un dato demografico di notevole interesse: la realizzazione del primo, vero e proprio censimento del nostro Comune. L'esito risulta essere il seguente: 970 abitanti, dei quali 494 uomini e 476 donne. Nel 1786 vi sarà un altro importante avvenimento cittadino: l'inaugurazione del nuovo cimitero: prima di questa data, i defunti venivano seppelliti o in chiesa o nel piccolo cimitero che anticamente si trovava situato accanto alla chiesa parrocchiale.[49][50] Da una curiosa documentazione conservata nell'Archivio di Stato di Milano, relativa alla seconda metà del 1700, si ricava che le pubbliche riunioni del Comune di Novate, venivano tenute, in quel periodo, sulla piazza della chiesa. Quando però il tempo era inclemente, queste venivano trasferite in una stanza della casa di un certo signor Giuseppe Barone, che si trovava situata nei pressi della chiesa; il Barone, a questo titolo, percepiva infatti un canone di 15 lire annue.[49][50]

Verso la fine del 1700, e più esattamente fra il 1786 ed il 1793, in ottemperanza ad un decreto del governo austriaco, viene sciolta l'antica e benemerita Confraternita della Natività della Vergine di Novate e i suoi beni vengono venduti all'asta, a favore della Regia Amministrazione Generale del Fondo di Religione, che li aveva in precedenza incamerati.[49][50]

Nel frattempo, peraltro, la lunga storia feudale di Novate stava per giungere al suo epilogo: in forza di una legge del 30 dicembre 1800, il governo francese, instauratosi in Lombardia, abolisce definitivamente tutti i diritti feudali in questa regione. In conseguenza di questa disposizione, venuto a cessare il vincolo di soggezione che legava gli abitanti novatesi alla famiglia dei marchesi Pogliaghi, loro ultimi feudatari, Novate, dopo 324 anni, si libera definitivamente da ogni vincolo di natura feudale.[49][50]

Novate fino all'unità d'Italia (1800-1877)[modifica | modifica wikitesto]

Con la fine del regime feudale, la storia di Novate a partire dal 1800 viene praticamente ad identificarsi con quella della Lombardia.[22][23] Risalgono a questo periodo, l'avvento di Napoleone Bonaparte nel 1800, la costituzione della Repubblica Italiana nel 1802, l'incoronazione di Napoleone re d'ltalia nel 1805, ed infine, nel 1814, il Congresso di Vienna, che avrebbe definitivamente decretato il passaggio della Lombardia all'Impero Austriaco.[22][23]

Su questo sfondo politico, particolarmente movimentato, a Novate verrà costituita nel 1801 la prima Opera Pia di Novate, l'Opera Pia Bollini, che aveva come suo scopo principale quello di costituire annualmente una dote, per una fanciulla povera di Novate. Seguono, nel frattempo, alcune notizie relative alla chiesa parrocchiale novatese: nel 1815 viene allungata la sua navata centrale, mentre sui due fianchi vengono costruite altrettante nuove navate laterali; nel 1824 viene ampliato il coro; mentre nel 1829 viene ristrutturato tutto il campanile, che in quella occasione viene anche dotato di un nuovo concerto di 5 campane.[22][23]

Due importanti eventi risultano poi relativi all'anno 1853: il primo è la costituzione di una nuova Opera Pia novatese, denominata Opera Pia Carrera; questa nuova Opera Pia prevedeva, fra l'altro, anche la corresponsione annuale di una dote ad una fanciulla povera della città; il secondo è invece la traslazione delle ossa del Senatore Bernardino Busti, all'interno dell'Oratorio dei Santi Nazario e Celso (il Gesiö), da lui istituito con il suo testamento del 1529. La traslazione era avvenuta a Novate il 25 luglio 1853, per iniziativa degli Amministratori del Consorzio della Misericordia di Milano, erede universale dei beni lasciati dal Busti.[22][23]

Dopo la Seconda guerra d'indipendenza italiana del 1859, Novate e la Lombardia si liberano definitivamente dall'occupazione austriaca, ed entrano a far parte del Regno di Sardegna; il 17 marzo 1861, Novate entra quindi a far parte del nuovo grande Stato unitario, costituito dal Regno d'Italia.[22][23]

Dopo l'entrata di Novate nel Regno unitario, un formale cambiamento interessa la città nel 1862, che modifica la propria denominazione in Novate Milanese, in forza del Regio decreto 13 Novembre 1862 n. 982, così da evitare fraintendimenti con le omonime località lombarde Novate Mezzola e Novate Brianza.[1][22][23]

Novate fino ai due conflitti mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Via Repubblica (al tempo, via Vittorio Emanuale[51]) fotografata nell'anno 1939[52]
Panorama di Novate Milanese alla fine degli anni '40[53][54]

A fine Ottocento, Novate si presenta ancora come un piccolo centro agricolo raccolto attorno ad un nucleo di cascine, abitato quasi interamente da contadini. Poiché il territorio è ricco di gelsi, molti installano in casa le tavole a castelli per i bachi da seta, arrivando addirittura a dormire all'aperto. La generale miseria stimola, alla fine del XIX secolo, una vivace emigrazione di novatesi verso le Americhe ed in particolare in Argentina. Non tutta la popolazione attiva che decide di restare a Novate riesce ad essere assorbita dall'agricoltura. Molti figli di contadini cominciano quindi a recarsi in città in cerca di lavoro impiegandosi soprattutto nei cantieri edili.[55] Si forma così una forte categoria di muratori novatesi che maturano il desiderio di associarsi per risolvere i propri problemi. Il risultato di tali processi è la nascita di un forte movimento cooperativo di ispirazione laica e socialista che costituirà un perno fondamentale in tutta l'evoluzione seguente di Novate. Nel 1889 nasce la Cooperativa di consumo La Previdente e nel 1901 la Cooperativa Edificatrice La Benefica. Saranno proprio i muratori a darsi da fare per dotare Novate delle strutture sociali di cui è carente: lavorando gratuitamente il sabato e la domenica costruiranno un asilo per i propri bambini.[55]

Nei primi anni del Novecento iniziano intanto a sorgere le prime industrie, seppure di piccole dimensioni. Nel 1905 inizia l'attività la fabbrica "storica" della città: la Fratelli Testori che realizza prodotti tessili per uso industriale. Nel 1910 nasce la Manifattura Testori, che fabbrica stoffe per arredamento. Entrambe sono collocate nel centro del paese. Negli stessi anni nascono anche le Filature Metti e un saponificio di proprietà della Cooperativa Mutua Provinciale fra Lavandai ("el stabiliment del savuun").[55]

Il processo di industrializzazione ha come effetto un generale miglioramento delle condizioni di vita. Già nei primissimi anni del Novecento si manifesta a Novate uno spirito di solidarietà "municipale" tra muratori, contadini, operai e anche piccoli borghesi con l'obiettivo di conquistare la direzione della vita pubblica locale. Nel 1905 vince la lista popolare e il 10 settembre dello stesso anno viene eletto sindaco Marino Vaghi, socialista e presidente della Cooperativa La Benefica.[55]

Sono molti i caduti fra i novatesi nel corso della Grande Guerra: tra essi Clemente Bonfanti, sindaco di Novate.[55]

Il risentimento popolare esplode il primo maggio 1917: contro i tentativi di impedire la celebrazione della Festa del Lavoro i novatesi scendono per le strade per protestare contro la guerra. I manifestanti vengono caricati ripetutamente da un reparto di cavalleria dell'esercito. Le dimostrazioni durano alcuni giorni e si concludono con decine di arresti. Dopo la fine del primo conflitto mondiale l'abitato di Novate comincia ad espandersi fuori del perimetro del vecchio centro. Si assiste contemporaneamente all'ampliamento delle industrie esistenti ed all'insediamento di nuove. A questo periodo risalgono la Fargas e la Cucirini. Nel 1927 viene aperta l'officina delle Ferrovie Nord. A Novate la sezione del Fascio nasce dopo la marcia su Roma del 1922, data alla quale sopravvive ancora una giunta di sinistra. Il Circolo Sempre Avanti (costituito nel 1905) viene devastato nel corso del 1924 e riaperto due anni dopo come Circolo del Partito Fascista. L'avvento del Fascismo porta all'arresto di un gran numero di cittadini novatesi.[55]

È nel 1944 che il movimento di Resistenza si sviluppa a Novate in modo organizzato. I Fascisti emanano il decreto di condanna a morte per i renitenti alla leva che non si fossero presentati entro l'8 marzo seguente. Vi sarà un proliferare di iniziative. Nascono i distaccamenti locali della 107ª, della 111ª, della 127ª brigata Garibaldi, della 62ª brigata Matteotti e si gettano le basi di quello che sarà il distaccamento della brigata SAP del Fronte della Gioventù. Molti partigiani perdono la vita. Il 25 aprile 1945 nel campo di concentramento di Mauthausen muore Angelo Lodi, arrestato a Milano per avere svolto una intensa attività partigiana. Sotto la direzione del CLN, i gruppi partigiani arrivano intanto a controllare tutta Novate: quando, dopo alcuni giorni, attorno al 30 aprile, giungono a Novate i primi nuclei di soldati alleati, trovano un paese perfettamente organizzato e che ha già saputo darsi nuove strutture democratiche. Si attende il ritorno a casa di prigionieri e internati: a Novate se ne aspettano 38. Fra caduti e dispersi, Novate ha perso complessivamente 70 cittadini.[55]

Novate dopo il secondo conflitto mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Piazza Martiri della Libertà in una fotografia degli anni '70[56]
Monumento ai caduti novatesi, di Ambrogio Fumagalli[57]

Il Sindaco della Liberazione (così verrà chiamato per molti anni) è Carlo Ghezzi, direttore della Previdente. Anche a Novate questi sono gli anni della ricostruzione che, anche a seguito dell'aumento demografico e dell'emergere di nuove necessità, implica necessariamente l'adeguamento di diverse infrastrutture, tra cui fognature, acquedotto, strade e scuole.[58]

È questo il periodo in cui a Novate si sviluppa la vivace presenza delle cooperative di ispirazione cattolica: nel 1946 nascono la Cooperativa del Lavoratore ACLI e il Circolo del Lavoratore ACLI; nel 1948 viene costituita la Cooperativa Edilizia Casa Nostra e, successivamente, all'inizio degli anni Settanta, la Cooperativa Edilizia Novatese, anch'essa legata alle ACLI. Nel frattempo, dopo il primo singolare fenomeno immigratorio dei "cremaschi" negli anni Trenta, a Novate negli anni Cinquanta arrivano cittadini provenienti da comuni della provincia di Milano e da varie regioni dell'Italia settentrionale e nel decennio successivo si registra lo spostamento di gruppi più consistenti di immigrati dall'Italia meridionale e da Milano città.[58]

Si sviluppa e si trasforma quindi il tessuto urbano; in particolare nel vecchio centro, caratterizzato dalle tipiche corti vengono introdotti alcuni elementi di novità con la realizzazione dei tratti porticati in via Repubblica e dell'articolato complesso del Centro Civico, comprendente la galleria ribassata e la piazza sopraelevata. Negli anni Cinquanta si assiste ad un netto ridimensionamento dell'attività agricola e di contro ad un considerevole aumento delle industrie manifatturiere (meccaniche, tessili, chimiche e derivate) che nel decennio 1951-61 crescono del 92,83%.[58]

Il primo Piano Regolatore di Novate, approvato dal Consiglio Comunale il 14 marzo 1959, pur venendo attuato da subito, non otterrà mai l'autorizzazione del Ministero; la sua approvazione, prevista per il 1965, viene bloccata a causa della controversa introduzione delle "convenzioni" con i privati. La Legge 167 sull'edilizia popolare del 18 aprile 1962 e le direttive del Piano Intercomunale Milanese del 1967/68 (che vara tra l'altro il progetto del Parco delle Groane) precedono il Piano Regolatore di Novate deliberato dal Consiglio Comunale nel 1969 e approvato dalla Regione Lombardia il 30 gennaio 1973. All'inizio degli anni Settanta si procede alla costruzione di nuove sedi per asili nido e scuole materne, elementari e medie, oltre alla ristrutturazione degli edifici già esistenti.[58]

Nel 1974 si ha la realizzazione del sottopasso alla ferrovia Milano-Saronno. Negli stessi anni si assiste, nelle attività economiche, ad un progressivo aumento della percentuale di addetti al settore terziario: servizi, credito, trasporti e telecomunicazioni. Nel 1982 viene approvato dalla Regione Lombardia il nuovo Piano Regolatore Generale già deliberato dal Consiglio Comunale il 16 novembre 1979; questo, modificato nel corso del tempo da diverse varianti ha guidato lo sviluppo urbanistico della città che tra le opere pubbliche più rilevanti ha visto la realizzazione del centro polifunzionale Polì, la costruzione di nuovi spazi pubblici e la ristrutturazione di Villa Venino, quale centro culturale e nuova sede della Biblioteca novatese.[58]

Storia di Novate Milanese fino al 1946[59]

Regno d'Italia (1861-1946)Regno di Sardegna (1720-1861)Regno Lombardo-VenetoImpero austriacoRegno d'Italia (1805-1814)Repubblica Italiana (1802-1805)Repubblica Cisalpina

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone attuali sono stati concessi con DPR del 10 gennaio 1984.[60][3]

Stemma
Lo stesso argomento in dettaglio: Stemma di Novate Milanese.
Lo stemma attuale
Lo stemma in uso tra il 1933[N 2] e il 1984

«Fasciato d'oro e di rosso, alla banda d'azzurro, attraversante, caricata del leone leopardito d'argento, lampassato di rosso. Ornamenti esteriori da Città.[61][3]»

L'origine dello stemma è certa: esso ricalca fedelmente[N 3] l'antico stemma dei Da Novate, famiglia originaria di Novate Milanese, nota già dal XIII secolo, il cui stemma risulta miniato a pagina 247 dello Stemmario Trivulziano[66][3]

Il primo stemma attribuito al comune risale al 1933[60], e fu proposto del cavalier Francesco Forte dell'Archivio di Stato di Milano.[67][68]

Tale stemma era blasonato come segue:

«D'azzurro, alla catena d'oro, formante un triangolo isoscele e circondante un fascio di spighe di grano al naturale, accompagnato da due trifogli, anche d'oro, posti verso il vertice inferiore del triangolo. Ornamenti esteriori da Comune.»

Questo stemma, tuttavia, nasceva sulla base di un errore nella ricerca araldica dei relativi elementi: essi si riferivano non alla famiglia Manriquez (o Manriques), in passato feudataria del comune, quanto piuttosto alla famiglia Mendozza, spagnola, che mai ebbe alcun rapporto con la città.[67][68]

Nel 2004, in seguito alla concessione del titolo di città, lo stemma venne aggiornato con i relativi ornamenti.[67][68]

Gonfalone

«Drappo d'azzurro riccamente ornato di ricami d'oro e caricato dello stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in oro: Città di Novate Milanese

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Titolo di Città - nastrino per uniforme ordinaria

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa dei Santi Gervaso e Protaso
La chiesa dei Santi Gervaso e Protaso

La Chiesa dei Santi Gervaso e Protaso[N 1] è la chiesa principale di Novate Milanese. Situata nel pieno centro cittadino, rappresenta anche il più antico edificio religioso novatese in funzione: le prime notizie certe sull'esistenza della chiesa risalgono al 1042,[16][37] benché notizie più dettagliate su di essa si ebbero solo con la visita del Cardinale Carlo Borromeo, avvenuta il 25 e 26 luglio del 1573. La chiesa, a pianta quadrangolare, si presentava rivolta verso oriente, con ingresso principale sul lato occidentale e due ingressi supplementari posti sul lato meridionale, quello più vicino all'altare era riservato agli uomini, mentre quello più distante era riservato alle donne, le quali dovevano prendere posto al fondo dell'edificio.[16]

Sulla sinistra dell'edifico trovava posto il Battistero, mentre sulla destra si estendeva un piccolo cimitero, oltre il quale sorgeva l'antica chiesa dedicata a San Dionigi[69] (quest'ultima risalente a fine del Duecento e demolita intorno al 1588, proprio per consentire l'ampliamento della Chiesa dei Santi Gervaso e Protaso[70]). Al termine della visita, il Cardinale Borromeo ordinerà una serie di opere di ampliamento della chiesa, tra cui la creazione di un'abside unica al posto della precedente coppia di cappelle e la realizzazione di una nuova sagrestia; tali interventi sarebbero stati posti a carico dei novatesi più abbienti e delle confraternite locali.[69]

Gli interventi di ristrutturazione, secondo i documenti del tempo, sarebbero terminati nel 1592, dando vita ad un nuovo edificio provvisto di due cappelle laterali: quella di destra era dedicata a Maria Vergine, quella di sinistra era invece dedicata a San Dionigi, in ricordo della chiesetta che dovette essere demolita.[69][70]

Successive trasformazioni dell'edificio risalgono al 1613, quando la chiesa sarà dotata di tre cappelle a pianta quadrata: quella più grande e in posizione centrale è dedicata ai Santi Gervaso e Protaso, le due laterali sono entrambe dedicate a Maria (specialmente, quella di sinistra era detta "dei Sette Dolori" ed è qui che officiava la Confraternita della Natività della Vergine Maria). Analogamente alle cappelle, anche il campanile presentava una base quadrata ed era posto alla sinistra della sagrestia[71] (quest'ultimo sarà oggetto di successivi interventi nel 1950 e nel 1953, consistiti nell'innalzamento e ampliamento del concerto di campane, passate da tre a cinque[72])

La chiesa attuale ha la forma di una croce latina, a tre navate, realizzate da una serie di colonne binate in marmo di Giaveno e presenta un vasto transetto terminante in due cappelle laterali, una vasta abside affiancata da due piccole cappelle laterali, due ampi vani adibiti uno a sagrestia ed uno a penitenzieria e, ancora, una vasta cripta sottostante la parte anteriore della chiesa ed un elevato campanile di circa 50 metri d'altezza.[73] Dalla parete di sinistra della chiesa ai accede, per mezzo di una porta seminascosta, all'antico oratorio di S. Giuseppe, eretto qualche anno prima del 1741 a spese dell'abate Giuseppe Rancati, canonico della basilica dei Santi Apostoli di Milano, consistente in un locale di forma rettangolare - il cui lato maggiore aderisce al fianco sinistro della chiesa. Questo sorge sull'area in cui un tempo sorgeva la primitiva chiesa di San Protaso.[73] Sul lato destro si trova un antico altare con un paliotto lavorato in scagliola contenente la raffigurazione di San Giuseppe.[73] Nella chiesa è conservata una tela di Camillo Procaccini raffigurante la Natività della Vergine, risalente al 1618.[16]

Chiesa della Sacra Famiglia

La storia della chiesa della Sacra Famiglia ha inizio nel 1954, quando Teresa Picozzi-Catilina dona un appezzamento di terreno di oltre 5000 m², da destinare alla costruzione di una chiesa che potesse soddisfare le esigenze del quartiere tra Novate Milanese e Baranzate.[74]

La chiesa, costruita dalla ditta Corsi di Novate su progetto dell'architetto Don Enrico Villa, viene inaugurata il 4 luglio 1959 e, due anni più tardi, viene eretta canonicamente la parrocchia della Sacra Famiglia. Il 15 maggio 1966 fu inaugurata la grotta della Madonna di Lourdes nel piazzale antistante la chiesa, nel 1971 il nuovo centro parrocchiale e nel 1982 i campi da basket e pallavolo, costruiti dalla comunità parrocchiale.[74]

L'edificio si presenta a campata unica con tetto a falda[75]; nella nicchia centrale, dietro ad un piccolo altare in marmo, si trova un affresco raffigurante la Famiglia di Nazareth con due angeli ai lati. Sopra le porte d'accesso alla sacrestia trovano posto altri due piccoli affreschi raffiguranti la Sacra Famiglia. La chiesa è poi arricchita da una serie di otto tele raffiguranti disparate vicende tratte dall'Antico e dal Nuovo Testamento, dipinte da Cesare Rovagnati negli anni '90. La narrazione inizia con "La Creazione del Mondo", vicino all'altare, e si sviluppa nei primi quattro quadri illustrando i principali temi dell'Antico Testamento con uno stile pittorico naïf. La seconda tela, "La Negatività", raffigura l'espulsione dal Paradiso Terrestre, il Diluvio universale e la Torre di Babele; un arcobaleno rappresenta la speranza e collega idealmente il terzo quadro, "Dio chiama Abramo", che mostra l'apparizione di Dio ad Abramo, il sacrificio di Isacco e il sogno di Giacobbe. Il quarto quadro affronta il tema di Mosè con la fuga dall'Egitto, la consegna delle Tavole della Legge e l'arrivo nella Terra Promessa.[74]

Sulla parete laterale destra, vicino alle porte d'ingresso, è rappresentato il primo quadro del ciclo del Nuovo Testamento, "Il Battesimo di Gesù": una colomba in volo collega la natività al battesimo di Cristo, trasformandosi da uccello ad angelo; il fiume Giordano diventa il lago di Tiberiade, mentre il racconto prosegue con la chiamata degli Apostoli. Il quadro successivo è intitolato "Le Beatitudini": al centro del dipinto sorge un monte e due mani che si aprono dal cielo ad indicare, sulla sinistra, il seminatore ed il buon samaritano, mentre sulla destra i miracoli di Gesù. Nella tela successiva viene illustrata l'Ultima Cena, con la tavola al centro del dipinto, posta tra le raffigurazioni dell'ingresso in Gerusalemme e il bacio di Giuda con la cattura di Cristo. L'ultimo quadro, in prossimità dell'altare, rappresenta "La Morte e la Resurrezione di Cristo", con un cielo oscuro che si lacera aprendosi alla luce, raffigurante la Resurrezione.[74]

Gli interni della chiesa sono completati dalle tappe della Via Crucis in terracotta e dal crocifisso in legno, realizzato da un gruppo di artigiani del Trentino Alto-Adige.[74]

Chiesa di San Carlo Borromeo

La chiesa di San Carlo Borromeo sorge nel quartiere nord di Novate: qui, una prima cappellina dedicata a san Carlo Borromeo viene aperta già l'8 dicembre 1965 all'interno di un locale concesso in uso gratuito dalla Cooperativa Casa Nostra in via Andrea Costa 34.[76]

Sarà questo il luogo in cui verranno ospitate le celebrazioni fino al Natale 1978, quando viene completata la costruzione di una nuova palazzina con abitazione del sacerdote, con annessi cappella ed oratorio provvisori, in attesa della realizzazione, su terreno donato agli inizi degli anni Sessanta da Ernesta Venino, del nuovo centro religioso completo.[76]

Il 15 agosto 1982 viene costituita la parrocchia di San Carlo Borromeo e dieci anni più tardi, nel 1992, hanno inizio i lavori per la costruzione della nuova chiesa. L'edificio viene completato nel 1994 e il 3 settembre di quell'anno viene celebrata la prima messa. Il 4 novembre successivo, nella festa di san Carlo, ha luogo l'inaugurazione ufficiale ed il 28 settembre di due anni dopo, il cardinale Carlo Maria Martini dedica la nuova chiesa a Dio e a san Carlo Borromeo.[76]

La chiesa è stata progettata dall'architetto Angelo Galesio, personaggio che ha segnato nel profondo la fisionomia di Novate. Il modello ispiratore è quello della capanna, di forte richiamo simbolico e storico. Nell'insieme, la chiesa è costruita prevalentemente in cemento armato e mattoni a vista e ha una superficie di 1058 m², tenendo conto della sagrestia e della cappella laterale, con campate di altezza variabile tra 7 e 16 metri.[76]

L'edificio si presenta a navata unica, per accrescere il senso di accoglienza, con una imponente vetrata che si apre nella parete di fondo e che colpisce immediatamente l'occhio dell'osservatore, opera questa dell'artista trentino Glauco Baruzzi.[76] Al di sopra dell'altare è posto un grande crocifisso in noce, opera dello scultore Giuseppe Mariani, che intende rappresentare Cristo in croce e Cristo risorgente, secondo l'antica teologia della Croce. Altare, pulpito e battistero sono tre giganteschi blocchi di granito, selezionati direttamente da una cava in Val d'Ossola, a Baveno. Dello stesso materiale sono pure il tabernacolo, lo schienale della sedia presidenziale e le tre acquasantiere.[76] Sulla parete dietro l'altare è poi presente un quadro di san Carlo Borromeo, realizzato dall'artista Gabriella Biffi, mentre la statua in legno della Madonna con il Bambino è stata realizzata dalla Scuola Beato Angelico di Milano.[76]

Come desiderato in vita da Giovanni Testori, a partire decennale della sua morte la chiesa di San Carlo Borromeo ospita quattro tele del pittore giapponese Kei Mitsuuchi, appartenute allo stesso Testori, che vanno a comporre un ciclo di opere sulla vita di Gesù, intitolate rispettivamente "Crocifissione", "Salita al Calvario", "Deposizione" e "Cristo deposto".[76]

Nella chiesa è infine presente un imponente organo risalente al 1828, realizzato da Gaspare Chiesa per la chiesa parrocchiale di San Pietro a Castelveccana, in provincia di Varese. Qui, l'organo fu sostituito con un altro esemplare e di conseguenza abbandonato nelle cantine della canonica, fino a quando verrà notato da un cittadino novatese e acquistato dal comune. Una volta giunto a Novate Milanese, l'organo viene restaurato con il contributo di professionisti locali e installato nella chiesa di San Carlo Borromeo, all'interno di un piano rialzato posto sopra l'altare.[77]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Demografia preunitaria[78]


Abitanti censiti[79]

Nati: 160 (2010) Morti: 181 (2010) Incremento naturale: -21 (2010) Saldo migratorio: +62 (2010)

Popolazione per età in percentuale:

Età 1982 1992 2002 2012
75+ 2,9 5,5 7,1 10,7
60-74 10,0 12,3 17,5 19,4
45-59 18,3 21,9 22,3 22,7
30-44 25,4 23,5 23,5 20,4
15-29 22,4 23,0 17,1 13,7
0-14 21,0 13,8 12,5 13,1

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2022 la popolazione straniera era di 1.707 persone, pari al 8,57% della popolazione.[80]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca comunale di Novate Milanese, nella sede di Villa Venino

La biblioteca di Novate Milanese sorge nel 1953 e rappresenta uno dei principali punti di riferimento culturale del territorio. Nel corso degli anni, essa ha saputo adattarsi alle trasformazioni della società, aggiornandosi negli spazi e nei servizi offerti.[81] Dopo essere stata ospitata nella storica sede situata nell'edificio comunale (ex Casa del Fascio) negli anni Settanta la biblioteca è stata trasferita in una nuova sede in via XXV Aprile, salvo poi trasferirsi nuovamente agli inizi degli anni Ottanta, quando la biblioteca è stata collocata nel palazzo comunale, disponendo questo di spazi più adeguati per rispondere alle emergenti esigenze dei cittadini novatesi, come l'introduzione di nuovi strumenti, tra cui lo spazio per l'infanzia, la videoteca, i media digitali e l'accesso a internet.[58][81]

A fronte della sempre maggiore esigenza di ampliare gli spazi a disposizione della biblioteca, quest'ultima ha subito un ultimo, definitivo, trasferimento il 10 giugno 2006 presso Villa Venino, nel pieno centro cittadino.[82]

La biblioteca è parte dell'azienda speciale consortile Culture Socialità Biblioteche Network Operativo, per una gestione coordinata dei servizi bibliotecari con le altre strutture dell'area a nord di Milano.[83]

In aggiunta alla biblioteca comunale, dal 3 maggio 2019 l'amministrazione comunale ha predisposto un ulteriore spazio dedicato alla cultura. Il nuovo centro, denominato Di Vittorio 22, sorge nei locali di una ex-parafarmacia e offre spazio per incontri, corsi e laboratori, oltre a offrire una selezione di libri della biblioteca comunale, disponibili al prestito.[84][85] Anch'esso è parte del circuito CSBNO.[83]

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

A Novate Milanese hanno sede due istituti comprensivi statali, intitolati rispettivamente a Don Lorenzo Milani e a Giovanni Testori. Il primo si compone di due scuole dell'infanzia, di una scuola primaria e di una scuola secondaria di primo grado; il secondo si compone di una scuola dell'infanzia, di due scuole primarie e di una scuola secondaria di primo grado.[86] Completano il tessuto di istituti scolastici novatesi due scuole dell'infanzia paritarie.[86]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Mappa di Novate Milanese

Strade[modifica | modifica wikitesto]

A livello di infrastrutture stradali, il comune è attraversato da due autostrade. All'altezza del confine amministrativo settentrionale corre il tracciato in trincea dell'autostrada A52, tangenziale Nord, che ricalca in buona sostanza il tracciato della precedente SP46 Rho-Monza, oggetto di adeguamento infrastrutturale da parte di Milano Serravalle-Milano Tangenziali[87] ed elevamento a tratto autostradale, con conseguente chiusura dell'anello di tangenziali attorno a Milano.[88][89][90] In particolare, la città di Novate Milanese è servita, congiuntamente con la vicina Bollate, dallo svincolo Novate-Bollate.

Nella parte meridionale del comune corre invece l'autostrada A4 Torino-Trieste, la quale non presenta alcuno svincolo dedicato a Novate Milanese sul territorio. Sono unicamente presenti due varchi di servizio, aperti esclusivamente al personale autostradale di servizio, dei mezzi di soccorso e del locale centro operativo di Polizia stradale,[91] situati rispettivamente all'altezza dell'area di servizio "Novate Nord" e del Punto Blu di Novate Milanese. Il normale traffico veicolare fa invece uso dello svincolo sito nel comune di Cormano, nei pressi del confine con Novate. Peraltro, l'intero tratto di autostrada A4 che attraversa il territorio comunale è provvisto di quattro corsie per senso di marcia, grazie all'implementazione della quarta corsia dinamica, inaugurata proprio a Novate Milanese l'11 luglio 2023, alla presenza del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini.[92][93]

Il comune è inoltre attraversato dalla Strada provinciale 306 della Balossa, aperta al traffico il 2 dicembre 2023[87][94][95], costituisce un tratto di viabilità complanare all'autostrada A52, agevolando le interconnesioni veicolari tra i comuni di Novate Milanese, Bollate, Cormano e Paderno Dugnano, nonché con il tracciato della Strada statale 35 dei Giovi[87]. Il tracciato stradale ha una lunghezza complessiva di circa 3,2 km e presenta, tra il territorio novatese e quello della frazione bollatese Cascina del Sole[95], l'ecodotto "Balossa", situato nell'omonimo parco, costituito da una galleria della lunghezza di 100 m.[87] L'opera di costruzione di un apparato stradale complanare alla tangenziale nord dovrà essere completato con il tratto in progetto che collegherebbe, in territorio novatese, l'attuale SP306 allo svincolo A52 Novate-Bollate, in prossimità del triplice confine tra Novate Milanese, Bollate e Baranzate.[95][96]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Stazione ferroviaria di Novate Milanese

Novate Milanese è attraversata dalla ferrovia Milano-Saronno e presenta una stazione, servita dalle linee S1 e S3 del servizio ferroviario suburbano di Milano, gestito da Trenord, che collegano la città, rispettivamente, a Lodi e Milano Cadorna.[97] La stazione ferroviaria presenta complessivamente 7 binari e due banchine passeggeri, sebbene siano destinati al normale traffico passeggeri solamente una banchina e due binari, mentre i rimanenti sono destinati al transito di convogli e ai collegamenti con il locale deposito ferroviario.

A Novate Milanese ha infatti sede uno dei depositi ferroviari di Trenord, con annesso impianto manutentivo, per una superficie complessiva di 135000 m² e 6 km di binari di servizio.[98] Nel deposito, provvisto di 11 binari, vengono ricoverati i convogli ferroviari in attesa di prestare servizio e vengono eseguiti interventi di piccola manutenzione; nell'officina vengono invece eseguiti interventi di maggiore complessità.[98] Sempre dalla stazione di Novate Milanese, i treni iniziano il servizio viaggiatori ogni mattina.[98]

Al termine dei lavori di potenziamento dell'infrastruttura ferrovia, la stazione di Novate Milanese beneficierà del prolungano della linea S13 da Milano Bovisa-Politecnico a Garbagnate Milanese.[99][100][101]

La precedente stazione ferroviaria ritratta in una cartolina degli anni '30

L'attuale stazione ha sostituito la precedente struttura, dismessa nella notte tra il 31 marzo ed il 1º aprile 1990 e nei giorni successivi demolita e sorge oggi nel piazzale dedicato a Giovanni Testori, per scelta dell'amministrazione comunale risalente al 1998, per onorare il profondo legame che lo scrittore novatese aveva con la stazione ferroviaria, dalla quale aveva tratto ispirazione per alcune tra le sue opere più famose.[102]

Novate Milanese fa parte del sistema sistema tariffario integrato STIBM e si colloca nella zona tariffaria Mi3.[103]

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Novate Milanese è servita da una linea di autobus gestita da ATM, che collega la città con Milano e specialmente con le fermate Comasina M3 e Affori M3, quest'ultima interscambio con le linee S2 e S4 del servizio ferroviario suburbano.[97] Sono inoltre presenti linee gestite da Airpullman destinate al trasporto studenti in orario scolastico.[104]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Municipio di Novate Milanese[N 4]
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1861 1861 Carlo Mazzoni Sindaco
1861 1867 Vincenzo Cajo Sindaco
1867 1868 Carlo Catturini Assessore anziano
1869 1869 Pietro Gianetti Assessore anziano
1870 1872 Pietro Gianetti Sindaco
1873 1874 Francesco Caimi Assessore anziano
1874 1878 Pietro Gianetti Sindaco
1878 1881 Carlo Mazzoni Sindaco
1882 1893 Angelo Masserini Sindaco
1893 1894 Luigi Mazzoni Assessore anziano
1894 1894 Gaetano Cozzi Assessore anziano
1895 1898 Battista Bardelli Sindaco
1899 1902 Ausano Labadini Sindaco
1902 1905 Carlo Ceruti Sindaco
1905 1913 Marino Vaghi Sindaco
1913 1913 Francesco Vaghi Assessore anziano
1913 1914 Arturo Rognoni Sindaco
1914 1916 Clemente Bonfanti Sindaco
1916 1917 Angelo Guzzetti Assessore anziano
1917 1919 Angelo Guzzetti Sindaco
1920 1923 Santino Uboldi Sindaco
1923 1923 Alberto Robbiati Commissario prefettizio
1924 1926 Alfredo Pigorini Sindaco
1926 1930 Alfredo Pigorini Podestà
1930 1930 Cesare Maltini Podestà
1930 1932 Virgilio Cogliati Podestà
1932 1936 Giovanni Bracaglia Podestà
1937 1937 Giacomo Testori Reggente temporaneo
1937 1941 Filippo Criscuolo Doria Podestà
1941 1943 Pietro Paracchi Podestà
1943 1945 Virginio Scotti Commissario prefettizio
1946 1951 Carlo Ghezzi Sindaco
1951 1956 Carlo Ghezzi Sindaco
1956 1957 Angelo Comodo Sindaco
1957 1960 Carlo Ghezzi Sindaco
1960 1964 Carlo Ghezzi Sindaco
1964 1968 Anselmo Pulga Sindaco
1968 1970 Ercole Gorla Sindaco
1970 1975 Ercole Gorla Sindaco
1975 1980 Luigi Perego Sindaco
1980 1985 Luigi Perego Sindaco
1985 1990 Luigi Perego Sindaco
1990 1992 Mauro De Rosa Sindaco
1992 1995 Maurizio Lozza Sindaco
1995 1999 Amalia Fumagalli Centrosinistra Sindaco
1999 2004 Luigi Riccardo Silva Centrodestra Sindaco
2004 2009 Luigi Riccardo Silva Centrodestra Sindaco
2009 2014 Lorenzo Guzzeloni Centrosinistra Sindaco
2014 2019 Lorenzo Guzzeloni Centrosinistra Sindaco
2019 Daniela Maldini Centrosinistra Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Sono presenti numerosi impianti sportivi sul territorio comunale, tra i quali vale la pena di segnalare il centro sportivo dedicato ai caduti novatesi all'interno del parco Carlo Ghezzi (non abilitato per eventi agonistici con pubblico) e il centro polifunzionale Polì, con piscine (è attiva una squadra di pallanuoto, il Polì Novate) e palestra. Contribuiscono al patrimonio di attrezzature sportive della città il campo da calcio dell'Oratorio Maschile S. Luigi ed il centro sportivo comunale di recente costruzione. Sono presenti differenti società sportive, tra le quali la Polisportiva Novate e la squadra di basket Osal Novate. L'unica palestra abilitata ad accogliere eventi sportivi con pubblico è quella di via Cornicione, rinnovata nel 2012 in seguito a lavori di ristrutturazione a lungo rimandati.

Da Novate Milanese, in onore di Vincenzo Torriani, prendeva il via la classica ciclistica Milano-Torino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Esplicative[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c A Novate Milanese il nome dei santi patroni è predominante nella variante storica Gervaso e Protaso.[4][5][6][7][8] Minoritariamente, è impiegata la denominazione più recente Gervasio e Protasio,[9][10] nella quale l'aggiunta della "i" rappresenta una conseguenza del passaggio dalla lingua latina alla lingua italiana.[11]
  2. ^ Tra il 1933 e il 1944, allo stemma era aggiunto il capo del Littorio, per imposizione del regime
  3. ^ A livello tecnico, si nota la sostituzione dell'attributo "passante" con l'attributo "leopardito". Nella tradizione araldica italiana, specie in seguito alla regolamentazione attuata sotto il Regno d'Italia, i due termini si ritengono equivalenti[3], sicché il leone leopardito viene rappresentato con la testa di profilo, a differenza del leopardo che presenta la testa in maestà. Dunque, lo stemma viene rappresentato identicamente a quello storico.[62][63][64][65]
  4. ^ Nella fotografia, sulla facciata campeggia ancora lo stemma precedente al 1984

Bibliografiche e sitografiche[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Storia di Novate Milanese, su Comune di Novate Milanese. URL consultato il 7 febbraio 2024.
  2. ^ Il giornale dei novatesi (PDF), in Informazioni Municipali, anno 29, n. 5, Dicembre 2003, p. 29. URL consultato l'8 febbraio 2024.
  3. ^ a b c d e La Provincia di Milano e i suoi comuni, pp.280-281
  4. ^ Lorenzo Caratti, Guida storica della chiesa dei SS. Gervaso e Protaso di Novate Milanese, Novate Milanese, 2001.
  5. ^ Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese, su santigervasoeprotasonovate.it. URL consultato il 13 febbraio 2024.
  6. ^ Chiese, su chiesadinovate.it. URL consultato il 13 febbraio 2024.
  7. ^ Chiesa dei Santi Gervaso e Protaso in Novate Milanese
  8. ^ a b Festa Patronale 2011 (PDF), in La Comunità, anno XV, n. 22, 12 giugno 2011, p. 4. URL consultato il 13 febbraio 2024.
    «Domenica 19 Giugno – Festa Patronale SS. Gervaso e Protaso»
  9. ^ Caratti, pp. V-VI
  10. ^ Caratti, p. 64
  11. ^ Santi Gervaso e Protaso, p.3
  12. ^ a b c Il territorio, su Comune di Novate Milanese. URL consultato l'8 febbraio 2024.
  13. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2021 (dato provvisorio).
  14. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  15. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  16. ^ a b c d e Lancini, p. 15
  17. ^ Caratti, pp. III-VI
  18. ^ Passeggiando per Novate
  19. ^ Editoriale del Sindaco (PDF), in Informazioni Municipali, anno 49, n. 4, Dicembre 2023, p. 3.
  20. ^ Novate: una città che cresce (PDF), in Informazioni Municipali, anno 30, n. 1, Gennaio 2004, p. 1.
  21. ^ a b Adesso Novate è città (PDF), in Informazioni Municipali, anno 30, n. 2, marzo 2004, p. 7. URL consultato il 9 febbraio 2024.
  22. ^ a b c d e f g Novate fino all'unità d'Italia (1800 - 1877), su Comune di Novate Milanese. URL consultato il 7 febbraio 2024.
  23. ^ a b c d e f g Caratti, pp. 469-516
  24. ^ a b lunedì 3 aprile - nella nostra sala Consiglio - è stata siglata l'intesa. (PDF), in Informazioni Municipali, anno 32, n. 2, Aprile 2006, p. 10.
  25. ^ a b Parco della Balossa, su Comune di Novate Milanese. URL consultato l'8 febbraio 2024.
  26. ^ Legge Regionale 22 dicembre 2015 , n. 40, su normelombardia.consiglio.regione.lombardia.it. URL consultato il 10 febbraio 2024.
  27. ^ Caratti, p.2
  28. ^ Dante Olivieri, Dizionario di toponomastica lombarda, Milano, 1931, p. 387.
  29. ^ Novale, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  30. ^ Pierino Boselli, Toponimi Lombardi, Milano, 1977, p. 197.
  31. ^ a b Caratti, p.3
  32. ^ Giandomenico Serra, Contributo toponomastico alla teoria della continuità nel medioevo delle comunità rurali romane e preromane dell'Italia superiore, Cluj, 1931, p. 187.
  33. ^ (DE) Gerhard Rohlfs, Studien zur romanischen Namenkunde, Monaco di Baviera, 1956.
  34. ^ Caratti, 13
  35. ^ a b c d e f Novate nel contado della Martesana (877 - 1385), su Comune di Novate Milanese. URL consultato il 7 febbraio 2024.
  36. ^ a b c d e f Caratti, pp. 12-76
  37. ^ a b Caratti, p. 27
  38. ^ Caratti, 80
  39. ^ a b c d e f g h Novate nel contado di Milano (1385 - 1476), su Comune di Novate Milanese. URL consultato il 7 febbraio 2024.
  40. ^ a b c d e f g h Caratti, pp. 77-145
  41. ^ a b c Passeggiando per Novate, p. 81
  42. ^ Lancini, p. 18
  43. ^ Caratti, 154
  44. ^ Caratti, 247
  45. ^ a b c d e f g h i j k l m n Novate nel feudo di Desio (1476 - 1674), su Comune di Novate Milanese. URL consultato il 7 febbraio 2024.
  46. ^ a b c d e f g h i j k l m n Caratti, pp. 147-323
  47. ^ Caratti, 346
  48. ^ Caratti, 450
  49. ^ a b c d e f g h Novate, con Roserio, a capo del suo feudo (1674 - 1800), su Comune di Novate Milanese. URL consultato il 7 febbraio 2024.
  50. ^ a b c d e f g h Caratti, pp. 325-468
  51. ^ Passeggiando per Novate, p. 52
  52. ^ Passeggiando per Novate, p. 50
  53. ^ Passeggiando per Novate, pp. 16-17
  54. ^ "Passeggiando per Novate" correzioni e precisazioni (PDF), su Comune di Novate Milanese. URL consultato il 17 febbraio 2024.
    «La foto "Panorama Via Garibaldi – Via Bertola" (pg. 16-17) risale, in realtà, alla fine degli anni Quaranta»
  55. ^ a b c d e f g Passeggiando per Novate, pp. 12-15
  56. ^ Passeggiando per Novate, p. 56
  57. ^ Passeggiando per Novate, p. 26
  58. ^ a b c d e f Passeggiando per Novate, pp. 16-18
  59. ^ Caratti, p. 517
  60. ^ a b Novate Milanese, su Archivio Centrale dello Stato.
  61. ^ Stemma, su Comune di Novate Milanese. URL consultato il 30 luglio 2023.
  62. ^ Marc'Antonio Ginanni, L'arte del blasone dichiarata per alfabeto, Venezia, Guglielmo Zerletti, 1766, p. 96.
    «Illeopardito: dicesi del leone passante con la testa in profilo.»
  63. ^ Guelfo Guelfi Camajani, Dizionario araldico, Milano, Ulrico Hoepli, 1921, p. 345.
  64. ^ Antonio Manno, Vocabolario araldico ufficiale (PDF), Roma, 1907, p. 34.
  65. ^ Regolamento per la Consulta Araldica del Regno (PDF), 7 giugno 1943. URL consultato il 17 dicembre 2023.
  66. ^ Stemmario Trivulziano, p. 247. URL consultato il 13 febbraio 2024.
  67. ^ a b c Lo stemma e il gonfalone... (PDF), in Informazioni Municipali, anno 30, n. 2, marzo 2004, pp. 15-18. URL consultato il 9 febbraio 2024.
  68. ^ a b c Passeggiando per Novate, p. 68
  69. ^ a b c Lancini, p. 16
  70. ^ a b Caratti, p. 523
  71. ^ Lancini, p. 19
  72. ^ Lancini, p. 21
  73. ^ a b c Passeggiando per Novate, p. 37
  74. ^ a b c d e Passeggiando per Novate, pp. 20-23
  75. ^ Chiesa della Sacra Famiglia, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 15 febbraio 2024.
  76. ^ a b c d e f g h Passeggiando per Novate, pp. 28-31
  77. ^ Passeggiando per Novate, p. 31
  78. ^ Caratti, p. 532
  79. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  80. ^ demo.istat.it, https://demo.istat.it/app/?i=P03&l=it.
  81. ^ a b Passeggiando per Novate, p. 43
  82. ^ Biblioteca e Ufficio Cultura in Villa Venino (PDF), in Informazioni Municipali, anno 32, n. 3, Giugno 2006, p. 12. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  83. ^ a b Biblioteche, su webopac.csbno.net. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  84. ^ Di Vittorio 22: un nuovo spazio per la città, su Comune di Novate Milanese. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  85. ^ Di Vittorio 22 un nuovo spazio per la Città, in Informazioni Municipali, anno 45, n. 1, Marzo 2019, p. 15.
  86. ^ a b Istituti scolastici, su Comune di Novate Milanese. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  87. ^ a b c d Inaugurata la nuova viabilità della SP 306 della Balossa, su Città metropolitana di Milano, 2 dicembre 2023. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  88. ^ Apre completamente la nuova A52 nata dalla ex-Rho-Monza (PDF), in Informazioni Municipali, anno 48, n. 4, Dicembre 2022, p. 4.
  89. ^ Marco Dozio, Inaugurato il prolungamento della Tangenziale Nord A52 tratto 'Rho-Monza', 14 novembre 2022. URL consultato il 10 febbraio 2024.
  90. ^ Redazione Milano, Rho-Monza, inaugurato il prolungamento della Tangenziale Nord A52 fino a Novate Milanese, su Repubblica, 14 novembre 2022. URL consultato il 10 febbraio 2024.
  91. ^ Questura di Milano, su Polizia di Stato. URL consultato il 10 febbraio 2024.
  92. ^ AUTOSTRADE Presto il debutto del primo tratto della Quarta Corsia Dinamica della A4 Milano-Brescia, su ilmondodeitrasporti.com, 6 Luglio 2023. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  93. ^ Autostrade per l’Italia: apre la quarta corsia dinamica nella A4 tra Cormano e Viale Certosa, su agenzianova.com, 11 luglio 2023. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  94. ^ Rho-Monza, inaugurata la Strada Provinciale 306 della Balossa e aperto un nuovo svincolo, 2 dicembre 2023. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  95. ^ a b c Aperta al traffico la complanare alla ex Rho-Monza (PDF), in Informazioni Municipali, anno 49, n. 4, Dicembre 2023, pp. 4-5. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  96. ^ Complanare A52: importante passo avanti, su Comune di Novate Milanese. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  97. ^ a b Trasporti e viabilità, su Comune di Novate Milanese. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  98. ^ a b c Gli impianti, su Trenord. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  99. ^ Piano Regionale Mobilità e Trasporti, su regione.lombardia.it, p. 198. URL consultato il 14 marzo 2020.
  100. ^ Trasporti, nuove linee e binari Gli investimenti entro il 2020. URL consultato il 14 marzo 2020.
  101. ^ Al via il prolungamento della S13, 28 dicembre 2016. URL consultato l'11 febbraio 2024.
  102. ^ Passeggiando per Novate, pp. 19-20
  103. ^ Comuni presenti nella zona tariffaria Mi3 (PDF), su Azienda Trasporti Milanesi, p. 1. URL consultato il 13 febbraio 2024.
  104. ^ Percorsi ed orari, su airpullmanspa.com. URL consultato l'11 febbraio 2024.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lorenzo Caratti, Storia di Novate Milanese: 877-1877, a cura di Amministrazione comunale di Novate Milanese, Novate Milanese, 1982.
  • Passeggiando per Novate (PDF), su Comune di Novate Milanese. URL consultato il 14 agosto 2023.
  • Michele Aramini, Chiesa dei Santi Gervaso e Protaso in Novate Milanese, in I luoghi della fede, 2011.
  • Alessandra Lancini, Procaccini e la Natività della Vergine a Novate. Radiografia di un'Opera, 2004.
  • Michele Aramini, Santi Gervaso e Protaso, 2011.
  • La Provincia di Milano e i suoi comuni - Gli Stemmi e la storia, Milano, Provincia di Milano, 2003.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN140461792 · SBN RMBL000092 · WorldCat Identities (ENviaf-140461792