Castello di Rodigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Rodigo
Rodigo panorama.jpg
Torre del castello
Ubicazione
Stato attuale Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Città Rodigo
Coordinate 45°12′N 10°38′E / 45.2°N 10.633333°E45.2; 10.633333Coordinate: 45°12′N 10°38′E / 45.2°N 10.633333°E45.2; 10.633333
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Rodigo
Informazioni generali
Tipo Castello
Costruzione XIII secolo-XVI secolo
Materiale mattoni
Primo proprietario Vespasiano Gonzaga
Demolizione XVII secolo
Proprietario attuale Comune di Rodigo
Visitabile esternamente
[senza fonte]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Rodigo era una struttura militare rinascimentale, sorta su una preesistente costruzione medievale.

Il castello venne ricostruito ed ampliato da Vespasiano Gonzaga nel 1582, che ne rinforzò la struttura. Il possesso passò al duca di Mantova Vincenzo I Gonzaga nel 1591. Da allora l'edificio ospitò il granaio pubblico, che conteneva tutte le derrate alimentari.

Con il duca Vincenzo II Gonzaga la struttura si trasformò in fortezza, dotata di trincee, rialzi e baluardi. Facevano parte del complesso sette torri merlate, ponte levatoio e fossato che rendevano la fortezza inespugnabile.

Smantellato intorno al 1630 circa, oggi del castello è rimasta intatta una torre quadrangolare merlata, dotata di orologio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giacomo Capitanio, Rodigo, Cronistoria (1050-1866), 2ª ed., Mantova, 1995.
  • Leandro Zoppè, Itinerari gonzagheschi, Milano, 1988, ISBN 88-85462-10-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]