Rocca di Orino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rocca di Orino
Rocca di Orino 02, foto di Carlo Dell'Orto.jpg
veduta frontale
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
CittàOrino
Coordinate45°53′14.93″N 8°43′42.31″E / 45.88748°N 8.72842°E45.88748; 8.72842Coordinate: 45°53′14.93″N 8°43′42.31″E / 45.88748°N 8.72842°E45.88748; 8.72842
Informazioni generali
TipoCastello medievale
fonti citate nel testo dell'articolo
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La Rocca di Orino è un'antica fortezza, posta a nord-est dell'omonimo comune, a 540 metri di altitudine. Essa giace su di uno sperone roccioso che garantisce un'ottima visibilità su tutta la Valcuvia.

La torre Nord-Est vista dall'esterno
Il portale di accesso
Veduta frontale con la torre Nord-Est

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Come per molte strutture analoghe dell'area insubrica si suppone che il primitivo nucleo fortificato risalga all'epoca tardo imperiale quale punto di osservazione e di comunicazione visiva nella difesa del limes. Di esso tuttavia non ne rimane alcuna traccia. Le prime notizie certe sono contenute negli atti della Chiesa Plebana di S. Lorenzo in Cuvio e risalgono al marzo 1176.

È comunque assai probabile che esso venne riforticato in epoca longobarda e che fosse sotto il controllo della famiglia Besozzi come tutta quanta la valle. In tale ottica fu caposaldo militare nelle lotte tra guelfi e ghibellini che insanguinarono il territorio nel XIII secolo fino alla vittoria del partito ghibellino dei Visconti.

Con la creazione dello stato unitario del Ducato di Milano la rocca perse di importanza strategica, il confine era situato sullo spartiacque alpino, e cadde in progressivo disfacimento.

Con la calata degli svizzeri nel 1512 il castello fu occupato dalle truppe svizzere e per un certo periodo fu inglobato nel territorio della Svizzera fino alla battaglia di Marignano del 1515, quando le truppe del capitano Mondragon li allontanarono dalla valle. Successivamente con la definitiva assegnazione al Ducato di Milano, oramai in mano spagnola, la Rocca venne smantellata.

All'inizio del XX secolo la rocca fu restaurata, ed in parte edificata quasi ex novo dall'allora proprietario Mario Sangalli.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Di proprietà privata al presente, la Rocca si presenta come un quadrilatero, cinto da un muraglione e difeso da torri, circondato dai boschi. All'interno dell'ampio cortile, sono presenti una cisterna e, all'angolo nord-ovest, la Rocchetta; quest'ultima, completamente in rovina, presenta all'angolo sud-ovest una torre. La merlatura, sostanzialmente d'invenzione, sopra il muro di cinta dell'ingresso principale è frutto dei restauri compiuti all'inizio del secolo, così come buona parte della torre posta all'angolo nord-est e della torretta rompitratta del muraglione di cinta a nord.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adamollo G.A.-Grossi L., Cronache di Varese, Varese, 1931.
  • Arrigoni Mascioni V., La Rocca do Orino, Gavirate (VA), 2001.
  • Carminati M., Il 'Rocco degli Ariani', in "Terra Insubre", n. 56 (2010), pp. 27-32.
  • Corbella R., Castelli e rocche. Varesotto, Lago Maggiore e Alto Milanese, Varese, 2002.
  • Jemoli A.-Tunesi S., Pagine di storia della Valcuvia, Casalzuigno (VA), 2001
  • Peregalli G.-Ronchini A., L'archivio della chiesa plebana di San Lorenzo in Cuvio. Gli atti 1174-1400, voll. I e II, Varese, 1989-1995.
  • Perogalli C., Castelli della Lombardia, Milano, 1969.
  • Tamborini M., Castelli e fortificazioni del territorio varesino, Varese, 1981.