Ossuccio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ossuccio
frazione
Ossuccio – Veduta
Uno scorcio di Ossuccio sul Lago di Como.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Como-Stemma.png Como
ComuneTremezzina-Stemma.png Tremezzina
Territorio
Coordinate45°58′N 9°11′E / 45.966667°N 9.183333°E45.966667; 9.183333 (Ossuccio)Coordinate: 45°58′N 9°11′E / 45.966667°N 9.183333°E45.966667; 9.183333 (Ossuccio)
Altitudine271 m s.l.m.
Superficie8,34 km²
Abitanti1 008[1] (31-12-2010)
Densità120,86 ab./km²
SottodivisioniCarate, Garzola, Isola, Isola Comacina, Le Grane e Mulina, Ospedaletto, Soccorso, Spurano
Altre informazioni
Cod. postale22010
Prefisso0344
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT013172
Cod. catastaleG182
TargaCO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 403 GG[3]
Nome abitantiossuccesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ossuccio
Ossuccio
Ossuccio – Mappa
Posizione della frazione di Ossuccio all'interno della provincia di Como

Ossuccio[4] (Ossusc in dialetto comasco[5], AFI: [uˈsyʃ], Ausacium in latino), è una frazione di 973 abitanti del comune italiano di Tremezzina della provincia di Como in Lombardia.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo deriva dalla popolazione degli Ausuciates.[6][7]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Vecchio stemma comunale

Ossuccio si affaccia sulla cosiddetta Zoca de l'Oli, un golfo del Lago di Como così denominato per via della notevole tranquillità delle sue acque, appunto "lisce come l'olio"[8]. È questa una zona che gode di clima talmente mite da favorire la fioritura di essenze mediterranee, ma anche una terra ricca di storia, leggende e monumenti come ad esempio il famosissimo campanile di epoca romanica, situato presso l'oratorio di Santa Maria Maddalena, di fronte a Villa Leoni.

Ossuccio è una località antichissima la cui storia si fonde con quella dell'Isola Comacina. Abitata sicuramente sin dall'Età del Bronzo, e luogo di transito per i valichi alpini (Septimer in val Bregaglia e Spluga) fin da epoche anche più remote, presenta una necropoli dell'Età del Ferro con tombe risalenti al III secolo a.C., di epoca cioè insubrica, rinvenute nel 1907. Fonti romane attestano che a quell'epoca Ossuccio apparteneva al potente clan celtico degli Auxucii (pron.: ossuci), federato agli Insubri, menzionato in una lapide romana del II secolo a.C. conservata nella chiesa dei SS. Agata e Sisinio. L'etimologia di Ossuccio deriva proprio da questa antica tribù.[9]

Successivamente alla conquista romana (196 a.C.), divenne un pagus iscritto come "Ausucium", secondo la traslitterazione latina, e gli abitanti Ausuciates. Conferma di ciò si ritrova in un'iscrizione del II-III secolo rinvenuta nella chiesa dei Santi Sisinnio e Agata.[7]

L'isola Comacina, sede di un importante pieve durante i primi secoli del cristianesimo, fu fortificata dai Bizantini, successivamente sconfitti dai Longobardi di Autari (588) che ebbero il privilegio di assegnare il nome al paese.[senza fonte] Nei secoli seguenti, il fatto di essere divenuta il rifugio più sicuro di re e duchi con le loro corti e tesori, le valse l'appellativo di Crisopoli, città dell'oro. Durante la guerra decennale parteggiò per Milano ma concorse con la propria flotta alla sconfitta della città, che nel 1169 si prese la rivincita, occupando violentemente l'isola e costringendo gli abitanti a disperdersi sulle coste prospicienti: la chiesa plebana fu ricostruita in località Balbiano (da allora ribattezzata "Isola"), mentre gli abitanti si trasferirono a Varenna, che divenne così noto come Insula Nova[10].

Il nome di Ossuccio è spesso menzionato nelle guerre pressoché costanti tra Guelfi e Ghibellini, tra Como e MIlano, tra i Comuni e l'Impero che dilaniarono quasi tutta l'Italia settentrionale tra i secoli XII e XV. Oltre all'occupazione dell'Isola Comacina da parte dei Milanesi sopra detta, nel 1348 tutto il territorio del lago fu flagellato dalla Peste Nera (descritta da Boccaccio e Petrarca) e lo storico Cesare Cantù riporta che a Ossuccio, su 50 famiglie (allora si chiamavano "fuochi") ne sopravvissero solo 5. Nel 1416, Lotario Rusca, signore di Como, attaccò il borgo di Ossuccio che parteggiava per Milano e lo incendiò.

Seguì la dominazione del Ducato di Milano sotto i Visconti prima e gli Sforza poi; quindi, nel 1559, tutta la Lombardia occidentale cadde sotto il dominio spagnolo, rimanendovi sino al 1714, quando passò all'Impero Austriaco. Da allora Ossuccio seguì le vicende storiche del resto della regione. Dal 21 gennaio 2014 è parte del nuovo comune, di cui è l’unica frazione a non avere precedenti legami storici con le altre tre.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Spurano dall'Isola Comacina

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Santuario della Beata Vergine del Soccorso e Sacro Monte[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sacro Monte di Ossuccio.

Santuario della Beata Vergine del Soccorso e Sacro Monte.
Nel 2003 il Sacro Monte di Ossuccio, insieme ad altri otto Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia, è stato inserito dall'UNESCO nella Lista del Patrimonio Mondiale. Posto sul lato occidentale del Lago di Como, il Sacro Monte di Ossuccio ha un notevole valore paesistico. Le cappelle rappresentanti i Misteri del Rosario, furono realizzate fra il 1635 ed il 1710 lungo il percorso ascensionale che conduce al Santuario della Beata Vergine del Soccorso.

Chiesa di Santa Maria Maddalena[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa romanica di Santa Maria Maddalena, in Ospedaletto, è celebre per il singolare campanile che presenta una "guglia" in cotto, di stile gotico, avente funzione di cella campanaria, edificata sopra il vecchio campanile romanico in pietra.[11][6]

Oratorio di San Giacomo[modifica | modifica wikitesto]

L'oratorio di San Giacomo

L'oratorio romanico di San Giacomo, a Spurano, risale al XI- XII secolo, conserva al suo interno cicli di affreschi realizzati fra il XII secolo e il XV secolo ed è caratterizzato dal suo campanile a vela[12]. Conosciuto anche come oratorio dei Santi Giacomo e Filippo, al suo interno conserva resti di affreschi romanici[13][14].

Chiesa dei Santi Sisinnio e Agata[modifica | modifica wikitesto]

Nata sulla base di un sacello paleocristiano,[11] la chiesa, in origine in stile romanico, fu oggetto di numerosi rimaneggiamenti nel corso dei secoli.[11][6]

Nota anche come chiesa di Sant'Agata,[15] internamente conserva un'ara del II secolo,[6] un'acquasantiera romanica scolpita[13] e resti di affreschi databili tra i secoli XIV e XV[6]. Uno degli affreschi riporta una Crocifissione in cui l'aureola di Gesù racchiude una porzione di croce nella quale sono raffigurate una serie di torri merlate[16].

Abbazia di San Benedetto in Val Perlana[modifica | modifica wikitesto]

L'antica chiesa romanica di San Benedetto al monte Oltirone, più comunemente conosciuta come Abbazia di San Benedetto, è un ex-monastero benedettino situato in mezzo ai boschi della Val Perlana, a circa 800 metri di altitudine[17].

Parrocchiale di Sant'Eufemia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di Sant'Eufemia[18] fu costruita in stile romanico dai profughi scampati dalla distruzione dell'Isola Comacina del 1169.[13] Dal 1178 adempì ufficialmente le funzioni di chiesa matrice della pieve d'Isola.[19][7] La dedicazione a Sant'Eufemia deriva proprio dall'omonima basilica isolana,[13] dalla quale proviene anche la lapide della tomba del vescovo Agrippino.[7] È probabile che la chiesa sia un rimaneggiamento della chiesa di San Salvatore, già esistente al tempo della devastazione e attestata almeno fino al 1195.[7] Al 1326 risale invece la costruzione del coro, tuttavia modificato nel 1874 e nel 1957.[20]

Dietro la chiesa si trovava un tempo il battistero di San Giovanni Battista, poi incorporato in un'abitazione privata.[20]

All'interno, oltre a resti di intonaco del periodo romanico, si conservano un'acquasantiera di età rinascimentale e un Crocefisso del XVI secolo.[20] Le cappelle laterali, tra le quali spicca quella dedicata a san Carlo Borromeo, furono ornate nel XVII secolo.[20]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Torre del Soccorso,[21] edificata con funzioni di presidio e, all'occorrenza, di blocco del passaggio.[22]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[30]

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Associazione Culturale “Isola Comacina”
  • Associazione S. Benedetto
  • Associazione Sportiva La Soccorsina
  • Coro Pieve d'Isola
  • Gruppo Alpini
  • ProLoco di Ossuccio

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Le frazioni che componevano il comune erano: Spurano, Carate, Garzola, Soccorso, Ospedaletto (Stabio fino al 1810), Isola (l'antica Balbiano, sulla terraferma), Le Grane e Mulina (l'antica Perlana), l'Isola Comacina (chiamata dai locali "Castell" o "San Giovanni").

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Luciano Canepari, Ossuccio, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  5. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 462, ISBN 88-11-30500-4.
  6. ^ a b c d e Borghese, p. 352.
  7. ^ a b c d e AA.VV., Una chiesa tra lago e montagne, p. 120.
  8. ^ Coopperiscopio, Isola Comacina - Sistema Lago di Como, su www.sistemalagodicomo.it. URL consultato il 3 ottobre 2017.
  9. ^ associazione culturale isola comacina - storia della tremezzina, su acisolacomacina.it.
  10. ^ Borghese, p. 353.
  11. ^ a b c RomaniCOMO, su www.romanicomo.it. URL consultato il 1º aprile 2021.
  12. ^ COMCEPT- http://comcept.it, Chiesa di San Giacomo, Spurano, Ossuccio Lago di Como, su Associazione Culturale Isola Comacina. URL consultato il 16 gennaio 2020.
  13. ^ a b c d Belloni et al., p. 138.
  14. ^ Chiesa di S. Giacomo, Via Gioachino Leoni - Ossuccio (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 15 aprile 2021.
  15. ^ Chiesa di S. Agata - complesso, Via Cesare Giovio - Ossuccio (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 15 aprile 2021.
  16. ^ Belloni et al., p.27.
  17. ^ COMCEPT- http://comcept.it, Abbazia di San Benedetto in Val Perlana, Lago di Como, su Associazione Culturale Isola Comacina. URL consultato il 16 gennaio 2020.
  18. ^ Chiesa di S. Eufemia - complesso, Via Angelo Vanini - Ossuccio (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 15 aprile 2021.
  19. ^ AA.VV., Una chiesa tra lago e montagne, p. 119.
  20. ^ a b c d AA.VV., Una chiesa tra lago e montagne, p. 121.
  21. ^ La Torre di Ossuccio è di proprietà del Fai, su www.laprovinciadicomo.it. URL consultato il 18 aprile 2020.
  22. ^ Belloni et al., p.23.
  23. ^ Villa Leoni - complesso, Strada Statale 340, 0 (P) - Ossuccio (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 15 aprile 2021.
  24. ^ Belloni et al., p. 189.
  25. ^ Villa del Balbiano - complesso, Piazza Cardinal Durini - Ossuccio (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 15 aprile 2021.
  26. ^ a b Belloni et al., p. 246.
  27. ^ Belloni et al., p. 192.
  28. ^ Villa Della Torre - complesso, Via Bartolomeo Puricelli - Ossuccio (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 15 aprile 2021.
  29. ^ Belloni et al., p. 246.
  30. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Mario Belloni, Renato Besana e Oleg Zastrow, Castelli basiliche e ville - Tesori architettonici lariani nel tempo, a cura di Alberto Longatti, Como - Lecco, La Provincia S.p.A. Editoriale, 1991.
  • Annalisa Borghese, Ossuccio, in Il territorio lariano e i suoi comuni, Milano, Editoriale del Drago, 1992.
  • AA.VV., Una chiesa tra lago e montagne - A Giovanni Paolo II, Como-Lecco, La Provincia S.p.A. Editoriale, 1996.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN128016680 · GND (DE4504277-9
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia