Motta Visconti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Motta Visconti
comune
Motta Visconti – Stemma
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Città metropolitanaProvincia di Milano-Stemma.svg Milano
Amministrazione
SindacoPrimo Paolo De Giuli (centrodestra) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate45°17′N 9°00′E / 45.283333°N 9°E45.283333; 9 (Motta Visconti)Coordinate: 45°17′N 9°00′E / 45.283333°N 9°E45.283333; 9 (Motta Visconti)
Altitudine100 m s.l.m.
Superficie10,51 km²
Abitanti8 062[1] (31-12-2018)
Densità767,08 ab./km²
FrazioniCascina Agnella, Lido
Comuni confinantiBereguardo (PV), Besate (MI), Casorate Primo (PV)
Altre informazioni
Cod. postale20086
Prefisso02
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT015151
Cod. catastaleF783
TargaMI
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona E, 2 499 GG[2]
Nome abitantiMottesi
Patronosan Giovanni Battista
Giorno festivo24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Motta Visconti
Motta Visconti
Motta Visconti – Mappa
Posizione del comune di Motta Visconti nella città metropolitana di Milano
Sito istituzionale

Motta Visconti (La Mott in dialetto milanese[3][4] AFI: [la' mòtt]) un comune italiano di 8 062 abitanti[1] della città metropolitana di Milano, in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nucleo originario era chiamato Campese, a ovest dell'attuale Motta Visconti. Probabilmente già esistente in epoca romana o celtica (il sostantivo latino del nome attuale deriva infatti dal toponimo gallico "Motta" = "terreno rialzato"), divenne sede di una signoria. I de Campesis noti sono però successivi al 1100 e occupano importanti cariche a Pavia. Durante questo periodo, a causa delle lotte tra Milano e Pavia, gli abitanti di Campese si trasferirono progressivamente alla Motta, una fortezza dei de Campesis posta più a est e il borgo rimarrà poi disabitato. Motta verrà acquistata da un rampollo della famiglia Visconti, alla quale il paese legherà il nome.

Giugno mottese[modifica | modifica wikitesto]

Il patrono del paese è San Giovanni Battista, che si festeggia il 24 di giugno. Il mese viene definito così per via della festa patronale e ogni fine settimana viene organizzato qualcosa di diverso: bancarelle lungo le vie, concerti, cena in piazza e giostre. L'amministrazione comunale organizza la "Sagra delle Ciliegie", predisponendo anche un'area ludica e la chiusura di alcune vie del paese. Tra le altre manifestazioni: uno spettacolo teatrale, musica per le vie, una gara ciclistica, il "San Rock Festival", una serata canora, la cosiddetta "Notte bianca", la "Sagra Patrono" e un raduno di moto d'epoca.

In merito a questa festa, molto sentita nel paese, c'è una tradizione, che ormai solo poche persone ricordano (anziani esclusi), ed è la seguente: la sera della vigilia di San Giovanni Battista (23 giugno) si prende un vesetto di vetro, lo si riempie di acqua fino all'orlo, poi si aggiunge l'albume di un uovo, infine il tutto lo si posiziona in giardino o nell'orto, comunque in un luogo dove ci sia una buona rugiada; al mattino seguente (24 giugno) si noterà che l'albume ha assunto la forma di una barca, che si dice sia quella di San Giovanni Battista.

MaraMotta[modifica | modifica wikitesto]

La 'MaraMotta' è una manifestazione podistica organizzata dalla Parrocchia. Partenza dalla Cascina Agnella, il percorso più lungo (circa 16 km) tocca: la cascina Caiella, cascina Morona, Chalet San Rossore in località "Guado della Signora" - Fiume Ticino, Villa Pizzo in località "Tenuta Cantarana" e ritorno.

Il percorso breve (circa 7 km) parte ugualmente dalla Cascina Agnella ma si dirige verso il paese, arriva in piazza, passa per via S. Anna, Cascina Caiella, Naviglio, ex "Metalsider", "Località Passatempo" e ritorna alla Cascina Agnella.

Esiste anche una manifestazione podistica competitiva organizzata dal gruppo sportivo locale "Running Team Motta Visconti"[5] chiamata 'Tra i Girasc e Scaron' che si svolge interamente nei boschi del Parco Ticino e tocca appunto questi due storici punti del parco. Si svolge su tre percorsi di 7, 14 e 21 km con partenza dal Centro Sportivo "'Francesco Scotti'". La corsa è valida nella classifica "Sempre in Marcia" con premi per le varie categorie di Atleti e per i Gruppi. Tutte le edizioni sono state fino ad ora vinte dal maratoneta Landrianese Silvano Corradini.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1866 1891 Cav. Cesare Corbella Sindaco
1892 1910 Baj Primo Sindaco
1910 1911 Dott. Lodovico Scolari Sindaco
1911 1913 Schieroni Ambrogio Sindaco
1913 1914 Locatelli Paolo Sindaco
1914 1917 Negri Giovanni Sindaco
1917 1920 Tacconi Osvaldo Sindaco
1920 1922 Possi Bernardo Sindaco
1923 1926 Friggi Agostino Sindaco
1926 1935 Baj Giuseppe Podestà
1935 1939 Parabiaghi Angelo Podestà
1939 1943 Cav. Imperatrice Raffaele Podestà
1940 1941 Aloni Giuseppe Commissario prefettizio
1941 1943 Tacconi Francesco Commissario prefettizio
1944 1945 Tacconi Francesco Podestà
1945 1946 Possi Bernardo Sindaco
1946 1951 Nidasio Santo Sindaco
1951 1960 Turri Innocente Sindaco
1960 1965 Palestra Comm. Angelo Sindaco
1965 1967 Andreoni Dott. Giovanni Sindaco
1967 1970 Conti Cav. Arialdo Sindaco
1970 1990 On. Andreoni Dr. Giovanni Sindaco
1990 1993 De Giovanni Dr. Roberto Sindaco
1993 1994 Faedi Dr.ssa Daniela Commissario prefettizio
1994 1998 De Bernardi Rinaldo Sindaco
1998 2002 Bertolazzi Giovanni Sindaco
2002 2004 Vecchio Rosanna Sindaco
febbraio 2004 13 giugno 2004 Nuzzi Dr.ssa M. Carmela Commissario prefettizio
14 giugno 2004 24 maggio 2014 Cazzola Laura centrosinistra Sindaco
25 maggio 2014 in carica De Giuli Primo Paolo Liberamente Motta Sindaco

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La poetessa Ada Negri fu maestra a Motta Visconti, località ricordata in buona parte della sua opera: celebre la poesia Ritorno a Motta Visconti.
  • Sante Caserio (Motta Visconti, 8 settembre 1873 - Lione, 16 agosto 1894), è stato l'anarchico italiano che, il giorno 24 giugno 1894, pugnalò a morte il presidente della repubblica francese Marie François Sadi Carnot colpevole di aver represso con inaudita violenza i moti operai. Invitato dal giudice a confessare chi fossero i suoi complici, Sante Caserio dichiarò: "Signor giudice io son dell'anarchia Caserio fa il fornaio non fa la spia".
  • Su un totale di 995 cognomi differenti presenti nel paese, ben 158 persone si chiamano Scotti, 110 Buratti, 97 Friggi, seguono Lissi, Conti, Negri e Franchi. Nella novella Anima Bianca di Ada Negri (contenuta nella raccolta Le solitarie, ricca di autobiografismo), la scrittrice ricorda, seppur indirettamente, questa peculiarità di Motta Visconti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2018.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 433.
  4. ^ Vittorio Dell'Aquila, Gabriele Iannàccaro, Contributo alla conoscenza della fonetica storica del dialetto di Motta Visconti, in: Arcodia Giorgio Francesco, Da Milano Federica, Iannàccaro Gabriele, Zublena Paolo (eds.): Tilelli. Scritti in onore di Vermondo Brugnatelli. 2013. Academia, su academia.edu.
  5. ^ Sito ufficiale del Running Team Motta Visconti
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]