Alfonso Gonzaga (vescovo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfonso Gonzaga
arcivescovo della Chiesa cattolica
Ritratto di Alfonso Carlo Gonzaga.jpg
Archbishop CoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Arcivescovo di Rodi
Nato 1588
Consacrato vescovo 1621
Deceduto 1649
Contea di Novellara
Gonzaga
Coat of arms of the House of Gonzaga-Novellara.svg

Giampietro
Figli
Alessandro I
Francesco II
Figli
  • Alessandro
  • Costanza
Camillo I
Alfonso I
Figli
  • Alfonso
  • Barbara
  • Costanza
  • Alessandro
  • Vittoria
  • Camillo II
  • Giulio Cesare
  • Faustina
  • Petronilla
  • Alfonsina
  • Settimia
  • Isabella
  • Giulio Cesare (naturale)
  • Cornelia (naturale)
Camillo II
Figli
Alessandro II
Figli
  • Bianca
Camillo II
Figli
Alfonso II
Figli
Camillo III
Figli
Filippo Alfonso
Modifica

Alfonso Carlo Filiberto Gonzaga (Novellara, 21 luglio 1588Reggio nell'Emilia, 23 marzo 1649) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alfonso era figlio di Alfonso I Gonzaga, quarto conte di Novellara e di Vittoria di Giantommaso da Capua.

Intraprese sin da giovane la carriera della armi e fu al servizio del re di Spagna combattendo contro i francesi; abbandonò la carriera militare per quella religiosa recandosi a Roma dove prese i voti e nel 1621 venne eletto arcivescovo della Arcidiocesi di Rodi.

Nel biennio 1626-27 fu contrapposto al fratello Camillo II Gonzaga, conte di Novellara, per i beni famigliari "posseduti per indiviso" fino al 1607. Il processo civile vedrà il Duca di Guastalla Ferrante II Gonzaga investito in qualità di commissario cesareo; questi delegherà a sua volta il governatore di Reggio, giudice Camillo Bevilaqua[1].

I buoni uffici dell'imperatrice Eleonora Gonzaga presso Papa Urbano VIII avrebbero permesso e destinato Alfonso alla porpora cardinalizia, che però non gli venne conferita a causa della morte del pontefice nel 1644.

Morì nel 1649 e venne sepolto nella chiesa dei Cappuccini di Novellara.

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Immagine Blasonatura
Ornements extérieurs Evêques.svg
Coat of arms of the House of Gonzaga-Novellara.svg
Alfonso Gonzaga
Arcivescovo di Rodi

D'argento, alla croce patente di rosso accantonata da quattro aquile di nero dal volo spiegato e coronate d'oro; sul tutto, partito: nel primo fasciato d'oro e di nero; nel secondo fasciato di nero e d'oro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Flavio Rurale, Figure e istituzioni ecclesiastiche a Novellara tra cinque e seicento: quali strategie per un piccolo Principe? - tratto da "I Gonzaga e Novellara - Geografia e storia di una Signoria Padana" - Atti del Convegno di Studi, Novellara, Comune di Novellara, 1995, p. 90.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Gonzaga di Mantova, Torino, 1835. ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]