Palazzo Gonzaga di Vescovado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Gonzaga di Vescovado
Palazzo Gonzaga di Vescovado (1897-1901), veduta laterale da sinistra, arch Cecilio Arpesani.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàMilano
Indirizzovia Carducci 28-30
Coordinate45°27′48.4″N 9°10′25.81″E / 45.463444°N 9.173836°E45.463444; 9.173836Coordinate: 45°27′48.4″N 9°10′25.81″E / 45.463444°N 9.173836°E45.463444; 9.173836
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1897-1901
StileNeoromanico lombardo
Usocivile
Area calpestabile1216 mq
corti 712 mq
Realizzazione
ArchitettoCecilio Arpesani
CommittenteEmanuele Gonzaga

Il palazzo Gonzaga di Vescovado, o palazzo Gonzaga, è un edfificio ottocentesco di Milano, costruito in forme neoromaniche fra il 1897 e il 1901. Si trova sull'attuale via Carducci n. 28-30, via San Gerolamo all'epoca della costruzione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo fu costruito a partire dal 1897 dall'architetto Cecilio Arpesani, allievo di Camillo Boito, su commissione del principe Emanuele Gonzaga di Vescovato (1858-1914), a uso di propria dimora. Arpesani (1853-1924) fu architetto prolifico con una committenza principalmente costituita da ricche famiglie nobili e borghesi della città di Milano e dalla Chiesa: a cavallo fra l'Ottocento e il Novecento progettò in città diversi edifici fra cui la palazzina Sessa, il palazzo dell'Istituto Marcelline Tommaseo, la Basilica di Sant'Agostino, la Chiesa di Santa Croce.

L'area sulla quale fu eretto l'edificio era prima occupata da una modesta casa d'affitto e da costruzioni basse destinate a uso di magazzini serviti dal Naviglio per una superficie totale di 2 935 mq. Il Principe volle che la nuova costruzione contenesse ancora alcuni appartamenti d'affitto e che il palazzo fosse disegnato seguendo le tradizioni dell'architettura neoromanica lombarda avvicinandosi il più possibile alle forme della Basilica di Sant'Ambrogio, da lì non distante: proprio nel maggio 1897, infatti, si era celebrato il quindicesimo centenario del patrono di Milano, morto nell'anno 397 d.C..[1]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo si presenta come un corpo arretrato fiancheggiato da due ali che delimitano un cortile chiuso da una cancellata in ferro battuto, piuttosto rara a Milano. L'uso del mattone in cotto e dei balconi al contrario mostrano uno stile revival ispirato alla tradizione lombarda.

L'ingresso con la portineria ricorda i sacelli tipici delle chiese romaniche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Attilia Lanza, Marilea Somarè, Milano e i suoi palazzi: porta Vercellina, Comasina e Nuova, Vimercate, Libreria Meravigli editrice, 1993, pg. 42.
  • Palazzo Gonzaga in via S. Gerolamo - Milano, in L'Edilizia moderna, Anno X, fasc. X, Milano, 1901 Ottobre.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]