Castelvedro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castelvedro
Stato attualeItalia Italia
CittàDervio
Coordinate46°04′27.38″N 9°18′48.12″E / 46.074271°N 9.313366°E46.074271; 9.313366
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castelvedro
Informazioni generali
Tipocastello
Materialepietra
Condizione attualeabbandonato
Proprietario attualeprivati
Visitabile
Informazioni militari
Funzione strategicadifesa via di comunicazione
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il Castelvedro è una fortificazione medioevale, posta in località Mai a Dervio.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La struttura, a 392 m s.l.m., era affacciata sul lago.

Sulla base della tipologia costruttiva, si ipotizza che la costruzione originaria risalga al V o VI secolo.[1] Era probabilmente un punto di comunicazione sul Lago di Como, da e per le fortificazioni di Bellagio, Menaggio, Santa Maria Rezzonico e Gravedona;[2] inoltre era punto strategico di difesa di una strada, oggi non più esistente, che saliva a Casargo in Valsassina.[3]

Sono oggi presenti tratti delle murature in pietra, in alcuni tratti alte fino a 4 metri. Verso sud sono presenti i resti di una torre.[3][4][5]

Già in epoca tardomedievale, quando il luogo aveva ormai perso ogni funzione difensiva, era indicato come catrum vetus.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b M. Casanova e R. Pozzi, Statuto di Dervio dell'anno 1389, 2004, p. 9.
  2. ^ Pensa 1980, pp. 382-383.
  3. ^ a b Pensa 1974-1975passim.
  4. ^ Pensa 1977, pp. 194-195.
  5. ^ Borghi, p. 75.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Pensa, Il Castelvedro di Dervio, in Rivista Archeologica dell'Antica Provincia e Diocesi di Como, 1974-1975.
  • P. Pensa, Le antiche vie di comunicazione del territorio orientale del Lario e le loro fortificazioni, in Il sistema fortificato dei laghi lombardi, Como, 1977.
  • P. Pensa, Ipotesi sul limes prealpino tardoromano-barbarico a meridione dei laghi lombardi e sull'arroccamento lariano, in Studi in onore di Ferrante Rittatore Vonwiller, vol. 2, Como, 1980, pp. 365-395.
  • A. Borghi, Dervio, in Il Lago di Lecco e le Valli, Lecco, 1999.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]