Torre Griziotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torre Griziotti
Ubicazione
StatoItalia Italia
Stato attualeItalia Italia
RegioneLombardia
CittàSanta Giuletta
Coordinate45°02′00″N 9°17′00″E / 45.033333°N 9.283333°E45.033333; 9.283333
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Torre Griziotti
Informazioni generali
TipoTorre medievale
Inizio costruzioneXIV secolo
Materialelaterizio
Condizione attualeBuona
Proprietario attualePrivato
Visitabileno
[1]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La torre Griziotti è una torre situata nel comune di Santa Giuletta, non molto lontano dalla frazione Monteceresino, ad un'altezza di 137 m s.l.m. Il nome deriva da uno dei proprietari (la torre ha assunto diversi nomi nel tempo a seconda del proprietario).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione risale al Medioevo, fu fatta erigere dalla famiglia Beccaria che era feudataria di Santa Giuletta. La torre è compresa in un gruppo di edifici rustici, comprendente vari fabbricati e un oratorio dedicato a San Rocco, risalente alla fine del secolo XVI, che fu fatto edificare per eseguire le volontà testamentarie di Gaspare Beccaria.

Fu acquistata da Carlo Fossati all' inizio del XIX secolo, passò in seguito alla vedova, Luigia Griziotti, figlia di Giacomo Griziotti e al nipote Archimede. Successivamente, Maria Griziotti, nel 1972, la lasciò in eredità al professor Giovanni Sarolli di Monteceresino[2].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La torre, edificata interamente in laterizio, è di tipo pavese, circondata da vari edifici e da un muro di cinta. Se pur posta a non grande altezza domina praticamente tutta la pianura padana, permettendo un'ampia veduta dell'arco alpino, dal Sestriere al Resegone.

Al suo interno sono conservati alcuni cimeli dell'impresa dei Mille.

Secondo leggende locali nella torre avrebbe dormito una notte Giuseppe Garibaldi, cosa molto probabile visto che Garibaldi e il Griziotti si conoscevano. La torre è inserita in una piccola zona boschiva, composta prevalentemente da latifoglie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ M. Merlo, Castelli, rocche, case-forti, torri della Provincia di Pavia, Pavia 1971.
  2. ^ robertomarchese.it, http://www.robertomarchese.it/santa-giuletta.html.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]