Rocca di Caldé

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Rocca di Caldè)
Rocca di Caldè
Rocca di Travaglia
Ubicazione
StatoCross pattee.png Sacro Romano Impero
Cross pattee.png Ducato di Milano
Stato attualeItalia Italia
CittàCastelveccana (Varese)
Coordinate45°57′07.56″N 8°39′48.17″E / 45.9521°N 8.66338°E45.9521; 8.66338Coordinate: 45°57′07.56″N 8°39′48.17″E / 45.9521°N 8.66338°E45.9521; 8.66338
Mappa di localizzazione: Italia
Rocca di Caldé
Informazioni generali
TipoCastello medievale
Inizio costruzioneX secolo (?)
Primo proprietarioBerengario d'Ivrea
Condizione attualeIn rovina
Proprietario attualeComune di Castelveccana
Sito webhttp://www.castelveccana.com/STORIA2.html
Informazioni militari
UtilizzatoreVassalli arcivescovili
Funzione strategicaDifesa e controllo dello sbocco lacustre della Valtravaglia e di tutta la zona circostante
Termine funzione strategica1513 (invasione dei Confederati Svizzeri)
Comandanti storiciFrancesco (I) Sessa e Quirico Sessa (1261), Rocagnardus ...? (1284), Arderico de Conturbio e Francesco (II) Sessa (1294), Guglielmo Sessa (1406)
OccupantiConfederati Svizzeri (1513)
Azioni di guerra• Assedio e conquista della Rocca (rifugio del figlio di Berengario d'Ivrea) da parte dell'Imperatore Ottone I (metà del X secolo);

• Presidio visconteo tenuto dalla famiglia Sessa durante la guerra tra i Visconti e i Torriani per il dominio su Milano;

• Assedio e distruzione della Rocca per mano dei Confederati Svizzeri nel 1513
EventiDono della Rocca da parte di Ottone I a Valperto Arcivescovo di Milano (metà X secolo)
[senza fonte]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La Rocca di Caldé, anticamente conosciuta come Rocca di Travaglia, è un fortilizio difensivo eretto a Caldé, località nel comune di Castelveccana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Notizie della Rocca si hanno a partire dal X secolo quando, a seguito delle lotte dinastiche tra Berengario d'Ivrea e Ottone I di Sassonia per il trono d'Italia, essa fu donata da Ottone all'Arcivescovo di Milano Valperto. Da allora appartenne alla chiesa ambrosiana come bene arcivescovile. Nel XIII secolo membri della nobile famiglia Sessa ne furono investiti in qualità di castellani.[1]

Oggi ne rimangono solo alcuni resti, tra i quali alcune parti del muro di recinzione e un antico fossato di protezione. Nel luogo dove prima si innalzava il castello è presente una torre faro come monumento ai caduti di tutte le guerre. Da qualche anno è stato costruito il nuovo Parco della Rocca di Caldè che ha ristrutturato la prima parte della fornaci della Rocca di Travaglia. All'interno del parco è stata recuperata una cappella dedicata a San Genesio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]