Peglio (Lombardia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Peglio
comune
Peglio – Stemma Peglio – Bandiera
Peglio – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
SindacoDante Manzi (lista civica Guardare avanti tutti insieme con fiducia) dal 26-5-2019
Territorio
Coordinate46°09′N 9°17′E / 46.15°N 9.283333°E46.15; 9.283333 (Peglio)Coordinate: 46°09′N 9°17′E / 46.15°N 9.283333°E46.15; 9.283333 (Peglio)
Altitudine650 m s.l.m.
Superficie10,57 km²
Abitanti187[1] (30-11-2019)
Densità17,69 ab./km²
FrazioniArgesio
Comuni confinantiDomaso, Dosso del Liro, Gravedona ed Uniti, Livo
Altre informazioni
Cod. postale22010
Prefisso0344
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT013178
Cod. catastaleG415
TargaCO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantipegliesi
Patronosanti Eusebio e Vittore
Giorno festivo1º agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Peglio
Peglio
Peglio – Mappa
Posizione del comune di Peglio nella provincia di Como
Sito istituzionale

Peglio (Pei in dialetto comasco[2], pronuncia fonetica IPA: /ˈpɛj/) è un comune italiano di 187 abitanti[1] della provincia di Como in Lombardia. Fa parte della Comunità montana dell'Alto Lario Occidentale.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Peglio è situato sulle pendici del Sasso Pelo, nei pressi della confluenza della piana di Livo nella valle del Liro.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'età comunale Peglio costituiva una comunità retta da un governo consolare, citata negli annessi agli Statuti di Como del 1335 come “Pellio montis Grabadone” e "Pilio montis Domaxii", ossia uno dei comuni che, all'interno della pieve di Gravedona, aveva il compito di garantire la manutenzione del tratto di via Regina compreso tra il "ponte de Acqua Marcida" e il "terminum qui est in media via de la Ganda".[3][4]

Inserito nella pieve di Gravedona anche nei secoli successivi, il comune di Peglio ne seguì il destino anche quando la stessa confluì nel cosiddetto "feudo delle Tre Pievi superiori del lago" (formato anche dalla pieve di Dongo e da quella di Sorico).[4] Di conseguenza, Peglio fu dapprima infeudato da Lucrezia Crivelli (1497), poi dal Medeghino (1545) e infine dalla famiglia Gallio (1580), la quale esercitò i propri diritti feudali fin'oltre la metà del XVIII secolo.[4] Oltre che ai Gallio, nel 1751 il comune risultava essere infeudato anche al vescovo di Como.[3]

A partire dal XVI secolo, Peglio fu interessato da un importante fenomeno di emigrazione verso Palermo che, con gli emigrati che mantennero vivo il legame con la terra d'origine commissionando opere d'arte private e pubbliche, tra cui gran parte delle decorazioni della chiesa dei Santi Eusebio e Vittore.[3]

Alcune riforme amministrative del Regno d'Italia napoleonico sancirono dapprima l'annessione di Peglio al comune di Livo (decreto datato 1807) e, in seguito, la ricostituzione del comune di Peglio con relativa aggregazione dei soppressi comuni di Livo e Dosso del Liro (decreto datato 1812).[5] Tutte le decisioni napoleoniche furono tuttavia cancellate dalla Restaurazione[6][7].

Dall’Ottocento a Peglio iniziò un ulteriore fenomeno di spopolamento, ancora attivo nel III millennio.[3]

Tra il 1928 e il 1948 Peglio fece parte del comune di Gravedona.[8][9]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchiale dei Santi Eusebio e Vittore[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa parrocchiale di Peglio

Un terrazzamento naturale in posizione dominante su Gravedona e il Lario ospita la chiesa dei Santi Eusebio e Vittore,[10] all'interno della quale si conservano notevoli affreschi del Fiammenghini datati di inizio Seicento.

Oratorio della Madonna del Gorghiglio[modifica | modifica wikitesto]

Oratorio della Madonna del Gorghiglio

Sulla strada che da Peglio porta verso Livo si trova la chiesetta della Madonna del Gorghiglio (XVII secolo),[11] un oratorio a navata singola preceduto da protiro e costruito sulla base di una precedente cappelletta già attestata nel 1706, anno in cui nell'edificio avevano lavorato alcuni ignoti “pitori”, attivi anche presso la cappella di Santa Rosalia della parrocchiale paesana e nella cappella di San Francesco nella chiesa di Santa Maria del Fiume a Dongo.[12] L'oratorio fu ricostruito nel 1779 grazie al contributo dei pegliesi emigrati a Palermo, mentre il protiro fu aggiunto negli ultimi anni del XVIII secolo.[12]

Internamente, il presbiterio ospita una raffigurazione votiva della Beata Vergine col Bimbo databile al XVI secolo, ai lati della quale si trova un affresco di San Rocco e San Sebastiano realizzato da Antonio Maria Caraccioli da Vercana, autore anche del cartiglio sulla controfacciata.[12] Al vercanino sono attribuiti anche la Nascita della Vergine e l’Annunciazione sulle pareti laterali, affreschi che rimandano alle tele che lo stesso autore avrebbe realizzato nel presbiterio della chiesa della Madonna delle Grazie di Trezzone.[12]

Chiesa della Madonna Immacolata[modifica | modifica wikitesto]

La piazza della chiesetta ospita l'oratorio della Madonna Immacolata,[13] attestato nei confini parrocchiali già nel 1788.[14]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio è caratterizzato da tipiche costruzioni rurali in pietra, abbastanza ben conservate, alcune delle quali ospitano ancora portali, resti di affreschi, inferriate e davanzali in pietra risalenti al periodo dell'emigrazione dei pegliesi verso Palermo.[3]

In frazione di Argesio, la parete esterna di una di queste abitazioni ospita l'affresco di una Madonna tra San Carlo e Santa Caterina commissionato da Alberto Mangino al Fiammenghino nel 1619.[3]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Demografia pre-unitaria[modifica | modifica wikitesto]

  • 1593: 720 abitanti[3]
  • 1751: 383 abitanti[4]
  • 1771: 388 abitanti[15]
  • 1805: 373 abitanti[5]
  • 1809: 364 abitanti (prima dell'annessione a Livo)[5]
  • 1853: 417 abitanti[16]

Demografia post-unitaria[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[17]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa dei Ss. Eusebio e Vittore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2019.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 479.
  3. ^ a b c d e f g h Comune di Peglio, su www.comunepeglio.co.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  4. ^ a b c d Comune di Peglio, sec. XIV - 1757 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  5. ^ a b c Comune di Peglio, 1798 - 1815 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  6. ^ Comune di Dosso del Liro, 1816 - 1859 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 3 maggio 2020.
  7. ^ Comune di Livo, 1816 - 1859 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 6 maggio 2020.
  8. ^ Comune di Peglio, 1859 - 1928 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  9. ^ Comune di Peglio, 1948 - [1971] – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  10. ^ Chiesa di S. Eusebio - complesso, Piazzale Santi Eusebio e Vittore - Peglio (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  11. ^ Chiesa della Madonna del Gorghiglio, Via per Peglio - Peglio (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  12. ^ a b c d Peglio – Comunita Pastorale San Francesco Spinelli, su comunitasanfrancescospinelli.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  13. ^ Chiesa della Madonna Immacolata, Piazza della Chiesetta - Peglio (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  14. ^ SIUSA - Parrocchia dei SS. Eusebio e Vittore in Peglio, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  15. ^ Comune di Peglio, 1757 - 1797 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  16. ^ Comune di Peglio, 1816 - 1859 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  17. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN248740712 · WorldCat Identities (ENviaf-248740712