Castello di Casarasco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Casarasco
Casalazio
Torre di Casarasco .jpg
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
CittàVal di Nizza
Coordinate44°52′07″N 9°08′50″E / 44.868611°N 9.147222°E44.868611; 9.147222Coordinate: 44°52′07″N 9°08′50″E / 44.868611°N 9.147222°E44.868611; 9.147222
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Casarasco
Informazioni generali
TipoCastello
Inizio costruzioneIX secolo
Primo proprietarioFamiglia Malaspina
Condizione attualeParzialmente conservato
Proprietario attualeResidenza privata
Informazioni militari
Funzione strategicaDifensiva
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Casarasco è una rocca del IX secolo e si erge tra le colline dell'Oltrepò Pavese nel comune di Val di Nizza, in provincia di Pavia. In passato ha avuto una gloriosa storia grazie alla torre costruita dai Malaspina a dominio della valle che aveva con ogni probabilità funzione di controllo. Quello di Casarasco è sicuramente uno dei più antichi castelli costruiti in Valle Staffora.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine antichissima, apparteneva a un ramo locale della famiglia dei Malaspina. Citato nelle antiche carte anche come Casalazio o Casalasco, del castello, si fa riferimento nel Breviarium dei possedimenti dell'abbazia di Bobbio nel sec. X. Il castello di Casarasco è menzionato anche nel 1164 nell'investitura di Federico Barbarossa quando il castello fu riconfermato ai Marchesi Malaspina. A partire dal primo millennio e nei secoli a seguire, il nome del castello fu sempre messo in relazione con l'abbazia di S. Alberto di Butrio, poiché la leggenda narra del miracolo che compì sant'Alberto ridando la parola al giovane sordo muto, figlio dell'allora Signore di Casalasco. Poche sono le notizie che riguardano la storia di quest'antico maniero. Alcuni documenti significativi parlano di Spinetta Malaspina (nipote di Antonio di Valverde) che vendette nel 1453 Casarasco al Marchese Silvestro, figlio illegittimo di Niccolò Malaspina di Filattiera (Massa Carrara), nonché della vendita non andata a buon fine perché priva del regio consenso, che Francesca Malaspina (figlia del Marchese Corrado) fece del feudo a Francesco Antonio Spinola nel 1655, poi perfezionata nel 1687 a favore di Pietro Francesco Malaspina, Signore di Casarasco.[1]

L'edificio[modifica | modifica wikitesto]

Dell'antico castello rimane solo l'ala rivolta verso nord. Esso si caratterizza per un robusto torrione perfettamente conservato nella sua orditura di masselli squadrati, a fianco del quale si apre un portoncino d'ingresso con soprastante archivolto a sesto leggermente acuto. Quasi sicuramente a pianta quadrilatera, la costruzione non presenta tracce di merlatura.

Casarasco portone.jpg

Lievemente abbassata in occasione della costruzione del tetto, la torre conserva comunque alcune stanze di dimensioni originarie. Sul lato sinistro della costruzione si nota una lastra in arenaria sulla quale sono incisi due rami spinati separati da una croce: riferimento indubbio allo stemma malaspiniano.

Significativa la depressione antistante alla torre e il lato della facciata che fa pensare all'esistenza di un remoto vallicello, mentre sul lato sud del cortile sopravvivono pochi resti delle fondamenta di un tratto di bastione a sostegno del terrapieno.

Escursioni[modifica | modifica wikitesto]

La rocca di Casarasco fa parte di un percorso naturalistico denominato “Sentiero delle fontane[2]”, È un percorso di sette chilometri (con un dislivello di 200 m) immerso in un paesaggio rurale d’altri tempi, dove piccoli borghi contadini, con le classiche case in sasso, si alternano a zone di bosco incontaminato e a panorami su Alpi ed Appennini. Il sentiero si snoda all’interno di zone boschive ed è costellato da sorgenti e fontane, da cui prende appunto il nome.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessandro Disperati, I Feudi dei Malaspina.
  2. ^ Casarasco e sentiero Fontane Ultimati gli interventi - Cronaca - La Provincia Pavese, in La Provincia Pavese, 26 giugno 2014. URL consultato il 10 marzo 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]