Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Turate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Turate
comune
Turate – Stemma Turate – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
SindacoAlberto Oleari (lista civica TUcomeTurate) dal 01-06-2015
Territorio
Coordinate45°39′30″N 9°00′00″E / 45.658333°N 9°E45.658333; 9 (Turate)Coordinate: 45°39′30″N 9°00′00″E / 45.658333°N 9°E45.658333; 9 (Turate)
Altitudine240 m s.l.m.
Superficie10,28 km²
Abitanti9 506[1] (31-12-2017)
Densità924,71 ab./km²
FrazioniFagnana, Mascazza, Piatti, Santa Maria
Comuni confinantiCirimido, Cislago (VA), Fenegrò, Gerenzano (VA), Limido Comasco, Lomazzo, Rovello Porro
Altre informazioni
Cod. postale22078
Prefisso02
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT013227
Cod. catastaleL470
TargaCO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantituratesi
Patronosan Pietro e san Paolo
Giorno festivo29 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Turate
Turate
Turate – Mappa
Posizione del comune di Turate nella provincia di Como
Sito istituzionale

Turate (Turaa in dialetto comasco-varesotto[2][3], AFI: [tyˈrɑː]) è un comune italiano di 9 506 abitanti[1] della provincia di Como in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Turate, prima dell'arrivo degli antichi Romani, fu abitato dagli Insubri. Da Turatum, nome romano di Turate, passava la via Varesina, che metteva in comunicazione Mediolanum (Milano) con Luganum (Lugano) passando da Varisium (Varese), da cui il nome della strada. La moderna Turate è citata come Thurao, terra donata nel 712 dal re longobardo Liutprando al monastero di San Pietro in Ciel d'Oro di Pavia.

La storia del borgo nell'età tardo medioevale e moderna è strettamente legata a quella di una potente famiglia nobiliare lombarda, i Caimi. Con l'abolizione del sistema feudale da parte di Napoleone anche Turate diventa borgo libero e pienamente autonomo venendo spostato nel 1802 dalla provincia di Milano a quella di Como, e agli atti il primo documento con timbro “Comune di Turate” risale al 1827, quando il municipio era amministrato dalla Deputazione amministrativa comunale, l'odierna Giunta. Nel 1860 per la prima volta il capo dell'Amministrazione cambiò nome da Podestà a Sindaco.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Turate è servito dalla linea ferroviaria FN Saronno-Varese-Laveno Mombello tramite la stazione di Gerenzano-Turate, situata tra i comuni di Turate e Gerenzano (VA).

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Pallacanestro[modifica | modifica wikitesto]

Club cestistico comunale è il Basket 2000 Turate; suoi colori ufficiali sono il bianco e il verde. Attivo solo a livello dilettantistico, schiera quattro squadre in altrettanti campionati FIP (minibasket, under 15, under 17 e Promozione). Sede delle partite interne è il palasport delle scuole medie di via IV Novembre.

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Maggiore società calcistica comunale è la Salus et Virtus Turate; fondata nel 1927 e contraddistinta dai colori sociali bianco e azzurro, vanta quali maggiori successi alcune partecipazioni alla Serie D nei primi anni del terzo millennio.

Nel 2009 si è fusa con la Caronnese di Caronno Pertusella, andando a formare la società unificata Insubria CaronneseTurate, basata nel comune varesino.

L'esperienza ha però avuto vita breve: già nel 2010-2011 la Salus et Virtus Turate è stata rifondata ed è ripartita in autonomia dalla Terza Categoria di Como.

Tiro con l'arco[modifica | modifica wikitesto]

A Turate ha sede il club A.S.D. Arcieri dell'Airone, contraddistinto dai colori sociali giallo e bianco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 672.
  3. ^ ortografia classica
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN242774940