Palazzo Zanetti-Cavalcabò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Zanetti-Cavalcabò
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàMontanara
Indirizzovia Ateneo Pisano, 22
Coordinate45°07′55.86″N 10°43′19.99″E / 45.132183°N 10.72222°E45.132183; 10.72222
Informazioni generali
Condizioniin uso
CostruzioneXVII secolo
Realizzazione
ProprietarioProprietà privata

Il palazzo Zanetti-Cavalcabò[1] si trova a Montanara di Curtatone, in provincia di Mantova.

Edificata alla fine del Seicento fu di proprietà dei Gonzaga e in seguito dei nobili Zanetti, che la cedettero ai Cavalcabò. Presenta affreschi del pittore fiammingo Frans Geffels, vissuto alla corte gonzaghesca. Probabilmente a fine Ottocento ha subito l'aggiunta di una decorazione ad intonaco che ne ha alterato il gusto architettonico originario[2].

Dal 1800 al 1860 fu sede del comune di Curtatone.[3] L'edificio fu coinvolto dai fatti legati alla Battaglia di Curtatone e Montanara del 29 maggio 1848.[4]

Per alcuni anni è stato lo studio del pittore Sandro Negri, scomparso nel 2012.[5]

Lo stato di conservazione è pessimo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Palazzo Cavalcabò, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 2 gennaio 2022.
  2. ^ Perogalli, p. 268.
  3. ^ Sistema museale provincia di Mantova. Palazzo Cavalcabò., su sistemamusealeprovinciale.mantova.it. URL consultato il 2 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2014).
  4. ^ Inaugurato il "Percorso della Battaglia di Curtatone e Montanara"., su curtatone.asitechspa.it. URL consultato il 2 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2014).
  5. ^ Sandro Negri, su undo.net. URL consultato il 2 gennaio 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Monicelli, Scultura in villa, 2004.
  • Carlo Perogalli, Maria Grazia Sandri, Luciano Roncai, Ville delle province di Cremona e Mantova, 2ª ed., Milano, Rusconi Immagini, 1981.
  • Ferdinando Raveggi, Racconto storico della battaglia di Montanara, 1886.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]