Batell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Batell
Batel.jpg
Un batell sul lago
Caratteristiche costruttive
Lunghezza6 m
Larghezzacirca 2 m
Caratteristiche di trasporto
Propulsionevela, remi
Numero alberi1
Tipo di velaquadra
Numero vele1

Il batell[1] (plurale batèj; detto anche lucia[2]) è un'imbarcazione storica a remi e/o a vela di piccole dimensioni adoperata dai pescatori del Lago di Como per il trasporto del pescato, ma anche di passeggeri. È la più famosa tra le imbarcazioni lariane, tanto da divenire il simbolo stesso del lago.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La fuga di Lucia Mondella e la madre Agnese attraversando il lago di Como a bordo di un batell ne I promessi sposi

È una delle più antiche barche del lago, di dimensioni leggermente inferiori a quelle del navett: la lunghezza di solito non superava i sei metri, mentre la larghezza era circa di due metri. Le sponde erano piuttosto alte (non meno di 50 centimetri) e inclinate.

Lo scafo ed i cerchi erano in legno di castagno; in abete i remi ed in rovere gli scalmi che, come per il navett, erano quattro o sei. Simile al navett sia nella vela sia nella manovra dei remi: la vela aveva dimensioni pari a quelle dello scafo ed era rettangolare.

Normalmente era utilizzato al massimo da due pescatori. Rispetto al navett lo scafo forniva meno spazio per il carico di reti o di pescato, ma permetteva di ospitare passeggeri.

Evoluzione storica[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante fosse nata come barca da lavoro (pesca o trasporto di merci poco ingombranti), nell'Ottocento fu modificata per essere utilizzata per la navigazione da diporto: venne ridotto lo spazio per il carico, furono aggiunte lunghe panche longitudinali (lungo i fianchi) per i passeggeri e fu introdotto anche il timone. Nel complesso ci fu anche una maggior cura delle finiture, in particolare i terminali delle travi sporgenti e dei frangiflutti di prua. Si utilizzarono anche colorazioni come bianco e celeste su fondo nero e rosso.

Nell'Ottocento i batèj erano utilizzati anche per servizi ausiliari ai piroscafi a vapore, per sbarco o imbarco di passeggeri o corrispondenza in località prive di pontili per l'attracco.

Non è raro vedere nei moli vecchi batèj, anche se molti hanno subito pesanti rimaneggiamenti (soprattutto vetroresina), perdendo le caratteristiche tradizionali.

Attività sportiva[modifica | modifica wikitesto]

L'imbarcazione Lucia è utilizzata per la disputa di manifestazioni sportive sul Lago di Como, organizzate dalla Federazione Italiana Canottaggio a Sedile Fisso. L'appuntamento più importante della stagione agonistica è il Palio remiero del Lario[3], che ogni anno viene disputato in una località diversa del lago.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Termine del dialetto lariano pronunciato "batèl", traducibile con "battello", ma con un'accezione particolare.
  2. ^ Lucia perché, nei Promessi sposi del Manzoni, Lucia Mondella se ne serve durante la partenza dal lago. Ma il termine, seppure comunissimo, è erroneo.
  3. ^ Palio delle Lucie ad Argegno, su laprovinciadicomo.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F. Albarelli, Sòstre e Sepultòn. Uomini,strumenti,mestieri nella costruzione di barche a remi sul lago di Como, Milano, 1999-2000.
  • Breva e Tivano. Motori naturali, Lecco, 1999, p. 146.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]