Villa Mirra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Villa Mirra
Cavriana-Villa Mirra.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàCavriana
IndirizzoVia Porta Antica
Coordinate45°18′12.55″N 10°28′53.48″E / 45.303486°N 10.481522°E45.303486; 10.481522Coordinate: 45°18′12.55″N 10°28′53.48″E / 45.303486°N 10.481522°E45.303486; 10.481522
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXVI secolo
Inaugurazione1770
Usocivile
Realizzazione
ProprietarioComune di Cavriana

Villa Mirra è uno storico edificio di Cavriana, in provincia di Mantova.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini cinquecentesche, fu riedificata nel 1770, sotto la dominazione austriaca, utilizzando i materiali dovuti all'abbattimento della cinta muraria e del castello.

La villa appartenne alla famiglia Gonzaga di Mantova e Carlo Gonzaga l'assegnò in dote alla figlia Cecilia nel 1479 quando sposò il conte Odorico d'Arco.

Gli austriaci, al comando del maresciallo Dagobert Sigmund von Wurmser, vi insediarono il loro quartier generale durante la battaglia di Castiglione del 5 agosto 1796 contro Napoleone Bonaparte.

Dagli inizi e sino a metà dell'Ottocento l'edificio passò in proprietà ad alcune famiglie nobili mantovane. Dopo la vittoria nella battaglia di Solferino e San Martino il 24 giugno 1859 nella villa si ritrovarono vincitori Napoleone III e il re Vittorio Emanuele II. La villa fu venduta alla famiglia di Mirra Pastore (da cui il nome) nel 1883.

Lapide ai presidenti De Gaulle e Gronchi

Un importante avvenimento si è svolto nella villa il 24 giugno 1959, primo centenario della battaglia di Solferino e San Martino, quando ospitò il Presidente della Repubblica Francese Generale Charles De Gaulle e il Presidente della Repubblica Italiana Giovanni Gronchi per la colazione ufficiale nel salone al piano nobile.

L'edificio circondato da parco è divenuto proprietà del Comune di Cavriana nel 1976, ospita manifestazioni culturali, convegni e mostre. In un'ala della costruzione è ospitato il Museo archeologico dell'alto mantovano.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Touring Club Italiano (a cura di), Mantova e provincia. Guide d'Italia, Milano, 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]