Castello Visconti Castelbarco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello Visconti Castelbarco
Fortificazioni viscontee
Castellocislago.jpg
La facciata ovest rivolta verso il parco
Ubicazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
CittàCislago
IndirizzoVia Castelfidardo, 30
Coordinate45°39′32.06″N 8°58′15.77″E / 45.658905°N 8.971047°E45.658905; 8.971047
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello Visconti Castelbarco
Informazioni generali
StileGotico, Barocco
MaterialeLaterizi
Demolizione1510
Condizione attualeRicostruito dal 1620
Proprietario attualeFamiglie Quarta Castelbarco
VisitabileNo
Informazioni militari
Funzione strategicaDifesa
Termine funzione strategica1510
L. Mondini, Cislago terra di poveri terra di furbi, Cislago, 1982
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello Visconti Castelbarco, noto anche come castello Visconti Castelbarco Albani,[1] è una fortificazione gentilizia di origine viscontea sita nel comune di Cislago, in provincia di Varese[2].

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La torre pentagonale

L'attuale castello venne costruito sulla base di una precedente fortificazione altomedievale.[1] Di proprietà viscontea (ramo Visconti di san Vito di Somma Lombardo, la struttura viene distrutta dalle truppe svizzere di Matteo Schiner nel 1510 e in seguito ricostruita a partire dal 1620 dal marchese Cesare II Visconti e dal figlio Cesare III.[1]

Della struttura originaria sopravvive un trecentesco oratorio dotato di finestre ogivali e archetti a tre lobi.[3]

Nel 1716 un nobile trentino della famiglia Castelbarco sposa Costanza, figlia di Cesare III e ultima discendente dei Visconti,[1] diventando così proprietario della dimora. Al marito di Costanza, Carlo Francesco Castelbarco, si devono una serie di modifiche architettoniche che danno al castello l'aspetto attuale: un corpo di fabbrica a forma di "C" aperta verso sud-est, con due ali laterali, munito di due torri (di cui una pentagonale) a merlatura ghibellina.

La facciata rivolta verso il cortile meridionale, dotata di porticato, ha l'aspetto di dimora signorile.[4] La porzione dall'aspetto tipicamente castellano si affaccia invece sui giardini nord-occidentali.[1]

Due cancelli sette/ottocenteschi in ferro battuto fronteggiano le facciate est ed ovest.

Internamente, il castello ospita stanze affrescate nelle quali trovano posto mobili barocchi e ottocenteschi.[1]

Attualmente il castello è abitato dagli eredi delle famiglie Quarta e Castelbarco e non è visitabile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Langè, p. 263.
  2. ^ Castellidelducato, scheda sul Castello Visconti Castelbarco, su castellidelducato.eu. URL consultato il 1º aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  3. ^ Contino, Castello di Cislago.
  4. ^ Langè, p. 264.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Santino Langè, Ville delle province di Como, Sondrio e Varese, a cura di Pier Fausto Bagatti Valsecchi, Vol. Lombardia 2, Milano, Edizioni SISAR, 1968.
  • Carlo Perogalli, Enzo Pifferi e Angelo Contino, Castelli in Lombardia, Como, Editrice E.P.I., 1982.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]