Alberico II Cybo-Malaspina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cybo-Malaspina
Sovrani di Massa e Carrara
Coat of arms of the House of Cybo-Malaspina.svg

Ricciarda
Giulio I
Alberico I
Carlo I
Alberico II
Carlo II
Alberico III
Alderano I
Maria Teresa
Maria Beatrice

Alberico II Cybo-Malaspina (Genova, 23 luglio 1607Massa, 2 febbraio 1690) fu dal 1662 al 1664 il terzo Principe di Massa e Marchese di Carrara, dal 1664 fino alla morte il primo Duca di Massa e Principe di Carrara, quinto della sua dinastia a governare i territori del Ducato di Massa e Carrara.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Carlo I Cybo-Malaspina, Principe Sovrano di Massa e Marchese Sovrano di Carrara.

Portava anche i titoli di Principe del Sacro Romano Impero, terzo Duca di Ferentillo, secondo Duca di Ajello, Conte Palatino del Laterano, Barone di Paduli, Signore Sovrano di Moneta ed Avenza, Signore di Lago, Laghitello, Serra e Terrati, Barone Romano, Patrizio Romano e Patrizio Genovese, Patrizio di Pisa e Firenze, Patrizio Napoletano, Nobile di Viterbo.

Sposò a Genova nel gennaio del 1626 la Principessa Fulvia Pico (Mirandola, 15 settembre 1607 - Massa, 1679), Principessa della Mirandola, figlia di Alessandro I Pico, Duca Sovrano della Mirandola, e della Principessa Laura d'Este, Principessa di Modena e Reggio.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Alberico e Fulvia ebbero tredici figli:

  • Laura (Massa, nata e morta nel novembre 1628);
  • Caterina (Massa, nata e morta nel luglio 1630);
  • Carlo II (Massa 9 giugno 1631 - Massa, 7 dicembre 1710) Duca di Massa e Principe di Carrara;
  • Maria (Massa, novembre 1631 - Massa, 1637);
  • Alessandro (Massa, 12 dicembre 1633 - Roma, 1705), Patriarca Titolare di Costantinopoli nel 1705, Referendario dell'Una e dell'Altra Segnatura;
  • Costanza (Massa, 29 dicembre 1634 - Massa 1635);
  • Giovanni Battista, Patrizio Romano e Patrizio Genovese, Patrizio di Pisa e Firenze, Patrizio Napoletano, Nobile di Viterbo (Massa, nato e morto il 5 dicembre 1635);
  • Maria Francesca (Massa, 11 novembre 1637 - Massa, 22 aprile 1675);
  • Anna (Massa, 1640 - Carrara, 1691);
  • Ferdinando, Abate della Insigne Collegiata di San Pietro di Massa (Massa, 1641 - Agnano, 1682);
  • Francesco Maria, Patrizio Romano e Patrizio Genovese, Patrizio di Pisa e Firenze, Patrizio Napoletano, Nobile di Viterbo (Massa, nato e morto nel 1644);
  • Teresa (Massa, 1645 - Massa, 1682);
  • Innocenzo (Massa, 23 maggio 1648 - Roma, 19 febbraio 1674), Patrizio Romano e Patrizio Genovese, Patrizio di Pisa e Firenze, Patrizio Napoletano, Nobile di Viterbo, Cameriere di Cappa e Spada di Sua Santità, Governatore del Ducato di Ferentillo.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Alberico II Cybo-Malaspina Padre:
Carlo I Cybo-Malaspina
Nonno paterno:
Alderano Cybo-Malaspina
Bisnonno paterno:
Alberico I Cybo-Malaspina
Trisnonno paterno:
Lorenzo Cybo
Trisnonna paterna:
Ricciarda Malaspina
Bisnonna paterna:
Elisabetta della Rovere
Trisnonno paterno:
Francesco Maria I Della Rovere
Trisnonna paterna:
Eleonora Gonzaga Della Rovere
Nonna paterna:
Marfisa d'Este
Bisnonno paterno:
Francesco d'Este
Trisnonno paterno:
Alfonso I d'Este
Trisnonna paterna:
Lucrezia Borgia
Bisnonna paterna:
?
Trisnonno paterno:
?
Trisnonna paterna:
?
Madre:
Brigida Spinola, patrizia genovese
Nonno materno:
Giannettino Spinola, patrizio genovese
Bisnonno materno:
Niccolò Spinola, patrizio genovese
Trisnonno materno:
Luca Spinola, patrizio genovese
Trisnonna materna:
Paola Fogliani, patrizia genovese
Bisnonna materna:
Placida Doria, patrizia genovese
Trisnonno materno:
Giannettino Doria, patrizio genovese
Trisnonna materna:
Ginetta Centurione, patrizia genovese
Nonna materna:
Diana De Mari, patrizia genovese
Bisnonno materno:
Stefano De Mari, patrizio genovese
Trisnonno materno:
Francesco De Mari, patrizio genovese
Trisnonna materna:
Lelia Pallavicini, patrizia genovese
Bisnonna materna:
Veronica Grimaldi, patrizia genovese
Trisnonno materno:
Giovanni Battista Grimaldi, patrizio genovese
Trisnonna materna:
Maddalena Pallavicini, patrizia genovese

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19622507