Carlo Francesco Agostino Malaspina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Francesco Agostino Malaspina
Marchese di Fosdinovo
In carica 1671-1722
Trattamento Marchese
Nascita Fosdinovo, 1671
Morte Villa Malaspina, Caniparola, 1722
Sepoltura Fosdinovo
Dinastia Stemma Malaspina (spino fiorito).png Malaspina della Verrucola e di Fosdinovo
Padre Ippolito Malaspina
Madre Cristina Adelaide Pallavicino di Franosa
Figli Gabriele, Azzolino
Religione cattolicesimo
Malaspina
Marchesi di Fosdinovo
Coat of arms of the House of Malaspina (Spino Fiorito).svg

Gabriele
Spinetta
Galeotto I
Gabriele I
Spinetta II
Antonio Alberico I
Giacomo I
Gabriele II
Lorenzo
Figli
Galeotto II
Giuseppe
Andrea
Giacomo II
Pasquale
Ippolito Malaspina
Carlo Francesco Agostino
Gabriele III
Carlo Emanuele

Carlo Francesco Agostino Malaspina (Fosdinovo, 1671Caniparola, 1722) è stato un nobile italiano. Figlio di Ippolito Malaspina, fu il quattordicesimo marchese di Fosdinovo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carlo Francesco Agostino Malaspina era l'unico figlio del marchese di Fosdinovo Ippolito Malaspina (1669-1671).

Carlo Francesco Agostino Malaspina regnò a lungo, seppur i primi anni (1671-91) il marchesato fu retto da sua madre Cristina Adelaide Pallavicino di Franosa, per ovvie questioni anagrafiche. In questo periodo si assistette alla chiusura della zecca aperta da suo zio Pasquale Malaspina nel 1668. per motivi legati ad un caso particolarmente curioso, nonché vergognoso. La Zecca di Fosdinovo, dopo i primi anni di operato, cominciò a coniare per qualche tempo monete genovesi false. L'intrigo era stato perpetrato ad opera di un'associazione a delinquere, diretta da Livorno. Le monete false venivano spedite a Genova e poi a Marsiglia via mare, affidate al capitano della Reale Marina Francese, Dumas. Quando tale azione illegale fu scoperta, come pena la zecca fu chiusa. Sempre nel periodo di reggenza della madre Cristina Adelaide Pallavicino, ed in particolare nel 1684, la Chiesa di San Remigio assunse le forme attuali, ampliandosi e sopraelevandosi dal livello stradale tramite una scalinata in marmo bianco di Carrara. Carlo Francesco Agostino morì nel 1722 nella Villa Malaspina a Caniparola, edificio che aveva fatto erigere con l'idea di farne una dimora estiva e di villeggiatura e di creare un'alternativa alla sede ufficiale del Castello di Fosdinovo, la cui architettura e la cui forma, evidentemente militari, riflettevano un tempo ormai lontano ed erano ormai anacronistici. Sempre sotto il suo Marchesato, nel 1697, la parrocchia di Fosdinovo venne insignita del titolo di "perinsigne Prepositura", che fa ancora oggi del proprio parroco un prevosto.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Sposò Maria Caterina Santinelli con cui ebbe due figli:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie