Castello di Nazzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Nazzano
Castello di Nazzano
Nazzano(PV) castello.jpg
Il castello
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneLombardia
CittàRivanazzano Terme
Coordinate44°55′27.23″N 9°02′17.66″E / 44.92423°N 9.03824°E44.92423; 9.03824
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Nazzano
Informazioni generali
TipoCastello medievale
Inizio costruzioneXI secolo
MaterialeLaterizio
Condizione attualeBuona
Proprietario attualePrivato
Informazioni militari
Funzione strategicadifesa
M. Merlo, Castelli, rocche, case-forti, torri della Provincia di Pavia, Pavia 1971
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il Castello di Nazzano è una fortificazione situata nel comune italiano di Rivanazzano Terme, in provincia di Pavia. L'edificio è posto a 350 m s.l.m. sull'altura che sovrasta il borgo di Nazzano, si trova nell'Oltrepò Pavese, sul colle dominante lo sbocco in pianura della valle Staffora. Con la Rocca di Montalfeo, che si trova poco distante sulla sponda sinistra dello Staffora, controllavano il transito sulla via del sale lombarda e l'accesso al mare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione risale all'XI secolo, anche se alcuni documenti tendono ad avvalorare la tesi che esistesse in luogo una fortificazione già prima del Mille. Era stato assegnato ai Malaspina, signori della vallata, nel 1164 da Federico I, ma già nel 1191 il successore Enrico VI lo aggiunse ai domini pavesi dell'Oltrepò, sotto i quali fu sede di podesteria. Fu, dal XIII fino all'inizio del XV secolo, signoria dei Sannazzaro, maggiori feudatari guelfi dell'Oltrepò, sempre in lotta con i Beccaria; in questo periodo Nazzano fu quasi sempre in dissidio con la vicina Voghera. Successivamente passò ai Pusterla. Nel 1360 fu potenziato da Gian Galeazzo Visconti, che ne riconobbe immediatamente la strategica posizione, ai suoi piedi transitava la via del sale lombarda, percorsa da colonne di muli che passando per la valle Staffora raggiungevano Genova attraverso il passo del Giovà e il monte Antola. Nel 1613 passò ai conti pavesi Mezzabarba, nel 1712 l'edificio fu venduto ai marchesi Roverato.[1]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il castello, costruito in laterizio, è costituito da un corpo principale a base rettangolare, una specie di "rocchetta", con addossata un'alta torre merlata a pianta quadrata. La caratteristica della facciata è un grande archivolto ogivale a fondo cieco che contiene l'ingresso e una grande finestra anch'essa ogivale, un motivo insolito in area lombarda. Fu completamente restaurato nel 1905 con il gusto neocastellano dell'epoca, modificando molti particolari e regolarizzando la muratura, dai marchesi Roverato, i cui eredi sono tuttora in possesso dell'edificio.

Panorama di Nazzano col castello

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Castello di Nazzano, su www.preboggion.it. URL consultato il 4 aprile 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Merlo, Castelli, rocche, case-forti, torri della Provincia di Pavia, Pavia 1971.
  • R. Gariboldi, Castelli dell'Oltrepo: Cigognola, in "Il Giornale di Pavia", Pavia 1985.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]