Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Colonno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Colonno
comune
Colonno – Stemma Colonno – Bandiera
Colonno – Veduta
Vista di Colonno dalla Antica Via Regina
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
SindacoLuciano Soldati (lista civica Colonno per voi) dall'08-6-2009
Territorio
Coordinate45°57′28″N 9°09′20″E / 45.957778°N 9.155556°E45.957778; 9.155556 (Colonno)Coordinate: 45°57′28″N 9°09′20″E / 45.957778°N 9.155556°E45.957778; 9.155556 (Colonno)
Altitudine215 m s.l.m.
Superficie5,62 km²
Abitanti508[1] (31-3-2017)
Densità90,39 ab./km²
Comuni confinantiArgegno, Laino, Lezzeno, Pigra, Sala Comacina, Tremezzina
Altre informazioni
Cod. postale22010
Prefisso031
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT013074
Cod. catastaleC902
TargaCO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanticolonnesi
Patronosan Michele Arcangelo
Giorno festivo29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Colonno
Colonno
Colonno – Mappa
Posizione del comune di Colonno nella provincia di Como
Sito istituzionale

Colonno (Colònn nel dialetto locale[2], AFI: [kuˈlɔn]) è un comune italiano di 508 abitanti della provincia di Como in Lombardia.

Si trova incastrata tra il Lago di Como e le Prealpi Comasche, ed appartiene alla Comunità montana del Lario Intelvese.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune si trova tra la sponda occidentale del Ramo Comasco del Lago di Como e le pendici del Monte Costone. Confina a ovest con Argegno e Pigra (in parte delimitato dal torrente Camoggia), a nord con Laino (lungo le vette del monte) e Tremezzina (nel breve tratto della Valle dei Rovasci appartenente al comune, al di là del monte), a est con Sala Comacina (in parte delimitato dal torrente Pessetta) ed a sud con Lezzeno (al di là del Lago).

Il Monte Costone (1441m.s.l.m)[3], o Costolone, su cui si trova il comune fa parte del Gruppo di Tremezzo. Il punto più alto del comune (1388 m.s.l.m) è una vetta del monte condivisa con Laino, non lontano dalla vetta di Alpe di Colonno (1322 m.s.l.m), dove si trova un omonimo rifugio.

Gli unici corsi d'acqua presenti nel comune sono i torrenti Camoggia e Pessetta, che delimitano in parte i confini comunali. Sboccano entrambi nel Lago di Como, il primo formando una cascata.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Età Romana[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo del comune, forse da "Colonus", indica l'origine romana del comune,[4] fondata nel I secolo a.C. dai coloni greci portati da Giulio Cesare che popolarono il territorio comasco[5] e introdussero la coltivazione dell'ulivo e della vite.[6]

Nel 1905, durante una rinnovazione della Strada Statale, furono scoperte quattro tombe tra Colonno e Sala presso il lago.[6] In due di queste furono ritrovati dei crani, mentre in una terza che rimaneva intoccata vennero ritrovati i resti di un giovane pescatore, sepolto insieme a un vaso di pietra ollare, un ago da rete di bronzo e una moneta di bronzo dell'Imperatore Diocleziano (che regnò dal 284 al 305).[7]

Età Medioevale[modifica | modifica wikitesto]

Caduto l'Impero Romano (476), il territorio venne occupato dagli Ostrogoti, dai Bizantini[8], dai Longobardi e dai Franchi. In questo periodo iniziò l'espansione del cristianesimo nel territorio lariano, ed il paese si legò all'Isola Comacina, seguendone le sorti durante il Medioevo.[4] Con l'avvento dei Franchi aumentò il potere temporale dei vescovi comaschi che espansero il loro potere sulle sponde del lago. Nei primi decenni del XII secolo iniziarono a formarsi governi comunali nel nord Italia, ed in quel periodo l'Isola Comacina iniziò a raggiungere una certa autonomia eleggendo i propri consoli.[9]

Nel 1118 scoppiò una Guerra decennale tra Como e Milano per il controllo dei passi alpini, e molti paesi rivieraschi si schierarono con Milano, tra queste l'Isola e i paesi confinanti. Nel 1124 i Comaschi saccheggiarono i paesi sulla costa da Mezzegra a Colonno, dopo un fallito attacco all'Isola.[10] La guerra finì nel 1127 con la distruzione di Como, ma questa si vendicò prima dei Milanesi (1162) e poi dei Comacini nel 1169 con l'aiuto dell'Imperatore Federico Barbarossa, radendo al suolo gli edifici sull'Isola, mentre il suo territorio entrò in orbita comasca.

Nel 1240 il capitano di Como Bertoldo di Hohenburg pubblicò gli statuti comunali che suddividevano e attribuivano il territorio comasco, diviso in pievi, a quattro quartieri chiamati Porte. In questi la pieve d'Isola viene attribuita al quartiere di Porta Sala.[11] In questo periodo Colonno e Sala avevano l'obbligo di rifornire il mercato di Como di 20 libre di pesce ogni martedì e di 40 libre ogni sabato.[12]

Nel 1335 Como con il suo contado venne occupato dal signore milanese Azzone Visconti, che nello stesso anno promulgò dei nuovi statuti. In questi viene citato il "comune de Collono", che è compreso nella Pieve d'Isola insieme a Sala, Ossuccio e Lezzeno. Nei statuti risulta che Colonno e Sala hanno il compito dalla manutenzione della strada che va "dal ponte di Colonno alla valle di Premonte".[11] Colonno segue quindi le sorti del Ducato di Milano.

Età Moderna[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1517 Colonno viene citato da Paolo Giovio come Colonia.[6] Nel 1555 troviamo Colonno a far parte del feudo d’Isola, che faceva parte a sua volta del feudo di Colico, e viene prima concesso ad Antonio Maria Quadrio, e successivamente ai conti Alberti. Nel 1640 il comune venne concesso in feudo dal re Filippo IV, con il resto della pieve, all'abate Marco Gallio di Como. Nel 1686, dopo la morte del marchese Giacomo Gallio rimasto senza discendenti, il feudo tornò nelle disponibilità del Demanio, sotto la giurisdizione del podestà di Como.[11]

Nel 1788 San Michele di Colonno, fino ad allora un oratorio della Parrocchia di Sant'Eufemia sull'Isola (ed in seguito ad Ossuccio), viene citata per la prima volta come parrocchia indipendente.[11]

Dal 1807 al 1816, durante l'occupazione napoleonica, Colonno insieme ad Ossuccio venne unito al comune di Sala Comacina.[11]

In passato l'economia del paese si reggeva sul commercio dei prodotti agricoli, del pesce e dell'argilla estratta dal torrente Pessetta, usata per curare i reumatismi, che le donne di Colonno trasportavano a Como e a Milano.[4]

Il 13 dicembre 1925 Colonno espande i confini comunali inglobando la frazione di San Bartolomeo distaccata da Sala Comacina (oggi il territorio comunale ad est del torrente Pessetta, che in passato delimitava il confine tra i due comuni fino alla riva).[13]

Dal 20 settembre 1928 al 20 aprile 1950 è unito al neo-costituito comune di Isola Comacina, insieme a Sala Comacina ed Ossuccio.[11]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma comunale fu concesso il 13 gennaio 1957, con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.[14]

Lo stemma è rappresentato da uno scudo sannitico. I due terzi superiori sono dipinti di rosso e vi è rappresentato una daga romana guarnita d'oro con la punta ingiù. Nel terzo inferiore è divisa in 4 fasce ondulate, due azzurre e due argentee.

Il gonfalone è un drappo rosso con sopra lo stemma.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Michele Arcangelo[modifica | modifica wikitesto]

Facciata della Chiesa di S. Michele

La chiesa di San Michele Arcangelo è di stile neo-classico ma di origini romaniche. La chiesa è ad una unica navata con due cappelle laterali ed è decorata da diverse pitture murali. In un locale dietro l'altare sono conservate i lacerti di alcuni affreschi del XV secolo.

Fu costruito sopra un antico oratorio (citato nel 1593 dal Vescovo Ninguarda) appartenente alla pieve d'Isola, di cui si trovano le tracce nel campanile. Nel XIV secolo era composta da un'unica aula con affreschi nella volta del presbiterio. Nella seconda metà del Seicento fu aggiunto una cappella laterale, mentre nel 1877 viene completamente ricostruita e decorato dal pittore Luigi Morgari. Nel 1945 fu aggiunto una nuova torre campanaria.[15]

Vista del paese dal Lago

Chiesa di Sant'Anna, ubicata a Corniga e risalente al 1631.[16]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo Pretura, con un antico portone del XVI-XVII secolo.
  • Parte della Antica via Regina, con due ponti in pietra sopra i torrenti Camoggia e Pessetta. Si può percorrerla lungo la Greenway del Lago di Como.
Corniga

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[17]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Le borgate storiche di Colonno

Il centro abitato, che si sviluppa sulle sponde del Lago lungo la Strada statale 340 Regina, presenta le caratteristiche di un borgo medievale. Oltre al centro, il borgo è diviso in 4 borgate storiche:[14]

  • Uff, che va dal bivio di via Cappella all'ex bar Moretti lungo la via Regina.
  • Camanna, oggi via Luigi Civetta.
  • Pianca, oggi via Guglielmo Riva.
  • Cima, gli edifici sopra la Cooperativa, chiamato così in quanto era la cima del paese in passato.

Sui pendii del Monte Costone, caratterizzati da terrazzamenti per la coltivazione del terreno, sono situati gli agglomerati montani di Barnengo, Cambrianico, Corniga, Solasco e Prati, raggiungibili attraverso mulattiere.[14]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Canotaggio[modifica | modifica wikitesto]

A Colonno si allena la società A.S.D. Canottieri “Tremezzina”.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2017.
  2. ^ ortografia classica
  3. ^ La cima del monte si trova nel limitrofo comune di Pigra
  4. ^ a b c Storia - Comune di Colonno, su comune.colonno.co.it.
  5. ^ Altri esempi di paesi fondati in età romana sono le vicini Lenno, Lezzeno e Nesso.
  6. ^ a b c Biblioteca Comunale Colonno, COLONNO: cenni storici, Grafiche Botta Albese.
  7. ^ Don Giovanni Baserga, Tomba romana d’un pescatore a Colonno, 1913.
  8. ^ 20 anni dopo la discesa dei Longobardi del 564, in quanto il generale bizantino Francione resistete sulla vicina Isola Comacina.
  9. ^ Monti, pg. 372
  10. ^ Cantù, pg 267
  11. ^ a b c d e f g Colonno (Colonno, CO) – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it.
  12. ^ Como tra Medioevo ed età moderna (a cura di Alberto Rovi) (PDF), su comune.como.it.
  13. ^ araldicacivica.it, http://www.araldicacivica.it/stemmi/comune/sala-comacina/.
  14. ^ a b c Statuti di Colonno, su dait.interno.gov.it.
  15. ^ Dalla scheda ubicata presso la Chiesa
  16. ^ Festa di Sant'Anna 2017 a Corniga, Frazione di Colonno, in my TREMEZZINA.
  17. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Storia della città e della diocesi di Como, Cesare Cantù
  • Storia di Como, Maurizio Monti

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]