Griante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Griante
comune
Griante – Stemma
Griante – Veduta
Stampa d'epoca di Griante e la frazione Cadenabbia
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
SindacoLuigi Vanini (lista civica) dal 5-6-2016[1]
Territorio
Coordinate46°00′N 9°14′E / 46°N 9.233333°E46; 9.233333 (Griante)Coordinate: 46°00′N 9°14′E / 46°N 9.233333°E46; 9.233333 (Griante)
Altitudine274 m s.l.m.
Superficie6,55 km²
Abitanti622[2] (30-11-2019)
Densità94,96 ab./km²
FrazioniCadenabbia
Comuni confinantiBellagio, Menaggio, Tremezzina, Varenna (LC)
Altre informazioni
Cod. postale22011
Prefisso0344
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT013113
Cod. catastaleE172
TargaCO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantigriantesi
Patronosanti Nabore e Felice
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Griante
Griante
Griante – Mappa
Posizione del comune di Griante nella provincia di Como
Sito istituzionale

Griante[3] (Griant in dialetto comasco, AFI: [ɡriˈ(j)ãːt]) è un comune italiano di 622 abitanti della provincia di Como in Lombardia. Il comune fa parte della Comunità montana del Lario Intelvese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1335, alcuni annessi agli Statuti di Como indicano “Griante” come il comune che, inserito nella pieve di Menaggio, ha il compito della manutenzione del tratto di via Regina compreso tra la valle del torrente “de Carono” e il campo di “Pozollo”[4].

Inserito nella pieve di Menaggio anche sotto il Ducato di Milano, nel 1751 il comune di Griante non risulta più infeudato dal 30 agosto 1647 ma è soggetto, per l'avvenuta redenzione, a un pagamento quindecennale[4].

Il comune di Griante con Cadenabbia fu interessato dalle riorganizzazioni amministrative decise da Napoleone Bonaparte, del Regno d'Italia, che nel 1807 previdero l'aggregazione del comune di "Griante ed uniti" a quello di Menaggio[5]. Confermata con la compartimentazione del 1812[5], quattro anni più tardi l'aggregazione fu tuttavia abrogata in seguito alla caduta di Napoleone, quando gli austro-ungarici, tornati in possesso della Lombardia, attuarono una compartimentazione del Regno lombardo-veneto che comportò la ricostituzione del vecchio comune[6].

Targa del monumento ad Adenauer

Nell'Ottocento, la frazione di Cadenabbia catturò l'interesse di viaggiatori e aristocratici: Stendhal vi aveva ambientato alcuni passi di La Certosa di Parma (La Chartreuse de Parme) ed il paese venne citato anche nella poesia Buchi nella sabbia di Ernesto Ragazzoni. I grandi editori musicali Ricordi vi possedevano una villa (Villa Margherita) in cui fu ospitato anche Giuseppe Verdi, che vi compose alcune arie della Traviata. Longfellow dedicò a Cadenabbia alcune poesie.

Tra i regnanti che soggiornarono a Cadenabbia vi furono la Regina Vittoria d'Inghilterra, lo zar Nicola II di Russia, il kaiser Guglielmo II, il principe Umberto di Savoia. Al cancelliere tedesco Konrad Adenauer, che a Griante Cadenabbia tornava ogni estate, fu donata la cittadinanza onoraria e, nel XXI secolo, dedicata una statua.

Oggi Griante Cadenabbia costituisce centro turistico di fama internazionale sul lago di Como, con la presenza di ville e hotel di prestigio.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa Anglicana dell'Ascensione

Chiesa Anglicana dell'Ascensione

Lungo la statale Regina si trova la Chiesa Anglicana[7], costruita a Cadenabbia tra il 1890 e il 1891[8].

Progettata in stile eclettico neoromanico-neogotico dell'architetto Giuseppe Brentano, la chiesa, fu edificata al servizio di una nutrita comunità di inglesi trasferitasi in paese verso la fine del XIX secolo[8].

Chiesa di San Giuseppe

Chiesa di San Giuseppe

A Cadenabbia si trova la Chiesa di San Giuseppe[9], edificio a navata unica preceduto da portico[10].

La chiesa fu edificata nel 1600 dal mercante Carlo Brentano Mezzegra, ritratto assieme alla Sacra Famiglia nella pala d'altare ivi conservata[10].

Chiesa dei Santi Nabore e Felice

Chiesa dei Santi Nabore e Felice

La Chiesa dei Santi Nabore e Felice si presenta come un edificio ad unica navata con cappelle e doppio transetto[11], chiusa da un tetto a falde con copertura a tegole marsigliesi[12].

Di probabile origine medievale, la chiesa fu elevata a parrocchiale di Griante nel 1632[11] e ristrutturata tra i secoli XVII e XVIII[11][12].

Internamente, la parete destra conserva i resti di un affresco Trecentesco di un'Adorazione dei Magi. Sullo stesso lato, una cappella ospita la pala di Assunzione della Vergine (1597), opera di Alessandro Maganza[11].

Nel transetto si trovano, due tele Settecentesche di Michelangelo Bellotti aventi come tema il martirio dei due santi titolari della chiesa. Di Luigi Morgari sono invece i medaglioni della volta, che introducono un ornamento a quadrature realizzato da Torildo Conconi[11].

Chiesa di San Martino

Adiacente alla chiesa si trova un campanile dotato di tetto a padiglione con copertura in coppi[12].

Chiesa di San Martino

Un terrazzo naturale del Sasso di San Martino a quota 472 m.s.m. ospita la Chiesa di San Martino, risalente al XVI secolo[13][14].

Un portico tardosecentesco introduce all'ingresso, varcato il quale ci si trova all'interno di un edificio ad unica navata conclusa da un abside che conserva una nicchia in cui, dal XVII secolo, la popolazione locale venera la statua lignea di una Madonna con Bambino databile al XV secolo[14].

Oratorio di San Rocco
Oratorio di San Rocco

Poco distante dal centro storico di Griante si trova l'Oratorio di San Rocco[15], risalente al XVII secolo[15][15].

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Villa Margherita
Villa Margherita

Realizzata a Cadenabbia nel 1853 su committenza dell'editore Giulio Ricordi[16], Villa Margherita si compone di un corpo principale di tre piani a pianta quadrata, nel quale si innestano due volumi laterali a due livelli aperti a pianterreno[17]. Un ulteriore volume a un piano, dalla forma semicircolare, s'innesta nel centro della facciata e forma la terrazza del primo piano nobile[17]. La facciata è coronata da una balaustra di marmo che racchiude una copertura a padiglione[17]. Secondo una tradizione, la villa avrebbe ospitato Giuseppe Verdi durante la composizione della Traviata[16].

Villa Bonaventura

Realizzata su tre livelli nel 1891[18] per conto di una famiglia inglese[19] secondo un progetto dell'architetto menaggino Giacomo Mantegazza, Villa Bonaventura è dotata da un portico a tre fornici che introduce all'ingresso e che regge la balconata del piano nobile[18][19].

Villa Collina
Villa La Collina

Al 1899 risale Villa Collina (o La Collina), edificata sui resti di un'antica torre di epoca medievale[20]. La villa fu residenza estiva di Konrad Adenauer[21].

Villa Maresi
Villa Maresi

Villa Maresi fu progettata in stile neogotico inglese da Giacomo Mantegazza e dal figlio Carlo, rimaneggiando un preesistente castello fortificato del XVI secolo appartenuto ai Ronconi[22]. La villa è cinta da mura merlate e comprende un mastio e una serie torrette di avvistamento[23], oltre ad alcune foresterie e una darsena con torrione costruite ex-novo secondo il progetto del Mantegazza[22].

Villa Greppi

Al XVIII secolo risale Villa Greppi[24], già appartenuta all'omonima famiglia nobiliare[25]. La residenza è anche chiamata "Villa del Cedro" per via della presenza di un vecchio cedro del Libano che, assieme ad altri alberi secolari, popola il parco della villa[25].

Villa Maria

Progettata su due piani in stile neorinascimentale da Giacomo Mantegazza[26], Villa Maria fu realizzata tra il 1889 e il 1892[27] per un committente americano[26]. La villa è collocata nei pressi delle rive del lago, all'interno di un ampio parco comprensivo di una serra dall'esile struttura in ferro e vetro in vetro e ferro.[27]

Villa Maria

Esternamente, Villa Maria si presenta con un corpo centrale dotato di logge a tre archi[27] e riprende stilemi del manierismo lombardo[26]. All'interno, si conservano uno scalone e alcuni soffitti decorati da Lodovico Pogliaghi[26].

Villa il Giumello
Villa il Giumello

L'aspetto attuale della villa si deve ad alcuni interventi del 1920[28][29], con la ristrutturazione di una vecchia casa colonica con porticato appartenuta alla famiglia Giumello[29]. I due piani che formano l'edificio si caratterizzano per la presenza di finestre provviste di modanatura[28][29].

Villa Petra

Costruita negli anni 1921-1923 su progetto di Carlo Mantegazza, Villa Petra si presenta come ornata da decorazioni a tema floreale e ringhiere in ferro battuto e si compone di un massiccio edificio a due piani, composto da un corpo aggettante e una loggia a due archi.[30]

Altro
Villa Norella
  • Villa Giuseppina[31], realizzata negli anni '30 per conto di una famiglia inglese, è immersa in un parco abitato da piante pregiate[32].
  • Villa Norella[33] (fine XIX secolo - inizio XX)[34]
  • VIlla Rosa (1903)[35]
  • Casa Laetitia (XVIII secolo)[36]
  • Casa Riva[37]
  • Casa di villeggiatura frequentata da papa Achille Ratti[13]
  • Monumento a Konrad Adenauer

Società[modifica | modifica wikitesto]

Statua di Adenauer

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'unità d'Italia

  • 1751: 245 abitanti[4]
  • 1771: 306 abitanti[5]
  • 1807: 360 abitanti[5]
  • 1853: 585 abitanti[6]

Dopo l'unità d'Italia

Abitanti censiti[38]

Arrivo di un traghetto a Cadenabbia

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

La frazione a lago del comune di Griante è Cadenabbia.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Tra Cadenabbia e Bellagio è attivo un servizio di traghetti che permettono l'imbarco del proprio autoveicolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Amministrazione Griante - Comuni-Italiani.it
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2019.
  3. ^ Luciano Canepari, Griante, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  4. ^ a b c Comune di Griante, sec. XIV - 1757 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 20 aprile 2020.
  5. ^ a b c d Comune di Griante, 1757 - 1797 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 20 aprile 2020.
  6. ^ a b Comune di Griante, 1816 - 1859 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 20 aprile 2020.
  7. ^ Chiesa Anglicana - complesso, Strada Statale Regina - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  8. ^ a b Chiesa Anglicana dell’Ascensione - Griante, su myLakeComo.co. URL consultato il 19 aprile 2020.
  9. ^ Chiesa di S. Giuseppe, Via Roma - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  10. ^ a b Chiesa di San Giuseppe - Griante, su myLakeComo.co. URL consultato il 20 aprile 2020.
  11. ^ a b c d e Greenway del Lago di Como - Mappa interattiva, cosa vedere, su Greenway del Lago di Como. URL consultato il 19 aprile 2020.
  12. ^ a b c Chiesa dei SS. Nabore e Felice - complesso, Via Don Tommaso Grossi, 1 - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  13. ^ a b Chiesa di S. Martino - complesso, Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  14. ^ a b Veduta dalla Chiesa di San Martino - Griante - Lago di Como, su myLakeComo.co. URL consultato il 19 aprile 2020.
  15. ^ a b c Chiesa di S. Rocco - complesso, Piazza San Rocco - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  16. ^ a b Villa Margherita - Griante, su myLakeComo.co. URL consultato il 20 aprile 2020.
  17. ^ a b c Villa Margherita, Strada Statale Regina, 51 - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 20 aprile 2020.
  18. ^ a b Villa Bonaventura, Strada Statale Regina, 79,81 - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  19. ^ a b Villa Bonaventura - Griante, su myLakeComo.co. URL consultato il 19 aprile 2020.
  20. ^ Villa Collina - complesso, Via Roma, 11 - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  21. ^ Villa La Collina - Griante, su myLakeComo.co. URL consultato il 19 aprile 2020.
  22. ^ a b Villa Maresi - Griante, su myLakeComo.co. URL consultato il 19 aprile 2020.
  23. ^ Villa Maresi - complesso, Strada Statale Regina, 83(P) - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  24. ^ Villa Greppi - complesso, Via Don Tommaso Grossi, 3,5(P) - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  25. ^ a b Villa Greppi - Griante, su myLakeComo.co. URL consultato il 19 aprile 2020.
  26. ^ a b c d Villa Maria - Griante, su myLakeComo.co. URL consultato il 20 aprile 2020.
  27. ^ a b c Villa Maria - complesso, Strada Statale Regina, 71(P),73 - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  28. ^ a b Villa il Giumello, Strada Statale Regina, 77,1 bis - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  29. ^ a b c Villa il Giumello - Griante, su myLakeComo.co. URL consultato il 20 aprile 2020.
  30. ^ Villa Petra - complesso, Strada Statale Regina, 15,21 - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  31. ^ Villa Giuseppina - complesso, Strada Statale Regina, 67,69(P) - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  32. ^ Villa Giuseppina - Griante, su myLakeComo.co. URL consultato il 19 aprile 2020.
  33. ^ Villa Norella - Griante, su myLakeComo.co. URL consultato il 20 aprile 2020.
  34. ^ Villa Norella, Via Roma - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  35. ^ Villa Rosa - complesso, Via Indipendenza, 6 - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  36. ^ Casa Laetitia, Via Don Tommaso Grossi, 11(P),11A - Griante (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 19 aprile 2020.
  37. ^ Casa Riva - Griante, su myLakeComo.co. URL consultato il 20 aprile 2020.
  38. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia
Controllo di autoritàVIAF (EN241252139 · GND (DE7610467-9