Castello di Ponti sul Mincio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Ponti sul Mincio
Ponti sul Mincio-Castello.jpg
Stato attuale Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Città Ponti sul Mincio
Coordinate 45°24′43″N 10°41′14″E / 45.411944°N 10.687222°E45.411944; 10.687222Coordinate: 45°24′43″N 10°41′14″E / 45.411944°N 10.687222°E45.411944; 10.687222
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Ponti sul Mincio
Informazioni generali
Tipo castello medievale
Costruzione XII secolo-XIII secolo
Materiale ciottoli di fiume e laterizio
Primo proprietario Scaligeri
Condizione attuale parzialmente diroccato
Visitabile internamente ed esternamente
Informazioni militari
Funzione strategica difesa del borgo
[senza fonte]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Ponti sul Mincio è un'antica roccaforte risalente al XII secolo situata a Ponti sul Mincio, in provincia di Mantova.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Fu edificato in posizione strategica sulle colline che dominano il Mincio probabilmente dopo la presa del potere a Verona da parte di Mastino I della Scala intorno al 1260. Divenne un importante maniero per il sistema difensivo scaligero che comprendeva anche gli edifici di Sirmione, Peschiera del Garda, Monzambano e Valeggio sul Mincio.

Il complesso fortificato, dotato di rivellino, è costituito dalle mura perimetrali con quattro torri scudate e il mastio che fungeva da controllo del fiume. Faceva probabilmente parte del Serraglio difensivo scaligero che comprendeva quattro castelli: Valeggio sul Mincio, Gherla, Villafranca e Nogarole Rocca e impediva le incursioni milanesi e mantovane nel territorio veronese.

La fortificazione ha subito delle opere di consolidamento nei primi anni del Novecento e negli anni settanta.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele Agostini, Ponti sul Mincio, Mantova, 2004. ISBN 88-7495-072-1
  • Enzo Boriani, Castelli e torri dei Gonzaga nel territorio mantovano, Brescia, 1969.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]