Cesare Cantù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cesare Cantù
Ritratto di Cesare Cantù (1804-1895).jpg
Ritratto autografo del Cantù

Deputato del Regno d'Italia
Legislature VIII, IX
Collegio Caprino Bergamasco
Sito istituzionale

Deputato del Regno di Sardegna
Legislature VII
Collegio Almenno
Sito istituzionale

Dati generali
Professione Letterato, storico, pubblicista e giornalista[1]
Firma Firma di Cesare Cantù

Cesare Ambrogio Cantù[2] (Brivio, 5 dicembre 1804Milano, 11 marzo 1895) è stato uno storico, letterato, politico e archivista italiano.Deputato al parlamento dall'Unità d'Italia (1861) al 1867, fu il fondatore dell'Archivio storico lombardo e presidente onorario della SIAE[3]. Letterato legato all'area romantica e al cattolicesimo poi, il Cantù fu autore di numerosi romanzi (tra i quali spicca Margherita Pusterla), di saggi storici (Storia Universale e Grande illustrazione del Lombardo Veneto) e di storiografia letteraria (Ragionamenti per servire di commento ai Promessi Sposi; Storia della letteratura italiana). Dal 1873 fino alla sua morte, fu infine Direttore dell'Archivio di Stato di Milano, organizzandolo (non senza qualche pecca) e trasportandone la sede nell'ex Collegio Elvetico/Palazzo del Senato.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni e l'insegnamento[modifica | modifica wikitesto]

Cantù in età matura

Cesare Cantù nacque a Brivio, un paesino della Brianza, da Celso e da Rachele Gallavresi[4]. Educato al ginnasio Sant'Alessandro di Milano[5] fu, dopo essere stato respinto al Collegio Ghisleri di Pavia, docente supplente a Sondrio, città nella quale rimase dal 1821 al 1827 insieme al fratello minore Ignazio e dove, nel tempo libero, poté formare la sua cultura leggendo avidamente i classici italiani e quelli stranieri[6], in particolare le Antichità italiche di Ludovico Antonio Muratori e la Storia delle Repubbliche italiane dello svizzero Sismonde de Sismondì. Trasferitosi per l'insegnamento a Como dal 1828 al 1832, in quell'anno divenne insegnante in quello stesso collegio Sant'Alessandro di Milano dove trascorse l'adolescenza[4], dove poté entrare in contatto con l'ambiente intellettuale della città, in primis con Tommaso Grossi, con Alessandro Manzoni e con il giurista Gian Domenico Romagnosi[7]. Arrestato il 15 novembre 1833 in quanto sospettato di far parte della Giovine Italia di Mazzini, fu liberato dal Carcere di Porta Nuova l'11 ottobre 1834, venendogli comminata però l'esclusione dai pubblici uffici e quindi dall'insegnamento[8].

L'attività storica e letteraria[modifica | modifica wikitesto]

Gli anni '30[modifica | modifica wikitesto]

Già nel 1828 aveva pubblicato, a Como, il poemetto Algiso, ma aveva dimostrato anche notevoli doti storiche elaborando la Storia della città e diocesi di Como, composta tra il 1829 e il 1831[9]. Arrivato a Milano, si cimentò nella critica letteraria scrivendo il saggio Sulla storia Lombarda del secolo XVII: Ragionamenti per servire di commento ai Promessi Sposi, edito nel 1832[10]. Nello stesso anno vide le stampe Il Sacro Macello di Valtellina. Le guerre religiose del 1620 tra cattolici e protestanti tra Lombardia e Grigioni, pubblicato a Milano nel 1832 e l'anno successivo i Racconti brianzoli (o Novelle brianzole). Liberato dal carcere, Cantù si dedicò interamente all'attività letteraria, redigendo tra il 1836 e il 1837 quattro libri di favole per bambini in cui compare il Carlambrogio di Montevecchia, emblema della sottomissione all'ordine costituito e all'autorità morale del clero, come più viene specificatamente ricordato ne Il galantuomo[11]. In queste due opere si vede già il conservatorismo religioso che dominerà l'intera ideologia del Cantù anche negli anni a venire[12].

Il primo volume della Storia Universale di Cesare Cantù, edito a Torino nel 1838

Margherita Pusterla e la Storia universale[modifica | modifica wikitesto]

Cantù, sulla scia del successo dei Promessi Sposi dell'amico Manzoni, si accinse alla stesura di un romanzo storico sul modello di quello manzoniano e del Marco Visconti di Tommaso Grossi: la Margherita Pusterla, scritta mentre era in carcere e che fu pubblicata soltanto nel 1838 a causa della censura austriaca[13]. Basatosi sulla vicenda storica di Margherita Visconti (XIV secolo - 1341), figlia di Uberto e andata in sposa a Francesco Pusterla, l'opera del Cantù ne ricalca la disgrazia famigliare (lei verrà imprigionata e uccisa per essersi opposta alle lusinghe del signore della città, Luchino) intrecciandola con quella di personaggi "di fantasia" (secondo la metodologia del romanzo storico) che fanno da contorno alla vicenda della nobildonna milanese[14]. Nonostante le vicinanze tematiche e ideologiche coi Promessi Sposi (l'affidamento alla religione quale strumento di consolazione e salvezza contro i mali del mondo), Margherita Pusterla si rivela un romanzo storico «cupo»[15] e più pessimista rispetto a quello manzoniano, sia per la mancanza del lieto fine, sia della divisione "manichea" tra buoni e cattivi[14].

Gli anni '40 videro anche l'affermazione del Cantù in ambito storiografico: nel 1837 il libraio torinese Giuseppe Pomba propose al letterato lombardo la stesura di una Storia Universale che doveva raccogliere tutta la storia dell'umanità. Davanti all'opera monumentale che gli si prospettava, Cantù non si tirò indietro e, stipulato il contratto nel 1838, redasse tra quell'anno e il 1846 quest'opera divisa in 35 volumi[16], definita da Marino Berengo «l'opera storica certo più letta e consultata per un cinquantennio in Italia». In seguito, la Storia Universale verrà ampliata tra il 1883 ed il 1890 raggiungendo i cinquantadue volumi. Anch'essa, però, risentì fortemente dell'influsso conservatore-clericale e di errori filologici vari, specialmente nella trattazione dell'Evo antico[4].

Il periodo risorgimentale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Risorgimento.

Dal 1848 alla collaborazione con Massimiliano d'Asburgo[modifica | modifica wikitesto]

Edizione della Grande illustrazione del Lombardo-Veneto, Corona e Caimi Editori, Milano 1858 (2ª ed.)

La sua posizione conservatrice e clericale spinse Cantù ad aderire alla tesi neoguelfa propugnata da Vincenzo Gioberti nel Primato morale e civile degli italiani secondo cui né la tradizione cattolica né i principi dell'illuminismo e della rivoluzione francese potevano costituire la chiave di volta per un processo di unificazione in Italia, per raggiungere il quale sarebbe occorso ricorrere ad una specifica filosofia politica nazionale. Cantù, che nel 1844 e nel 1845 visitò prima le altre regioni italiane, e l'anno successivo Londra e Parigi[17], ritornò in Lombardia nel 1846, dove le sue posizioni antiaustriache si esacerbarono ulteriormente agli albori dei moti del 1848. Sospettato dalla polizia, il 21 gennaio di quell'anno fu costretto alla fuga da Milano per riparare a Torino[18], per poi ritornare a Milano durante le cinque giornate e la prima guerra d'indipendenza[4]. In seguito al rientro delle armate austriache del Radetzky, il Cantù dovette nuovamente riparare per breve tempo all'estero, in Svizzera, da dove rientrò nuovamente a Milano in seguito all'amnsitia nei confronti degli esuli politici, fatto che non gli venne perdonato da molti patrioti in futuro. Durante gli anni '50, infatti, Cantù giunse a collaborare col governo austriaco e a sognare un Lombardo-Veneto indipendente con Massimiliano d'Asburgo[19] come re in contrapposizione ad un Piemonte che, guidato da Cavour, stava attuando una politica legislativa antiecclesiastica che il cattolico Cantù non poteva accettare[20].

In questi ultimi anni del dominio austriaco nel Lombardo-Veneto, Cantù riprese l'attività storica e letteraria, realizzando i saggi: L'Abate Parini e la Lombardia nel secolo passato (1854), Ezelino da Romano; la Grande Illustrazione del Lombardo-Veneto (1857), dettagliatissima enciclopedia storico-toponomastica delle principali località del Reame; la Storia di cento anni (1851) Storia degli Italiani (1854). Questi ultimi due furono pubblicati rispettivamente a Firenze e a Torino, in quanto potenzialmente pericolosi per l'ideologia nazionale ivi espressa[4].

L'Unità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Seconda guerra d'indipendenza italiana, Proclamazione del Regno d'Italia e Regno d'Italia (1861-1946).

L'attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Una volta che Milano e la Lombardia furono liberate dalle truppe franco-sarde di Vittorio Emanuele II e di Napoleone III, Cesare Cantù assistette alla nascita dello Stato Unitario. Accantonati i pregiudizi contro la monarchia sabauda, fu eletto (marzo 1860) in quello che era ancora il Regno di Sardegna nel collegio di Almenno San Salvatore (Bergamo) per la VII legislatura[21]. Battuto nel 1861 a Caprino Bergamasco, entrò comunque in Parlamento (VIII legislatura) dopo le dimissioni del suo avversario il 28 gennaio 1863 ma, viste alcune procedure irregolari, fu dichiarato decaduto dallo scranno parlamentare alla fine di quell'anno[4]. Ritornò in Parlamento nel 1865 sempre nel collegio di Caprino Bergamasco, rimanendovi fino al 13 febbraio 1867, quando terminò la IX legislatura[22].

In questi quasi sette anni di presenza parlamentare, Cantù fu «solitario oratore del partito cattolico»[23], rappresentando insieme a Vito D'Ondes Reggio la fazione cattolica e conservatrice in un Parlamento dominato da liberali e da massoni. I discorsi del Cantù erano «enfatici e apocalittici»[4] e, come riportati dal biografo Pietro Manfredi, erano quasi tutti concentrati nella difesa della religione cattolica e delle sue istituzioni (come riportato qui sotto), ma anche a difesa dei contadini meridionali e contrario alla Legge Pica che aprì alla repressione del brigantaggio[24]:

«I suoi discorsi principali han per oggetto la libertà di insegnamento (1860) (65), la legge sulle Opere pie e l'Ospedale di Milano (21 aprile 1864), l'obolo di S. Pietro (18 maggio 1864), la leva dei chierici (6 luglio 1864), il giuramento degli impiegati (17 gennaio 1865 e 6 febbraio 1866), il matrimonio civile (9 febbraio 1865), il diritto di petizione (23 febbraio 1865), l'unificazione dei codici (7-15 marzo 1865), la soppressione delle corperazioni religiose (19 aprile 1865), la libertà dei seminarii (27 aprile 1866), e il regime delle carceri (19 gennaio 1867).»

(Manfredi, pp. 84-85)

La produzione letteraria[modifica | modifica wikitesto]

Cesare Cantù a 70 anni

Il Cantù, nonostante gli impegni politici, continuò la sua attività di studioso e storico scrivendo Gli eretici d'Italia (1865-1866) in cui Cantù sottolinea il fattore positivo che la Chiesa cattolica ha svolto nei confronti dell'Italia, dando quindi un tono politico all'opera proprio negli anni in cui si discuteva in Parlamento riguardo la questione di Roma capitale e del potere temporale dei papi; le Storie minori (Lombardia, Valtellina, Brianza), del 1864 e una serie di opere a carattere erudito come gli Edifizii di Milano, la Storia della letteratura italiana, del 1865, Il Conciliatore e i carbonari, del 1878, la sopracitata Storia universale, impostata nel periodo 1838-1846 e ampliata nel periodo come prima ricordato. Postumo, il Romanzo autobiografico, che verrà pubblicato soltanto nel 1969 a cura di Adriano Bozzoli, Milano-Napoli, Ricciardi, 1969. Infine, si segnalano opere morali finalizzate all'educazione del cattolico non istruito: Buon senso e buongoverno (Milano, 1870), Portafoglio d’un operaio (Milano, 1871), Attenzione! Riflessi di un popolano (Milano, 1871)[25]. L'ultima grande opera del Cantù, scritta quando era direttore dell'Archivio di Stato di Milano, fu Della indipendenza d'Italia. Cronistoria (1872-1877, Torino), in cui l'ormai anziano scrittore non esita ad attaccare figure chiave del Risorgimento (quali Napoleone III e Cavour) e mostrare compassione per i "vinti" del nuovo Stato Unitario, ovvero Carlo Cattaneo e, addirittura, Francesco Giuseppe d'Austria. Nell'opera, inoltre, Cantù rimane fedele ai suoi propositi anti-liberali, attaccando le posizioni ideologiche su cui si sta costruendo il Regno d'Italia.

Direttore dell'Archivio di Stato di Milano[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Archivio di Stato di Milano.
Cesare Cantù: medaglione sullo scalone monumentale di Palazzo del Senato a Milano

In seguito alla morte di Luigi Osio nel 1873, il governo guidato da Quintino Sella e Giovanni Lanza nominò il Cantù come direttore interinale negli Archivi di Stato a Milano il 24 aprile del 1874 per diventare poi Direttore dell'Archivio di Stato di Milano nel dicembre del 1875[26]. L'Archivio, sotto il mandato dell'Osio, aveva subito un processo di concentramento dei vari poli archivistici sparsi in Milano in quello che era stato l'ex Collegio Elvetico/Palazzo del Senato, ma il vecchio direttore non riuscì a vedere l'opera completata. Il mandato ventennale di Cantù (1873-1895) viene considerato uno dei periodi più floridi e importanti nella vita dell'istituto meneghino, come riportato da Nicola Raponi:

«Sta di fatto che il Cantù portò all'archivio di stato il fervore delle sue ricerche e delle sue iniziative e l'istituto milanese beneficiò ampiamente del prestigio e della fama del suo diretto; il ventennio della sua direzione fu tra i più significativi della storia dell'istituto milanese.»

(Raponi, p. 314)
Archivio Storico Lombardo, anno I, 1874

Cesare Cantù infatti iniziò la pubblicazione, a partire dal 1874, della rivista l'«Archivio Storico Lombardo» il quale, edito dalla Società Storica Lombarda, doveva essere «anche il giornale dell'Archivio di Stato»[27]. Fu lui, inoltre, a dare una definitiva riorganizzazione all'Archivio, spostando tutti i fondi depositati in vari spazi sparsi per Milano nel Palazzo del Senato a partire dal 1886[28] grazie anche all'influenza che il celebre storico aveva presso la società milanese[29]. Nonostante la vitalità culturale acquisita dall'Archivio grazie alla sua preparazione e alla sua cultura, il Cantù non aveva però la forza di cambiare il sistema archivistico imperante a Milano, denominato "peroniano" dal nome dell'archivista Luca Peroni che diresse gli archivi governativi di Lombardia dal 1818 al 1832. Il Cantù si limitò a bloccare la scissione dei fondi secondo questo sistema, ma non a rimediare alle operazioni che furono portate avanti tanto alacremente da Peroni e dai suoi successori[30]. Archivista non di professione, il Cantù operò nei fondi dell'Archivio meneghino con la mentalità dello storico, giungendo a danneggiare dei fondi scartando arbitrariamente delle carte anteriori al 1650, azione che suscitò un vivo dibattito nel Consiglio per gli Archivi nel 1876 e che attirò l'attenzione del Ministero dell'Interno, che ordinò un'inchiesta il 10 marzo 1878[31].

Cesare Cantù nel suo studio

Nonostante ciò, l'attaccamento di Cantù all'Archivio meneghino fu ammirevole, in quanto lo gestì fino ad età molto avanzata e in cattivo stato di salute: affetto negli ultimi anni da gotta, pur di adempiere al suo dovere di direttore «si fece portare su per le scale»[32] fino al suo ufficio.

La morte e le esequie[modifica | modifica wikitesto]

Cantù si mantenne lucido e attivo fino a tarda età finché, similmente a quanto era accaduto all'amico Manzoni venti anni prima, nel marzo del 1894 non si ruppe un femore mentre usciva dalla messa quotidiana nella chiesa di Santa Maria Podone di piazza Borromeo.[33] Da quel momento iniziò il suo declino fisico e morì novantunenne nella sua abitazione di via Morigi n. 5 a Milano (dove oggi è posta lapide commemorativa)[34], alle 6:25 del mattino dell'11 marzo 1895[35].

La scomparsa dello storico suscitò grande commozione in tutta Italia e alla famiglia giunsero messaggi di cordoglio dalle più alte autorità civili e religiose: fra gli altri quelli di papa Leone XIII e del Cardinale Segretario di Stato Mariano Rampolla del Tindaro, del re Umberto I e della regina Margherita, del Principe di Napoli Vittorio Emanuele e del Presidente del Senato Domenico Farini[36].

Tomba di Cesare Cantù nel cimitero della sua città natale, Brivio

I funerali furono celebrati il 14 marzo nel pomeriggio videro una enorme partecipazione da parte dei milanesi, che si assieparono lungo tutto il percorso fra l'abitazione del Cantù e la Chiesa di Sant'Alessandro in Zebedia, dove si tenne la cerimonia funebre[37], e infine sulla strada per il Cimitero Monumentale, nel cui Famedio lo storico venne tumulato[38]. L'11 novembre 1905 le spoglie vennero traslate dal Cimitero Monumentale al Famedio di Brivio, paese natale del Cantù, dove tuttora riposano[13].

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Cesare Cantù ebbe due figlie illegittime dall'amante[39] Antonietta Beccaria Curioni de' Civati (1805-1866), moglie di Giulio Beccaria (1784-1858), questi figlio del ben noto giurista e filosofo Cesare e zio di Alessandro Manzoni[40]:

  • Rachele
  • Antonietta

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze riportate da Maurizio Cassetti[41] e dalla Guida generale di Milano per l'anno 1874[42]:

commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
cavaliere dell'Ordine civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria cavaliere dell'Ordine civile di Savoia
cavaliere della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria cavaliere della Legion d'onore
commendatore dell'Ordine del Cristo di Portogallo - nastrino per uniforme ordinaria commendatore dell'Ordine del Cristo di Portogallo
immagine del nastrino non ancora presente grande ufficiale dell'Ordine della Guadalupa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gli ultimi due mestieri sono riportati in Cantù deputato
  2. ^ Manfredi, p.11, n°1
  3. ^ S.I.A.E., 125 anni di attività, Diritto d'autore.it. URL consultato il 28 giugno 2018.
  4. ^ a b c d e f g Berengo
  5. ^ Manfredi, p. 15
  6. ^ Berengo:

    «A Sondrio egli rimase sino al 1827, trattenendo presso di sé il fratello secondogenito Ignazio che poté così studiare, nonostante il gravissimo dissesto della famiglia: fu in questo periodo di solitarie e intense letture che il C. compì la sua vera formazione.»

  7. ^ Manfredi, p. 23
  8. ^ Cesare Cantù; Manfredi, p. 29; p. 32
  9. ^ Manfredi, p. 21; Berengo
  10. ^ Cesare Cantù; Manfredi, p. 23
  11. ^ Il passo finale del Carlambrogio recita infatti: «Nel mondo c'è meno elefanti che formiche ... il numero dei servitori sorpassa di lunga mano quello dei padroni; amate la patria, il vostro governo, vivete d'accordo e lavorate: qui consiste tutta la vostra politica»; mentre ne Il galantuomo: «intimano ai potenti la verità in nome di Dio, istruiscono gli ignoranti, proteggono gli oppressi, riconciliano i nemici». Così riportato nella voce biografica di Barengo
  12. ^ Ferroni, p. 37: «...nei suoi scritti si mosse sempre con un'ottica moralistica, rigidamente cattolica, che già negli anni Trenta assumeva caratteri reazionari»; Canova, p. 174 §2: «Tutti gli scritti di Cantù sono percorsi da una vena moralistico-pedagogica reazionaria...»
  13. ^ a b Cesare Cantù
  14. ^ a b Iovino
  15. ^ Ferroni, p. 37
  16. ^ Manfredi, p. 37; Cesare Cantù
  17. ^ Manfredi, p. 44
  18. ^ Manfredi, p. 49
  19. ^ Manfredi, p. 64: «Peggio gli incolse a cagione de' suoi rapporti coll'arciduca Massimiliano, per i quali non gli furono risparmiate contumelie e calunnie».
  20. ^ Berengo:

    «Dopo un breve esilio in Svizzera e in Piemonte, il C. accettava di rientrare a Milano: e la polemica degli emigrati contro di lui conobbe un'eccezionale asprezza [...] la collaborazione che, quale consulente culturale, egli diede al vicerè Massimiliano, d'Asburgo [...] Il concordato del 1855 tra Vienna e Roma e, ancor più, la ventilata creazione di un Lombardo-Veneto semiautonomo con Massimiliano re gli rendevano ormai più accettabile quel regime; e certo preferibile al governo piemontese, rivelatosi accentratore e irrispettoso delle "libertà ecclesiastiche".»

  21. ^ Berengo; Cantù deputato
  22. ^ Cantù deputato
  23. ^ Manfredi, p. 83
  24. ^ Manfredi, p. 99: «Terzo, perché finiranno quelle esecuzioni sommarie, di cui fu contaminata per dieci anni l'Italia media ed ora da sei la meridionale»; Berengo: «...e coglie l'occasione per condannare sia le "esecuzioni sommarie" del Mezzogiorno...»
  25. ^ Cesare Cantù
  26. ^ Cassetti, p. 309
  27. ^ Santoro, 2011, p. 4; Società Storica Lombarda - Storia
  28. ^ Cagliari Poli, p. 13 §2
  29. ^ Cesare Cantù: «Fu grazie l’autorità di cui godeva nel mondo milanese del secolo Ottocento che il Cantù, riuscì a far concentrare tutti gli archivi milanesi nel prestigioso palazzo del Senato».
  30. ^ Cagliari Poli, p. 15 §1; Berengo: «Indubbie sono le benemerenze del C. nella carica affidatagli, poiché interruppe lo smembramento delle serie archivistiche per materia, che aveva sconvolto e falcidiato le documentazioni milanesi».
  31. ^ Cassetti, p. 51
  32. ^ Manfredi, p. 104
  33. ^ Manfredi, p. 106
  34. ^ Chi era Costui - Scheda di Cesare Cantù, su www.chieracostui.com. URL consultato il 28 febbraio 2017.
  35. ^ Cantù, p. 16 virtuale (inesistente quella sulla pagina)
  36. ^ CantùDa Sua Santita Leone XIII (p. 29 "virtuale") e Dalle LL. MM. il Re e la Regina - da S.A.R. il Principe Ereditario (p. 31 "virtuale")
  37. ^ Cantù, p. 5
  38. ^ Il Manfredi, p. 110 scrive che la salma «riposa in una nicchia del colombario che il Comune gli assegnò»; la famiglia di Cantù, p. 39 dice che il feretro fu posto ai piedi del Famedio. Può essere che uno dei colombari di cui parla il Manfredi fosse nel Famedio. Niente dice Marino Berengo nella sua voce biografica del Dizionario Biografico degli Italiani.
  39. ^ Boneschi, p. 364: «Cesare Cantù, che è diventato intimo dei Beccaria e amante della zia Antonietta...»
  40. ^ Cremante, p. 318, n° 5 e 6
  41. ^ Cassetti, p. 309
  42. ^ Guida di Milano, p. 199

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marino Berengo, Cesare Cantù, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 18, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1975.
  • Marta Boneschi, Quel che il cuore sapeva: Giulia Beccaria, i Verri e i Manzoni, Milano, Mondadori, 2005, ISBN 88-04-54779-0.
  • Gabriella Cagliari Poli (a cura di), L'archivio di Stato di Milano, in I tesori degli archivi, Firenze, Nardini Editore, 1992, ISBN 88-404-1301-4.
  • Gianni Canova (a cura di), Letteratura, Volume 1 A-O, in L'Universale, vol. 4, Milano, Le Garzantine, 2003, SBN IT\ICCU\RCA\0766625.
  • Famiglia Cantù (a cura di), In morte di Cesare Cantù, Milano, Tipografia Bernardoni di C. Rebeschini, 1896, SBN IT\ICCU\MIL\0349464. URL consultato il 28 giugno 2018.
  • Maurizio Cassetti (a cura di), Repertorio del personale degli Archivi di Stato (PDF), 1 (1861-1918), Roma, Ministero dei Beni e attività culturali, 2008, ISBN 978-88-7125-294-0. URL consultato il 5 luglio 2018.
  • Renzo Cremante (a cura di), Emilio De Marchi un secolo dopo. Atti del convegno di studi: Università di Pavia, 5-6 dicembre 2001, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2005, ISBN 88-8498-209-X.
  • Giulio Ferroni, Il Romanticismo e Manzoni: Restaurazione e Risorgimento (1815-1861), in Giulio Ferroni, Andrea Cortellessa, Italo Pantani e Silvia Tatti (a cura di), Storia della Letteratura Italiana, vol. 10, Milano, Mondadori, 2006, SBN IT\ICCU\CAG\1255837.
  • Pietro Manfredi, Cesare Cantù: la biografia ed alcuni scritti inediti o meno noti, Torino, Unione Tipografico -Editrice, 1905, SBN IT\ICCU\CUB\0153588. URL consultato il 28 giugno 2018.
  • Guido Mazzoni, CANTÙ, Cesare, in Enciclopedia Italiana, vol. 8, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1930.
  • Nicola Raponi, Per la storia dell'archivio di stato di Milano. Erudizione e cultura nell'Annuario del Fumi (1909-1919), in Rassegna degli Archivi di Stato, vol. 31, nº 2, Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, Libreria dello Stato, maggio/agosto 1971, pp. 313-334, ISSN 0037-2781 (WC · ACNP).
  • Carmela Santoro, "Una casa di vetro per il mondo degli studiosi". Il Regio Archivio di Stato in Milano nell'Annuario di Luigi Fumi, in Annuario dell'Archivio di Stato di Milano, Milano, Archivio di Stato di Milano, 2011, pp. 3-53, SBN IT\ICCU\USM\1903141.
  • Guida di Milano per l'anno 1874, Milano, presso Giuseppe Bernardoni, 1874, SBN IT\ICCU\RAV\0254593. URL consultato il 13 luglio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessio Iovino, Margherita Pusterla, SoloLibri, 19 marzo 2014. URL consultato il 28 giugno 2018.
  • [cesarecantu.it. Cesare Cantù - Centro Studi], Cesare Cantù - Centro Studi. URL consultato il 28 giugno 2018.:
  • Cesare Cantù, Camera dei Deputati. URL consultato il 28 giugno 2018.
  • Società Storica Lombarda - Storia, Società Storica Lombarda. URL consultato il 28 giugno 2018.
  • L'emeroteca digitale, Biblioteca Nazionale Braidense. URL consultato l'8 luglio 2018., dove poter consultare tutti i numeri dell'Archivio Storico Lombardo
Controllo di autoritàVIAF (EN7406300 · ISNI (EN0000 0001 1740 0594 · SBN IT\ICCU\CFIV\017646 · LCCN (ENn79099266 · GND (DE119296543 · BNF (FRcb120333389 (data) · NLA (EN35693407 · CERL cnp00405268