Castello di Frascarolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Frascarolo
Castello Frascarolo 2005.JPG
Scorcio della torre a ovest
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàInduno Olona
Informazioni generali
Inizio costruzioneXII secolo
Condizione attualerestaurato
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Frascarolo è un castello della Lombardia in provincia di Varese compreso nel territorio del comune di Induno Olona, ai piedi del monte Monarco, tra le valli di Ganna e Ceresio. Non visitabile se non con specifico permesso, dista circa 1 km dal centro di Induno Olona ed è facilmente raggiungibile per mezzo di una strada a tornanti.

Le decorazioni abbelliscono tutte le sale del castello, che all'interno ospita, tra l'altro, un giardino all'italiana, con terrazze e fontane; dal castello si gode un bel panorama sulla pianura lombarda.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Probabilmente il castello sorse nell'Alto Medioevo forse a opera dei Longobardi come fortezza per controllare l'accesso alla Valganna e alla Valceresio; ma si hanno notizie documentate solo a partire dal 1160, quando l'arcivescovo di Milano Oberto da Pirovano usò il castello come fortezza per difendere Varese dai Comaschi che avevano parteggiato con il Barbarossa. Dal XII secolo fu di proprietà dell'abbazia di San Gemolo (in Valganna) fino al XVI secolo; nel 1543 fu acquistato da Gian Battista Medici marchese di Marignano.

Da allora, salvo brevi periodi, è sempre stato, e lo è ancora oggi, di proprietà della famiglia Medici di Marignano e non è visitabile.

Dal XVI secolo in avanti il castello ha perso gran parte della sua fisionomia difensiva, di cui rimane solo la torre a ovest, poiché i Medici lo trasformarono in una residenza tipicamente Cinquecentesca.

Nel castello vissero Margherita Medici di Marignano, sorella di papa Pio IV e madre di san Carlo Borromeo, che forse crebbe proprio qui, e il sacerdote Bartolomeo Sessa, benefattore varesino, figlio di Ippolita Medici di Marignano. Nel 1837 fu ospite al castello il compositore Gaetano Donizetti e, poco dopo, lo scrittore Gian Battista Bazzoni.