Masate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Masate
comune
Masate – Stemma
Masate – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Città metropolitanaProvincia di Milano-Stemma.svg Milano
Amministrazione
SindacoVincenzo Rocco (lista civica) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate45°34′N 9°28′E / 45.566667°N 9.466667°E45.566667; 9.466667 (Masate)Coordinate: 45°34′N 9°28′E / 45.566667°N 9.466667°E45.566667; 9.466667 (Masate)
Altitudine153 m s.l.m.
Superficie4,39 km²
Abitanti3 521[1] (30-11-2017)
Densità802,05 ab./km²
Comuni confinantiBasiano, Cambiago, Gessate, Inzago, Pozzo d'Adda
Altre informazioni
Cod. postale20060
Prefisso02
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT015136
Cod. catastaleF003
TargaMI
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona E, 2 416 GG[2]
Nome abitantimasatesi
Patronosan Giovanni Evangelista
Giorno festivoPrima domenica di maggio.
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Masate
Masate
Masate – Mappa
Posizione del comune di Masate nella città metropolitana di Milano
Sito istituzionale

Masate (Masàa in dialetto locale[3]) è un comune italiano di 3 532 abitanti[1] della città metropolitana di Milano, in Lombardia. Fa parte del territorio della Martesana.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Masate è un paese sulle sponde del canale Villoresi fra il Milanese e la Bergamasca, al margine meridionale della Brianza, con cui confina. Il territorio è situato in una zona di alta pianura ad ovest del fiume Adda. L'altitudine varia da 139 a 171 m s.l.m., sebbene gran parte dell'abitato si trovi intorno a 150 m s.l.m.

Lungo il margine orientale del comune scorre il Rio Vallone, un torrente asciutto per gran parte dell'anno con origine tra i comuni di Verderio e Paderno d'Adda e che dà il nome all'omonimo parco, oggi parte del Parco Agricolo Nord Est. In prossimità del corso d'acqua si trovano diverse aree boschive frammentate.

Le Foppe[modifica | modifica wikitesto]

Il terreno dei comuni a nord del Villoresi è stato sfruttato in passato per l'estrazione di argilla. A partire dal secondo dopoguerra la domanda di mattoni pieni come elementi portanti diminuì a favore del cemento armato[4] e le cave furono progressivamente abbandonate. Il ristagno di acqua piovana favorito dal fondo argilloso trasformò le ex-cave in piccoli bacini stagionali che prendono il nome di foppe, dal termine milanese per indicare una pozza o una fossa piena d'acqua.

Nel 2005 l'amministrazione locale ha iniziato un progetto di riqualificazione delle Foppe di Masate[5] seguendo le orme di alcuni comuni limitrofi[6]. Nell'area della prima foppa, accessibile da Via Matteotti, è stata realizzata una zona ricreativa con attrezzature per bambini, panchine ed una fontana al centro del laghetto, mentre le altre due foppe sono un habitat per specie vegetali igrofile e animali anfibi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nucleo abitativo sorge su una piccola collinetta dove storicamente era presente la coltura di vite. Veniva infatti prodotto un buon vino bianco decantato anche dal poeta Carlo Porta. Masate ha una tradizione agricola e poi tessile ed è documentato almeno dall'XI secolo. Il paese durante il medioevo era parte del Comitato della Martesana, e quindi seguì le sorti del Ducato di Milano. Tra le famiglie d'antico regime che qui ebbero feudo compaiono i Trivulzio, gli Stampa di Soncino, i de Leyva e i Visconti di San Giorgio. Da questo paese ebbe inoltre origine la famiglia De Maxate, che nel XVIII secolo abitava a Milano e che doveva avere ancora possedimenti in loco.

Stemma comunale[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del Comune di Masate evidenzia le caratteristiche prevalentemente agricole della sua terra e della sua economia. Tale aspetto è stato realizzato su due diversi piani paralleli: quello delle figure e quello del colore. Fra le figure, la farfalla cavolaia sottolinea il carattere spiccatamente agricolo della zona, mentre le tre spighe di grano segnalano la fertilità dei campi. Per quanto riguarda invece i colori, l'azzurro della prima sezione del tagliato sembrerebbe voler evidenziare la purezza e la salubrità dell'aria che un tempo si respirava in questo territorio. Il verde della seconda sezione si rifà al passato e sottolinea la ubertosità e la produttività dei campi, oggi sempre più sostituiti da nuove zone abitative e produttive.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

L'odierna parrocchiale di San Giovanni Evangelista è un edificio neoclassico della prima metà dell'Ottocento. Nella Cascina San Nabore, in periferia, le origini dell'oratorio dei Santi Nabore e Felice risalgono invece a prima del XIII secolo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2015 la popolazione straniera residente era di 350 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Ai confini con il comune di Cambiago e all'interno del Parco del Rio Vallone esiste un ex inceneritore dell'AMSA, attivo negli anni cinquanta e sessanta e del quale rimangono il solo basamento in cemento armato e tonnellate di ceneri altamente inquinanti e mai correttamente smaltite.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sindaco: Vincenzo Rocco (Lista civica INSIEME PER MASATE).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 382.
  4. ^ Oasi Le Foppe, su oasilefoppe.it. URL consultato il 26 marzo 2018.
  5. ^ CUP C77I05000020004, su opencup.gov.it. URL consultato il 26 marzo 2018.
  6. ^ Si veda ad esempio l'area protetta "Le Foppe" di Cavenago di Brianza e l'Oasi Le Foppe di Trezzo Sull'Adda
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]