Castello di Piubega

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Piubega
Piubega torre del castello.jpg
Ubicazione
RegioneLombardia Lombardia
CittàPiubega
Coordinate45°13′38.1″N 10°32′02.59″E / 45.22725°N 10.534053°E45.22725; 10.534053Coordinate: 45°13′38.1″N 10°32′02.59″E / 45.22725°N 10.534053°E45.22725; 10.534053
Informazioni generali
TipoTorre medievale
Inizio costruzioneXII secolo
MaterialeMattoni
Proprietario attualeComune di Piubega
VisitabileNo
Informazioni militari
Funzione strategicaTorre di difesa
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Piubega è un'antica roccaforte risalente al XII secolo situata nel centro storico di Piubega, in provincia di Mantova, che conserva inalterata la Torre Civica, nell'attuale piazza Matteotti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del XII secolo Piubega, circondata da mura e fossato di difesa, possedeva uno dei più importanti castelli del mantovano con torre di ingresso.

Intorno al 1410 il castello venne affidato a Carlo Albertini, conte di Prato, quale feudo onorifico, concessogli da Gianfrancesco Gonzaga.[1] Fu da questo incarcerato per aver tramato contro di lui e, nella prima metà del XV secolo, il marchese provvide a rientrare in possesso dell'edificio e a rinforzare la struttura di confine.

Agli inizi del Settecento gli austriaci provvidero ad abbattere la struttura e a conservare la torre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cesare Cantù, Grande illustrazione del Lombardo-Veneto, Volume V, Milano, Corona e Caimi Editori, 1859

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enzo Boriani, Castelli e torri dei Gonzaga nel territorio mantovano, Brescia, 1969.
  • Mariano Vignoli (a cura di), Dal castello al palazzo. Storia ed architettura in un'area di confine. Atti dei convegni di Acquafredda (25 maggio 1996) e San Martino Gusnago (16 novembre 1996), Guidizzolo, Circolo Culturale San Martino Gusnago - Istituto Italiano dei Castelli - Banca di credito cooperativo di Casalmoro e Bozzolo, 1997. ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]