Castello di Camairago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Camairago
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneLombardia
CittàCamairago
Coordinate45°12′26.54″N 9°43′41.21″E / 45.207371°N 9.728115°E45.207371; 9.728115Coordinate: 45°12′26.54″N 9°43′41.21″E / 45.207371°N 9.728115°E45.207371; 9.728115
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Camairago
Informazioni generali
TipoCastello
Inizio costruzioneXV secolo
MaterialeCiottoli, malta, laterizio
Sito web
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Camairago è una struttura militare sorta nel XV secolo nell'omonima località, in provincia di Lodi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Camairago venne edificato nella prima metà del XV secolo per volontà di Vitaliano I Borromeo, già banchiere ducale a Milano, il quale, godendo della stima del duca Filippo Maria Visconti, ottenne da quest'ultimo il feudo di Camairago. Oltre che per difendere i propri territori feudali, il Borromeo realizzò il fortilizio col pieno appoggio del ducato di Milano con l'idea di proteggere tramite esso la valle dell'Adda.

Rimasto nelle mani della famiglia Borromeo anche durante la dominazione spagnola, nel 1630 ospitò i lanzichenecchi che presero parte al seguito dell'esercito imperiale all'assedio di Mantova.

Durante le fasi finali della prima guerra d'indipendenza italiana del 1848, il castello divenne sede del quartiere generale delle truppe austriache del maresciallo Radetzky.

Dopo tali eventi, il castello ha acquisito sempre più il carattere di una residenza agricola privata, sempre di proprietà della famiglia Borromeo.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il castello nei secoli ha mantenuto la medesima struttura delimitata da torri che si articolano lungo le mura, oltre alla presenza di un rivellino che un tempo ospitava due ponti levatoi distinti, uno per le carrozze e uno per il passaggio pedonale.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]