Castello dei Paleologi (Casale Monferrato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello dei Paleologi
Casale Monferrato-castello1.jpg
Ingresso
Ubicazione
RegionePiemonte Piemonte
CittàCasale Monferrato
Coordinate45°08′15.86″N 8°26′46.21″E / 45.137739°N 8.446169°E45.137739; 8.446169Coordinate: 45°08′15.86″N 8°26′46.21″E / 45.137739°N 8.446169°E45.137739; 8.446169
Informazioni generali
TipoCastello medievale
Inizio costruzioneXIV secolo
Materialemattoni
Primo proprietarioGiovanni II Palologo
DemolizioneParziale XIX secolo
Condizione attualein uso
Visitabile
Informazioni militari
Funzione strategicaDifesa dagli attacchi nemici
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello dei Paleologi è una struttura militare sorta nel XIV secolo a Casale Monferrato, in provincia di Alessandria.

Storia e struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il castello dei Paleologi fu eretto a Casale Monferrato nel 1352 da Giovanni II Paleologo, per rafforzare le fortificazioni già esistenti.

Durante il periodo Visconteo, il castello fu dotato di armi da fuoco[1]. Nel Quattrocento la struttura fu ampliata e trasformata da Guglielmo VIII Paleologo e Bonifacio V.[2]

Dopo la pace di Cateau-Cambrésis del 1559, passata la città in mano ai Gonzaga di Mantova, l'edificio perse la sua funzione di dimora e fu trasformato nuovamente in fortezza;[2] vennero infatti potenziati i fianchi, le torri, furono aggiunti i rivellini (negli stessi anni ebbe inizio anche la costruzione della Cittadella).[2] Fino alla metà del XIX secolo il castello mantenne inalterata la struttura impostata dai Gonzaga. Dal 1856, poi, a causa della necessità di nuovi spazi urbani, iniziò la demolizione dei rivellini.[2] Tuttora il castello è in parte visitabile ed è diventato un contenitore culturale della città.[3]

L'edificio ha pianta esagonale asimmetrica con torrioni angolari ed è circondato da un fossato. Sul portone principale, come simbolo del potere signorile, è presente un bassorilievo marmoreo raffigurante le insegne gentilizie dei signori del Monferrato: Aleramo, Paleologi e Gonzaga. Degni di nota sono i cammini di ronda e gli spettacolari sotterranei dell´ala occidentale ricostruiti nel Settecento, entrambi visitabili.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Fabio Bargigia e fabio romanoni, The Spread of Firearms in the Visconti's Lordship (14th Century) - La diffusione delle armi da fuoco nel dominio visconteo (secolo XIV), in Revista Universitaria de Historia Militar. URL consultato il 25 novembre 2017.
  2. ^ a b c d Castelli, Roggero, p.80.
  3. ^ Castello del Monferrato, su castellodelmonferrato.it. URL consultato l'8 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2010).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316746941