Castello di Ostiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Ostiano
Ostiano-Castello gonzaghesco.jpg
La torre del castello
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneLombardia
CittàOstiano
Coordinate45°13′12″N 10°14′56″E / 45.22°N 10.248889°E45.22; 10.248889Coordinate: 45°13′12″N 10°14′56″E / 45.22°N 10.248889°E45.22; 10.248889
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Ostiano
Informazioni generali
TipoCastello medievale
Inizio costruzioneXV secolo
Materialelaterizi
Primo proprietarioFrancesco I Gonzaga
Demolizioneparziale 1860
Condizione attualeparzialmente in uso
Proprietario attualeComune di Ostiano
Visitabilesi
Informazioni militari
Funzione strategicaDifesa del borgo
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Ostiano, in provincia di Cremona, è una struttura di difesa eretta nel XV secolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello dei Gonzaga di Ostiano sorge nel centro del paese su un'altura creata anticamente dal fiume Oglio.

Agli inizi del XV secolo i Gonzaga con Francesco I iniziarono le opere di consolidamento ed ampliamento della struttura e Ludovico Gonzaga, signore di Bozzolo, nel 1511 ne dispose l'assetto definitivo.

Il castello, prima della demolizione parziale avvenuta nel 1860, era costituito da una cinta di mura poste a quadrilatero e ad ogni angolo si trovava una torre cilindrica con l'entrata custodita da un ponte levatoio. Il castello era circondato da un fossato ed era integrato nella cinta muraria che cingeva il paese. All'interno del castello i Gonzaga costruirono un palazzo destinato a residenza del loro vicario. A metà del XVIII secolo venne trasformato in sinagoga. All'interno della struttura fortificata trova posto anche il teatro comunale, del 1800, con decorazioni dell'epoca.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mariarosa Palvarini, Castelli dei Gonzaga, Milano, 1983.
  • Leandro Zoppè, Itinerari gonzagheschi, Milano, 1988, ISBN 88-85462-10-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]