Sentiero del Viandante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sentiero del Viandante
Viandante CM Lario Orientale.svg
Viandante CM Valsassina.svg
Corenno Plinio Sentiero del Viandante.jpg
Un tratto del sentiero a Dervio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
ProvinciaLecco Lecco
Percorso
InizioAbbadia Lariana
FineColico
Lunghezza45 km
Altitudine max.992 m slm
Altitudine min.200 m slm
Tipo superficieerba, roccia, asfalto

Il sentiero del Viandante è un percorso escursionistico costituito in gran parte da sentieri e mulattiere che fiancheggia il lato orientale del lago di Como, partendo da Abbadia Lariana e terminando a Colico. Il tragitto completo è lungo circa 45 Km e viene solitamente percorso a tappe.

Il percorso[modifica | modifica wikitesto]

Il Sentiero del Viandante a Lierna Lago di Como

Il sentiero riprende una serie di tracciati che anticamente collegavano i paesi della sponda orientale del lago da Lecco a Colico e che facevano parte di un più ampio sistema di collegamento da Milano ai passi alpini, come il passo del Settimo.[1] L'origine della rete di comunicazione non è certa, attribuita da alcuni a epoca romana.[2][3] Sicuramente costituiva un sistema alternativo al trasporto tramite imbarcazioni sul lago, ma più scomodo, e collegava diverse fortificazioni presenti sul territorio.[4]

Il tratto iniziale tra Lecco e Abbadia Lariana è in parte scomparso per la costruzione di più ampie vie di comunicazione, ultima la strada statale 36.[5]

Tra la località Génico (Lierna) e il castello di Vezio (Perledo-Varenna) il percorso è oggi presentato con due possibili tracciati e la variante alta, considerata più antica, raggiunge quota 992 m presso la chiesa di San Pietro in località Ortanella (Esino Lario);[6] in passato esisteva invece un maggior numero di diramazioni e percorsi alternativi.[7] Era probabilmente utilizzato anche da pellegrini e sul percorso erano presenti antiche chiese e monasteri per l'accoglienza dei viandanti.[8]

Dalla metà dell'Ottocento venne abbandonato per la realizzazione delle gallerie della strada dello Spluga, oggi strada provinciale del lago di Como, che migliorò notevolmente le modalità di trasporto.[9]

«Quand'io visitai la prima volta queste rive (quanti anni son già!) non c'era modo di venire da Lecco a Colico se non colle barche. Alle terre che sono messe a scanceria sulla sua riva sinistra, non camminavasi che per viottoli sassosi, dirupati; ed anche nell'interno da casa a casa arrivavasi per strade, graficamente indicate dal nome di scalotte. Chi mi avesse allora detto che da Lierna, da Varenna, da Bellano passerebbe un giorno le bare e i velociferi, quando a mala pena vi si reggevano i muli!»

(Cesare Cantù[10])

Attualmente alcuni tratti del percorso sono su strade asfaltate, in prossimità o all'interno dei centri abitati.

Le guide indicano la divisione del percorso in un diverso numero di tappe;[11][12] la presenza delle stazioni ferroviarie della linea Lecco-Tirano permette infatti agli escursionisti di stabilire tappe di diversa lunghezza.

Il nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome "sentiero del Viandante" è di recente invenzione ed è riconducibile al 1992,[7] quando venne completato il recupero e il ripristino dei vari tratti del percorso da parte dell'Azienda di promozione turistica del Lecchese. Il primo a interessarsi ad una riscoperta del sentiero fu Pietro Pensa,[3] che scrisse anche un romanzo intitolato La strada del Viandante (1984).

In passato la strada di comunicazione della sponda orientale era nota come "via Ducale" o "via Regia"; in epoca recente alcuni tratti ebbero la denominazione "Napoleona" per gli interventi di risistemazione effettuati in età napoleonica.[1]

Eventi sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2014 con cadenza annuale lungo parte del percorso si svolge una manifestazione sportiva denominata Trail del Viandante.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Borghi, p. 5.
  2. ^ Pensa 1992, p. 331.
  3. ^ a b Borghi, p. 10.
  4. ^ Borghi, passim.
  5. ^ C. Caccia, Il sogno del Viandante, in Orobie, aprile 2017, pp. 54-63.
  6. ^ Borghi, pp. 39, 43.
  7. ^ a b Il sentiero del Viandante - Cenni storici, su prolocolario.it.
  8. ^ Borghi, pp. 15-16.
  9. ^ Club Alpino Italiano, p. 231.
  10. ^ Cesare Cantù, Grande illustrazione del Lombardo-Veneto, vol. 5, Milano, 1859, p. 169.
  11. ^ Il sentiero del Viandante (PDF), su lakecomo.it (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2017).
  12. ^ Il sentiero del viandante, su leviedelviandante.it.
  13. ^ Trail del Viandante, su traildelviandante.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il sentiero del viandante, in Le province di Como e Lecco. Il Lario, le ville, i parchi, Bellagio, Menaggio, Varenna, Touring Club Italiano, 2003, pp. 110-111.
  • Angelo Borghi, Sentiero del Viandante, Lecco, Azienda Promozionale Turistica del Lecchese, 1992.
  • Club Alpino Italiano, Il Sentiero del Viandante, in Passeggiate sulle Alpi, Corriere della Sera, 2016, pp. 225-231.
  • Albano Marcarini, Il sentiero del viandante. A piedi da Abbadia Lariana a Colico lungo il lago di Como, Sondrio, Lyasis, 2005.
  • Pietro Pensa, Strada della Riviera, in Le antiche vie di comunicazione del territorio orientale del Lario e le loro fortificazioni, Como, 1977, pp. 12-13.
  • Pietro Pensa, Strade del Lario orientale, in L'Adda il nostro fiume, II, Lecco, 1992, pp. 330-331.
  • Giovanna Virgilio, Il Sentiero del Viandante. Arte, storia e cultura tra lago e montagna, Lecco, 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia