Castello di Isola del Cantone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Isola del Cantone
Castello Malaspina-Spinola
Castelli della Valle Scrivia
Ubicazione
Stato Feudi imperiali
Stato attuale Italia Italia
Regione Liguria Liguria
Città Isola del Cantone
Coordinate 44°38′42.67″N 8°57′29.33″E / 44.645186°N 8.958147°E44.645186; 8.958147Coordinate: 44°38′42.67″N 8°57′29.33″E / 44.645186°N 8.958147°E44.645186; 8.958147
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Isola del Cantone
Informazioni generali
Tipo castello-dimora
Inizio costruzione intorno al XIII secolo
Primo proprietario Famiglia Malaspina
Condizione attuale Abitazioni private e sede museale
Proprietario attuale Proprietà privata e comunale
Visitabile
Informazioni militari
Utilizzatore Signoria dei Malaspina
Signoria degli Spinola
Famiglie Denegri e Zuccarino
Funzione strategica Dimora
Termine funzione strategica XVIII secolo

[senza fonte]

voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Museo archeologico dell'Alta valle Scrivia
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Isola del Cantone
Indirizzo via Orti
Caratteristiche
Tipo archeologico
Fondatori Comuni di Isola del Cantone e di Savignone
Apertura 2013
Direttore Simona Caleca
Sito web

Il castello Spinola è stato un edificio difensivo sito ad Isola del Cantone, nell'alta valle Scrivia. Nell'area pubblica dell'edificio è ospitato dal 2013 il museo archeologico dell'Alta valle Scrivia.

Cenni storici e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo le fonti storiche la datazione presunta del castello avvenne in epoca successiva all'acquisizione del feudo di Isola da parte della famiglia Spinola nel 1256; in precedenza fu possedimento dal 1235 dei Malaspina. La probabile datazione potrebbe quindi attestarsi alla seconda metà del XIII secolo.

La fortezza si presenta a strapiombo lungo la riva destra del torrente Scrivia, nei pressi della confluenza del corso d'acqua con il Vobbia, e originariamente si presentava a forma quadrata, con torri agli angoli delle mura ed un ampio cortile al suo interno. Nel corso dei secoli i successivi ampliamenti e rivisitazioni - tra questi la realizzazione nel 1628 della loggia a base quadrangolare e di altri tre piani al corpo principale a mo' di contrafforte - alterarono vistosamente il primitivo impianto medievale con l'unica eccezione nella torre a picco sul torrente.

Con l'avvento del Primo Impero francese nel 1797 e della Repubblica Ligure (1805), e la conseguente abolizione dei Feudi imperiali, il castello - palazzo perse ogni scopo legata alla difesa e fu venduto nel corso del 1819 dagli ultimi eredi Spinola alle locali famiglie Denegri e Zuccarino. Queste ultime, in successivi interventi strutturali, trasformarono l'antica dimora duecentesca in abitazioni private, con la sola eccezione dell'area più a sud - comprensiva della seicentesca loggia - che fu invece acquistata dall'ente comunale isolese.

La collaborazione tra gli enti statali superiori (Regione Liguria e Provincia di Genova) e il comune stesso ne ha quindi poi permesso il recupero attraverso interventi di consolidamento dei muri, delle fondamenta, delle cerchiature interne e l'inserimento di una copertura a capriata costituita da tiranti in acciaio e travi in legno. Un'ulteriore accordo tra i comuni di tra Isola del Cantone e Savignone, legato al progetto regionale "Terre di Castelli", ha poi sancito nel 2013 l'apertura in due piani della struttura del nuovo museo archeologico dell'Alta valle Scrivia nel quale sono custoditi reperti risalenti ad un arco temporale compreso tra la preistoria, il Neolitico, l'epoca medievale e feudale e i secoli immediatamente precedenti al XX secolo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]