Dresano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dresano
comune
Dresano – Stemma
Dresano – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Città metropolitana Provincia di Milano-Stemma.png Milano
Amministrazione
Sindaco Vito Penta (lista civica) dall'8-5-2012
Territorio
Coordinate 45°22′N 9°22′E / 45.366667°N 9.366667°E45.366667; 9.366667 (Dresano)Coordinate: 45°22′N 9°22′E / 45.366667°N 9.366667°E45.366667; 9.366667 (Dresano)
Altitudine 91 m s.l.m.
Superficie 3,48 km²
Abitanti 3 022[1] (31-8-2016)
Densità 868,39 ab./km²
Comuni confinanti Casalmaiocco (LO), Colturano, Mediglia, Mulazzano (LO), Tribiano, Vizzolo Predabissi
Altre informazioni
Cod. postale 20070
Prefisso 02
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 015101
Cod. catastale D367
Targa MI
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti dresanesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Dresano
Dresano
Dresano – Mappa
Posizione del comune di Dresano nella città metropolitana di Milano
Sito istituzionale

Dresano (Dresàn in dialetto milanese) è un comune italiano di 3 022 abitanti[1] della città metropolitana di Milano in Lombardia.

Benché il paese sia storicamente ed ecclesiasticamente legato a Lodi[2], al momento dell'attivazione della provincia di Lodi nel 1995 il comune rimase parte della provincia di Milano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio, nel mezzo della Pianura Padana, è caratterizzato da un'altitudine costante (92 m s.l.m.), il suolo è argilloso. La vegetazione caratteristica comprende pioppo (bianco e nero), carpino, biancospino, Robinia pseudoacacia, olmo, sambuco.

Zona sismica: 4 (sismicità irrilevante) (Eurometeo).

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Dresano gode di un clima caratterizzato da estati calde e afose e inverni relativamente miti e piovosi. Occasionalmente si verificano copiose nevicate.

La fine di agosto e gli inizi di settembre sono caratterizzati da violenti temporali e forti grandinate che "chiudono" l'estate.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il centro storico vanta i resti di uno dei più antichi edifici dresanesi: sul lato est di piazza Manzoni infatti è ancora presente il muro di un'abitazione con un massiccio portone di legno che anticamente faceva parte del convento di monaci benedettini ai quali si deve il lavoro di bonifica e coltivazione dei territori paludosi circostanti. In questa zona era presente la malaria.

Il toponimo deriva dall'antica presenza, in queste terre paludose, di 3 insenature: tre 'seni', da cui la modifica nel corso dei secoli del nome:Tresseno → Tressano → Tresano → Dresano.[senza fonte] Le tre insenature compaiono anche nello stemma del paese, sormontate da tre pioppi, il pioppo essendo uno degli alberi tipici di questa zona della Pianura Padana.

Storia dello stemma[modifica | modifica wikitesto]

L'origine dello stemma del comune di Dresano risulta piuttosto evidente. Il messaggio che gli amministratori del tempo hanno voluto trasmettere, mediante le figure araldiche dello stemma da loro prescelto, ha un carattere decisamente descrittivo: sono state evidenziate infatti, tramite corrette figure araldiche, le caratteristiche naturali del territorio amministrato. In particolare, la scelta è stata quella di descrivere visivamente la salubrità del loro territorio e la fertilità della loro terra, inserendo nello stemma la rappresentazione di tre alberi che, come si ricava dalla lettura di alcuni documenti allegati alla pratica di concessione, avrebbero dovuto essere tre alberi di pioppo. Una curiosità di carattere araldico: l'aggettivo araldico "nodrito" sta a significare un albero, o un altro tipo di vegetale, che si rappresenta senza le sue radici, in quanto nascoste da un'altra partizione araldica; nel caso specifico, dalla figura araldica della "campagna", ossia la parte inferiore dello scudo, delimitata da una linea orizzontale.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il centro storico di Dresano vanta l'antica cascina Belpensiero, la cui aia è dimora di un platano secolare. La cascina viene già citata in fonti storiche del 1500 ed è tuttora immersa tra i campi a 1 km dal paese.[senza fonte]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2015 gli stranieri residenti nel comune di Dresano in totale sono 228[4]. Tra le nazionalità più rappresentate troviamo:

Paese Popolazione (2015)
Romania 78
Ecuador 20

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

Pur nelle sue ridotte dimensioni, Dresano annovera un discreto numero di associazioni per il tempo libero, che con il loro grande impegno vivacizzano la vita del paese:

  • Gruppo sportivo marciatori San Giorgio
  • Auser
  • Dresano Calcio
  • Dresano Basket

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale sono presenti tutte le scuole del ciclo della scuola dell'obbligo:

  • 2 scuole materne: una comunale (Villaggio Ambrosiano) e una gestita dalla parrocchia (centro storico)
  • 1 scuola elementare (Villaggio Ambrosiano)
  • 1 scuola media (Villaggio Ambrosiano)

Nel Villaggio Ambrosiano, adiacente al plesso scolastico, è inoltre presente una palestra e la biblioteca comunale, gestita da volontari.

Persone legate a Dresano[modifica | modifica wikitesto]

Monumento equestre a Oldrado da Tresseno, Palazzo della Ragione, Milano

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Carnevale dresanese: febbraio
  • Dresano fiorita: 2ª domenica di aprile
  • Quater pass per un vitel: mese di maggio
  • Torneo del "Gonfalone": maggio
  • Marcia serale Belpensiero: giugno
  • Festa dell'uva: 2ª domenica di settembre

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il nucleo abitato è suddiviso in 4 frazioni:

  • Centro storico (Dresano Vecchio)
  • Madonnina
  • Villaggio ambrosiano (edificato negli anni Sessanta)
  • Villaggio Helios (iniziato negli anni Novanta)

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Segue un elenco delle amministrazioni locali[5].

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1960 Luigi Giuseppe Preda Sindaco
1960 1975 Mario Ferrario Sindaco
1975 1980 Giovanni Uselli Sindaco
1980 1988 Giulio Testa Sindaco
1988 1990 Aldo Figini Sindaco
1990 1991 Gianna Gelo Sindaco
1991 1992 Angelo Zanvettor Sindaco
1992 2002 Gianna Gelo Sindaco
2002 2012 Mario Valesi Sindaco
2012 Vito Penta lista civica Sindaco

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2016.
  2. ^ [1]
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Dati demografici ISTAT
  5. ^ Lista pubblicata in Il Lodigiano. Quarant'anni di autonomia, Provincia di Lodi, 2008, p. 298.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Dresano, Cronistoria della parrocchia, 1533-1995, a cura di Vincenzo Ravenna, Parrocchia di S.Giorgio M. in Dresano, 1995

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN239710634 · GND: (DE7712511-3
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia