Castello di Sant'Angelo Lodigiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Sant'Angelo Lodigiano
Paolo Monti - Servizio fotografico (Sant'Angelo Lodigiano, 1980) - BEIC 6339125.jpg
Foto di Paolo Monti, 1980
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàSant'Angelo Lodigiano
IndirizzoPiazza Gian Giacomo Bolognini, 2
Coordinate45°14′21.67″N 9°24′28.06″E / 45.239353°N 9.407794°E45.239353; 9.407794
Informazioni generali
Inizio costruzioneXIII secolo
Condizione attualecasa museo
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Sant'Angelo Lodigiano si trova in Lombardia nel comune di Sant'Angelo Lodigiano in provincia di Lodi. Al momento ospita tre musei:

  1. il Museo Morando Bolognini
  2. il Museo del pane
  3. il Mulsa, Museo Lombardo di Storia dell'Agricoltura

Il castello[modifica | modifica wikitesto]

Edificato forse a partire da un precedente castrum di epoca romana,[1] il castello fu costruito nel XIII secolo da Angelo Lodigiano come presidio militare dalla Signoria di Milano e fu coinvolto nelle dispute comunali tra le città di Milano, Pavia e Lodi[1]. Dopo esser stato un possedimento del vescovo di Lodi,[1] nel secolo successivo il castello cambiò funzione grazie a Regina della Scala, che lo ampliò (1370[1]) e lo adibì a dimora estiva; suo marito Bernabò Visconti in quel periodo visse la transizione del potere dalla famiglia Visconti alla famiglia Sforza e fu proprio Francesco Sforza a donare il castello ai Bolognini.[2] Gl'interventi commissionati da Regina della Scala comportarono la costruzione del mastio e delle finestre con cornice in cotto[1].

Il castello venne restaurato all'inizio del '900 da Gian Giacomo Morando Bolognini e nel 1933 Lydia Caprara Morando Bolognini (vedova di quest'ultimo) adattò la struttura del castello per ospitare la Fondazione Morando Bolognini e dei musei.

I musei[modifica | modifica wikitesto]

Museo Morando Bolognini[modifica | modifica wikitesto]

Il museo espone gli arredi tradizionali del castello dal '700 al '900. Viene raccontata la storia del feudo e dei suoi abitanti, compresa la passione dei conti per il collezionismo. Il museo comprende 24 saloni organizzati secondo la natura della casa museo. Degne di attenzione sono la biblioteca (2000 volumi) e la armeria (500 pezzi).

Museo del pane[modifica | modifica wikitesto]

Il museo del pane è costituito da cinque sale monotematiche:

  • la prima sala espone vari tipi di cereali
  • la seconda sala presenta la procedura per creare il pane partendo dalla coltivazione del grano
  • la terza sala riunisce forme di pani dalle regioni italiane e da alcuni paesi esteri
  • la quarta sala raccoglie i macchinari necessari per produrre il pane
  • la quinta sala illustra la parte burocratica, cioè tasse, regolamenti e disposizioni governative

Mulsa, Museo Lombardo di storia dell'agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Il museo è collocato nelle ex scuderie padronali, nei seminterrati del castello e nei suoi cortili esterni.

Viene illustrata la storia dell'agricoltura tramite le rivoluzioni tecnologiche. Il museo copre un periodo dal 10000 a.C. alle rivoluzioni industriali, con particolare attenzione per i prodotti e le tecnologie introdotte a seguito di esplorazioni negli altri continenti. Vi è un settore dedicato alla Bassa padana

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Contino, Castello di Sant'Angelo Lodigiano.
  2. ^ SIUSA. Attendolo Bolognini.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Perogalli, Enzo Pifferi e Angelo Contino, Castelli in Lombardia, Como, Editrice E.P.I., 1982.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN243257711