Rozzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rozzano
comune
Rozzano – Stemma Rozzano – Bandiera
Rozzano – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Città metropolitanaProvincia di Milano-Stemma.svg Milano
Amministrazione
SindacoGiovanni Ferretti De Luca (centro-destra) dal 9-6-2019
Territorio
Coordinate45°23′N 9°09′E / 45.383333°N 9.15°E45.383333; 9.15 (Rozzano)
Altitudine103 m s.l.m.
Superficie12,24 km²
Abitanti41 214[1] (31-5-2021)
Densità3 367,16 ab./km²
FrazioniCassino Scanasio, Pontesesto, Quinto de' Stampi, Torriggio, Valleambrosia
Comuni confinantiAssago, Basiglio, Milano, Opera, Pieve Emanuele, Zibido San Giacomo
Altre informazioni
Cod. postale20089
Prefisso02
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT015189
Cod. catastaleH623
TargaMI
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 404 GG[3]
Nome abitantirozzanesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Rozzano
Rozzano
Rozzano – Mappa
Posizione del comune di Rozzano all'interno della città metropolitana di Milano
Sito istituzionale

Rozzano (Rozzan in dialetto milanese[4], IPA: [ruˈtsãː]) è un comune italiano di 41 214 abitanti[1] della città metropolitana di Milano in Lombardia, sulla direttrice che collega il capoluogo lombardo a Pavia. Il territorio del comune è attraversato dal Lambro Meridionale.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del nome potrebbe derivare dal nome latino di persona Rutius o Erucius con l'aggiunta del suffisso -anus che indica appartenenza. Da Rutiunianus passava la Via Mediolanum-Ticinum, strada romana che collegava Mediolanum con Ticinum (Pavia).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo governo a configurare il comune di Rozzano fu quello di Napoleone che nel 1809 decretò l'annessione di Torriggio e nel 1811 quelle di Cassino Scanasio, Pontesesto e Quinto de' Stampi.

Gli austriaci dapprima annullarono tutto nel 1816, ma poi ci ripensarono riguardo a Torriggio e Cassino Scanasio nel 1841, mentre fu Vittorio Emanuele II nel 1870 a sancire l'unione finale con Pontesesto, che portava in dote anche Quinto.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Sono degli anni sessanta una serie di architetture citate anche sui manuali di storia dell'architettura italiana. Tra questi:

Edifici pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Edifici privati[modifica | modifica wikitesto]

Castello Visconteo

Il comune nel 2004 ha dedicato al suo ex concittadino Michele Alboreto, famoso pilota di Formula 1, un monumento alto quattro metri presso il Centro Culturale Cascina Grande e successivamente, nel dicembre 2006, gli ha dedicato una piazza del nuovo quartiere sorto sull'ex area Romagnoli.

Parchi[modifica | modifica wikitesto]

L'area naturalistica presente nell'area comunale di Rozzano è parte del Parco Agricolo Sud Milano, di seguito le Oasi e i Parchi presenti sul territorio di riferimento:

  • Oasi Smeraldino (costituita nel 2007), una vasta area adibita a parco sul territorio rozzanese, incastonata tra palazzi e fabbricati industriali, nella quale sono protette diverse specie animali tra le quali il rospo smeraldino che dà il nome all'oasi stessa.
  • L'11 maggio 2014 è stata inaugurata una nuova oasi naturale nota con il nome di "Parco delle Rogge"[6] . Essa comprende una superficie di circa 220.000 m2 nella zona anche conosciuta come Rozzano vecchio e si estende fino al confine comunale di Basiglio. Oltre ad essere una nuova area residenziale, il Parco delle Rogge viene utilizzato per praticare sport e attività all'aria aperta: il giorno dell'inaugurazione coincide con la Giornata Nazionale della Bicicletta[7] promossa dal Ministero dell'Ambiente.
  • Parco 1, nei pressi della Piazza del Municipio.
  • Parco del Fontanile, importante sia dal punto di vista naturalistico sia di utilità pubblica in quanto al suo interno è presente la pista di atterraggio dell'elisoccorso data la vicinanza all'Istituto Clinico Humanitas.
  • Parkobaleno, precedentemente conosciuto come "Parco 2", si trova nei pressi della Piscina Comunale AMA Rozzano.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Nella tabella sotto riportata vengono inseriti i dati ISTAT dei censimenti effettuati dalla data risalente all'Unità d'Italia al 2011. Tali dati vengono elaborati con cadenza decennale, ma in alcuni casi esistono delle eccezioni: il censimento del 1936 venne effettuato dopo soli cinque anni a causa della promulgazione del regio decreto n.1503/1930; il censimento del 1891 non ebbe luogo per difficoltà finanziarie, mentre quello del 1941 non venne effettuato per cause belliche appartenenti alla Seconda Guerra Mondiale.

Censimento popolazione Rozzano (1861-2011)[8]
N° censimento Anno Data di rilevamento Popolazione residente Variazione
1 1861 31 dicembre 1.278 -
2 1871 31 dicembre 1.419 + 11,0%
3 1881 31 dicembre 1.472 + 3,7%
4 1901 10 febbraio 1.686 + 14,5%
5 1911 10 giugno 2.483 + 47,3%
6 1921 1 dicembre 2.152 - 13,3%
7 1931 21 aprile 2.390 + 11,1%
8 1936 21 aprile 2.534 + 6,0%
9 1951 4 novembre 2.701 + 6,6%
10 1961 15 ottobre 6.313 + 133,7%
11 1971 24 ottobre 32.915 + 421,4%
12 1981 25 ottobre 38.230 + 16,1%
13 1991 20 ottobre 37.660 - 1,5%
14 2001 21 ottobre 37.207 - 1,2%
15 2011 9 ottobre 39.983 + 7,5%

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le statistiche ISTAT[9] al 31 dicembre 2016 la popolazione straniera residente nel comune metropolitano era di 4 515 persone, pari all'11% della popolazione. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:[9]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Rozzano è citata nel brano Rozzi, dove l'artista napoletano Vincenzo Mattera, detto Paky, trasferitosi nel comune lombardo in giovane età, descrive la quotidianità all'interno della città trattando inoltre la tematica della vita adolescenziale in periferia. La canzone, pubblicata nel 2019, ha raggiunto prima la certificazione del disco d'oro nell'aprile 2020 e poi quella del disco di platino nel settembre 2021[10].

Clima[modifica | modifica wikitesto]

ROZZANO[11] Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 4,98,013,218,122,826,429,227,924,117,610,96,16,318,027,817,517,4
T. min. mediaC) −10,74,27,812,015,618,017,514,49,34,40,50,18,017,09,48,6
Precipitazioni (mm) 57637990928762857611810969189261234303987

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Rozzano è attraversata longitudinalmente dall'Autostrada A50 (Tangenziale Ovest di Milano) e lambita a ovest dall'Autostrada A7 ("Milano-Serravalle"); nel territorio comunale sono presenti due svincoli della Tangenziale Ovest, lo svincolo n° 7 SS35 Pavia/Milano Ticinese e lo svincolo n° 7bis Rozzano Quinto de' Stampi/Milano Via dei Missaglia.
Il comune metropolitano, inoltre, è attraversato dalla strada provinciale (ex strada statale) 35 dei Giovi che unisce Milano a Genova, passando per il passo dei Giovi.

Il comune metropolitano non è servito da linee metropolitane o ferroviarie. È attraversato, tuttavia, dalla Metrotranvia Sud, che serve il comune e lo collega al centro di Milano. Inoltre, varie linee di autobus, gestite da ATM, Autoguidovie, AMP e PMT, collegano Rozzano ai comuni e ai quartieri limitrofi[12]..

Fra il 1880 e il 1936, Rozzano ospitava una fermata della Tranvia Milano-Pavia[13].

Rozzano potrebbe essere servita, in un eventuale futuro, dalla linea M2 della metropolitana. Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) del 2015, presentato dal comune di Milano, infatti, accarezzava l'ipotesi della costruzione di un prolungamento da Milanofiori Forum a Quinto de' Stampi/Pontesesto[14].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1960 1985 Giovanni Foglia PCI Sindaco
1985 1994 Enrico Sala PSI Sindaco
1994 2004 Maria Rosa Malinverno PDS Sindaco
2004 2013 Rocco Massimo D'Avolio PD Sindaco
2013 2014 Errico Gaeta PD Vicesindaco
2014 2019 Barbara Agogliati PD Sindaco
2019 in carica Giovanni Ferretti De Luca Lega-FI-FdI Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è la Rozzano Calcio che milita nel girone D lombardo di 1ª Categoria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Popolazione residente al 31 maggio 2021 (dato provvisorio), su istat.it, ISTAT. URL consultato il 6 settembre 2021.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 1990.
  5. ^ Olivia Manola, Il giardino verticale più grande del mondo, Rozzano entra nel Guinness dei primati, in Corriere della Sera, 17 settembre 2012.
  6. ^ Parco delle rogge, la nuova oasi ciclopedonale, su comune.rozzano.mi.it.
  7. ^ Giornata Nazionale della Bicicletta, su minambiente.it.
  8. ^ Censimenti popolazione Rozzano 1861-2011, su tuttitalia.it.
  9. ^ a b Popolazione straniera residente per età e sesso al 31 dicembre 2016.
  10. ^ Certificazioni FIMI della 16ª settimana (2020), su allmusicitalia.it, 20 aprile 2020. URL consultato il 20 novembre 2021.
  11. ^ https://it.climate-data.org/location/13407/
  12. ^ La linea 15 prolunga: il centro è più vicino (PDF), su atm.it. URL consultato il 25 marzo 2020.
  13. ^ Giovanni Cornolò, Fuori porta in tram. Le Tranvie extraurbane milanesi 1876-1980, Parma, Ermanno Albertelli Editore, 1980.
  14. ^ Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Comune di Rozzano, Gualberto Vigotti e Claudio Del Balzo, Milano, 1978
  • Cartografia storica del territorio di Rozzano - Le immagini del mutamento dal '700 ad oggi, Claudia Capurso, Adriano Parigi, Rosalba Ronconi, Ed. Logos - Comune di Rozzano, Milano, 1996
  • Diventare città: Rozzano 1936-1984 - Mostra sull'evoluzione storico-urbanistica di Rozzano, Marino Pizzigoni e Claudio Minoia, Rozzano, 1985
  • Rozzano, Antonella Bolzoni e Francesco Cappa, Rozzano, 2002

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN124467371 · WorldCat Identities (ENlccn-n90695092
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia