Gudo Visconti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gudo Visconti
comune
Gudo Visconti – Stemma Gudo Visconti – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Città metropolitana Provincia di Milano-Stemma.png Milano
Amministrazione
Sindaco Nunzio Omar Cirulli (lista civica 5 punti per Gudo) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate 45°23′N 9°00′E / 45.383333°N 9°E45.383333; 9 (Gudo Visconti)Coordinate: 45°23′N 9°00′E / 45.383333°N 9°E45.383333; 9 (Gudo Visconti)
Altitudine 116 m s.l.m.
Superficie 6,1 km²
Abitanti 1 658[1] (31-12-2016)
Densità 271,8 ab./km²
Frazioni Cascina Lucina, Cuscina Nuova, Gudetto
Comuni confinanti Gaggiano, Morimondo, Rosate, Vermezzo, Zelo Surrigone
Altre informazioni
Cod. postale 20088
Prefisso 02
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 015112
Cod. catastale E258
Targa MI
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti gudesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gudo Visconti
Gudo Visconti
Gudo Visconti – Mappa
Posizione del comune di Gudo Visconti nella città metropolitana di Milano
Sito istituzionale

Gudo Visconti (Gùd in dialetto milanese) è un comune italiano di 1 658 abitanti[1] della città metropolitana di Milano in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del paese deve in parte la propria etimologia al fatto che sino al 1498 fu possedimento della famiglia Visconti che aveva dato numerosi duchi a Milano e che qui avevano fatto edificare un castello. Tale edificio pare oggi completamente distrutto eccetto alcune parti che sono conservate nella struttura di una trattoria che sorge davanti al municipio, edificata sul perimetro di una parte delle mura del fortilizio medioevale. Ha fatto parte della Pieve di Rosate. Durante il periodo napoleonico fu brevemente annesso dapprima a Zelo Surigone e poi a Rosate.

Chiese[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa dei Santi Quirico e Giulitta[modifica | modifica wikitesto]

Di origini quattrocentesche, la Chiesa dei Santi Quirico e Giulitta ha subito alcune variazioni nei secoli successivi. Per il progetto della facciata si è fatto il nome del grande architetto rinascimentale Pellegrino Tibaldi. Accanto, un'immagine a fresco di tradizione popolare, porta la data 1668.

Nel territorio sono presenti anche due piccole Cappelle, una in centro paese e una nei pressi del cimitero Comunale, quest'ultima recentemente ristrutturata grazie ad alcuni volontari gudesi.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Associazioni locali[modifica | modifica wikitesto]

A Gudo Visconti sono attive diverse associazioni locali. La più rilevante è "La Viscontina", che ha il compito di valorizzare il territorio e la sua storia organizzando eventi ed incontri. Organizza annualmente ogni settembre, di concerto con l'Amministrazione Comunale, la Fiera di San Costantino, festa patronale istituita dal 2003. A Gudo Visconti ha sede la sezione dell'AVIS che copre anche i comuni di Vermezzo, Zelo Surrigone e Bubbiano.

Altra importante associazione storica di Gudo Visconti è il "Club Tinca Verde", che da moltissimi anni gestisce l'area di proprietà comunale con laghetto attiguo denominato "Fontanile Cavo Resta".

Di fondamentale importanza per la formazione sportiva dei giovani l'Associazione "ACD Gudo Visconti 2007", associazione nata proprio nell'anno 2007, che ha il compito di gestire il Campo Sportivo Comunale, con l'organizzazione degli eventi sportivi che ruotano attorno al calcio dilettantistico.

Importante anche l'oratorio di Gudo Visconti che, con l'aiuto dei volontari e del parroco, organizzano giochi e attività per bambini. Di recente rilevanza per l'oratorio è stata la Risottata con Delitto che si è svolta nel mese di febbraio 2017 con la storia creata da alcuni volontari dell'oratorio improvvisati anche attori.

Persone legate a Gudo Visconti[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Statistiche demografiche ISTAT, Istituto nazionale di statistica. URL consultato il 19 giugno 2017.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia