Vittorino da Feltre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giusto di Gand e Pedro Berruguete, Vittorino da Feltre, Louvre

Vittorino de' Rambaldoni, conosciuto come Vittorino da Feltre (Feltre, 1373 o 1378Mantova, 2 febbraio 1446), è stato un umanista ed educatore italiano.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Vittorino de' Rambaldoni, detto "da Feltre", nacque nel 1378[1] o, più probabilmente, nel 1373. Era figlio di Bruto,[1] uno scrivano di nobili origini: i Rambaldoni erano stati infatti i possessori del castello di Fianema, nella pieve feltrina di Cesio.

Ben presto dimostrò di avere una mente molto aperta ed una insaziabile fame di apprendere. Compì i primi studi nella città natale con grandi difficoltà, per la povertà del padre, ma ciò contribuì in modo molto importante a forgiare in lui un carattere forte e deciso, che lo avrebbe aiutato a continuare gli studi e poi sostenuto in ogni sua iniziativa. Proprio a causa di queste difficoltà, verso il 1396 Vittorino lasciò Feltre e scese a Padova per frequentare la "Università",[1] dove le lezioni erano gratuite ed aveva modo di ascoltare tutti i più grandi "dottori" del suo tempo.

Ma anche a Padova si trovò nuovamente in difficoltà per il prezzo dei libri, allora costosissimi; e benché avesse un appoggio nei suoi stretti parenti Enselmini, che erano agiati, preferì sopperire alle proprie necessità da solo, facendo il "magister puerorum", il maestro di grammatica, occupazione privata per la quale non occorrevano grandi studi universitari.

Quando, dopo aver appreso le discipline letterarie e la filosofia, volle approfondire anche la conoscenza della matematica, Vittorino si trovò di fronte a tali difficoltà, che solo il suo forte carattere poté affrontare. Biagio Pelacani, illustre matematico, si faceva pagare assai care le lezioni che dava in privato: Vittorino, pur di apprendere, si abbassò anche a fare il lavapiatti al maestro. Presto, però, stanco delle vessazioni del Pelacani, decise di abbandonarlo e trovò un nuovo maestro in Jacopo della Torre da Forlì, sotto la cui guida apprese anche la fisica e l'astrologia.

Soggiornò a Padova per più di un ventennio, il periodo certo più proficuo per la formazione integrale del suo spirito e per l'affermarsi della vocazione che renderà così illustre il suo nome: l'insegnamento.

Subì l'influsso di Pier Paolo Vergerio il vecchio, il primo pedagogista dell'Umanesimo, di Giovanni Conversini da Ravenna, di Gasparino Barzizza, il più grande latinista del suo tempo, e di Paolo Nicoletti per la dialettica, la filosofia morale e la teologia.

Attività didattica[modifica | modifica wikitesto]

Pisanello, medaglia di Vittorino da Feltre, eseguita in commemorazione dopo la sua morte (1447 circa)
Il verso della medaglia

Quando il Guarino, di ritorno da Costantinopoli, aprì una scuola di greco a Venezia, Vittorino vi si recò subito (1415), e fu proprio là che, accostandosi al patrizio veneziano, ebbe inizio la sua carriera di maestro. Tenne a sua volta scuola a Venezia per qualche anno e fu molto apprezzato. Tornò così a Padova con una notevole fama, aprì una scuola convitto, con organizzazione di tipo familiare, per i giovani che abitavano lontano dalla città, e continuò a curarla anche dopo che nel 1421 ebbe accettato la cattedra di retorica.

Al servizio dei Gonzaga[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1422 lasciò la cattedra e tornò a Venezia dove aprì un'altra scuola convitto con studenti di tutta Italia. Tale sistemazione, che dovette sembrargli definitiva, non era invece destinata a durare a lungo, perché l'arresto del suo cugino padovano Enselmino degli Enselmini per reati politici, lo indusse ad accettare l'invito del signore di Mantova Gian Francesco I Gonzaga, che gli offriva l'incarico di precettore dei suoi figli e figlie. Subito (1423) fondò, lungi dalle agitazioni della corte, in una villa che il Gonzaga, valido collaboratore, gli mise a disposizione, la prima scuola realizzatrice degli ideali umanistici fusi con lo spirito cristiano, a cui diede il nome di "Ca' Zoiosa" (Ca' Gioiosa).[2]

La Ca' Gioiosa era posta presso un lago, circondata da splendidi panorami: era davvero un soggiorno ideale. La sua fama si diffuse con grande velocità e di pari passo aumentarono anche le richieste di ammissione, a tal punto che si rese necessaria la costruzione di un secondo edificio, per far fronte alle iscrizioni. Anche nell'accettare nuovi alunni, Vittorino non si smentì: preferì studenti poveri, accettati per carità, a figli di signori (nel 1433 fu educato Federico da Montefeltro, futuro duca di Urbino) che dimostrassero un carattere superbo e caparbio. Questo proprio perché la "Ca' Gioiosa" era organizzata in modo tale da mantenere una disciplina di uguaglianza per tutti, di rispetto della personalità, di fraternità, di ordine, in cui il castigo stesso, del resto rarissimo, era riportato all'interiorità della coscienza.

Alla "Ca' Gioiosa" la giornata trascorreva in un intenso lavoro, in cui l'esercizio mentale si alternava alle pratiche ginniche. Proprio in questo sta uno dei meriti più grandi di Vittorino: essere stato uno dei primi a realizzare un tentativo di armonico sviluppo mentale e corporeo.

L'insegnamento si basava ancora sulle arti del trivio e quadrivio, ma Vittorino lo curava moltissimo soprattutto nell'approfondimento delle conoscenze. Nondimeno, egli voleva che terminato lo studio, questo fosse lasciato da parte, di modo che la mente potesse ritemprarsi: per questo motivo egli si curava molto anche degli esercizi ginnici, della lotta, delle escursioni al vicino lago di Garda, alle stesse Alpi.

Gli svaghi quindi non mancavano, ma non mancava neppure una rigida disciplina, di cui Vittorino si mostrava custode, ottenuta con mezzi semplici, primo fra tutti la religiosità. Infatti Vittorino si preoccupò moltissimo di formare non solo giovani eruditi, ma soprattutto anime rette ed integre, per cui aggiungeva alla preparazione scolastica, in cui era coadiuvato da maestri scelti da lui stesso, un'intensa pratica religiosa, basata soprattutto sulla Messa e sulla preghiera.

Mantova, lapide commemorativa
Mantova, chiesa di Santo Spirito, luogo di sepoltura di Vittorino

Coerentemente con questa sua figura, Vittorino aveva praticamente abolito ogni punizione corporale, limitando i castighi alla perdita della benevolenza o del sorriso del maestro. Si mostrava inesorabile solo con la bestemmia e il turpiloquio: a tal punto che non esitò a schiaffeggiare pubblicamente Carlo Gonzaga, che, giocando alla palla, aveva bestemmiato. Chiunque altro avrebbe pagato uno scotto assai grave per una tale imprudenza; Vittorino non ne subì mai le conseguenze, né il giovane Carlo si dimostrò mai astioso col maestro.

Del resto Vittorino fu un personaggio molto particolare nella sua vita privata: di carattere facile all'ira, pretendeva da sé stesso ancor più che dai suoi alunni, conscio del fatto che per ottenere dal prossimo, bisogna innanzitutto ottenere da sé stesso. Vittorino non cercava né d'incantare, né d'intimorire: metteva solo in soggezione tutti coloro che alla sua presenza si sentivano in errore. Egli non conosceva che cosa fosse l'ozio, occupando ogni istante del suo tempo con azioni che riuscissero di comune utilità. In due cose dovette lottare particolarmente con sé stesso: da giovane, contro i suoi desideri più intimi, in ogni età contro la naturale iracondia. Non si volle mai sposare, quantunque gli si fosse presentato un partito assai ambito, per potersi dedicare completamente ai suoi figli: gli alunni. Tuttavia dal fatto che acconsentì a educare le figlie e la cognata del Gonzaga, possiamo facilmente ricavare che egli non considerava la donna un essere inferiore, né era misogino: semplicemente riteneva che alla sua missione di educatore convenisse il celibato, per una maggiore libertà di azione.

Nella vita privata egli manteneva il suo contegno, cercando di sanare le inimicizie, facendosi promotore di una lotta costante contro le ingiustizie, e non esitava nemmeno a dar torto allo stesso Gonzaga, se aveva compiuto alcuni atti riprensibili.

Da tutto questo quadro generale ne risulta una persona estremamente coerente e capace, che seppe affermare la propria personalità e la propria volontà anche a costo di grandi sacrifici. In fondo, il segreto che sostenne per tanti anni Vittorino, è da ricercarsi proprio in quel suo profondo spirito di sacrificio, spirito che lo accompagnò fino alla morte, avvenuta a Mantova a 68 anni, il 2 febbraio 1446. Fu sepolto nell'antica chiesa di Santo Spirito. Nella direzione della scuola gli succedette uno dei suoi allievi e collaboratori, Iacopo da San Cassiano, che ereditò anche la biblioteca di Vittorino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bartolomeo Sacchi, detto il Platina, Victorini Feltrensis vita a Bartholomaeo Platina edita, ca. 1447; ed. moderna: Liviana, Padova 1948
  • Francesco Prendilacqua di Mantova, De vita Victorini Feltrensis dialogus, 1465; Padova, 1774; Como 1871
  • Carlo de' Rosmini, Idea dell'ottimo precettore nella vita e disciplina di Vittorino de Feltre, Remondiniana, Bassano 1801
  • William Harrison Woodward, Vittorino da Feltre and Other Humanist Educators, University Press, Cambridge 1897; trad. Vallecchi, Firenze, 1923; University of Toronto Press, 1996
  • Antonio Casacci, Un trattatello di Vittorino da Feltre sull'ortografia latina, "Atti del Reale Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti", tomo 86, parte II, Carlo Ferrari, Venezia 1927, pp. 911-45.
  • M. Oppezzi, Vittorino da Feltre. Notizie storiche
  • Eugenio Garin, L'educazione umanistica in Italia, Laterza, Bari 1949
  • Rodolfo Signorini, Vittorino da Feltre - Baldesar Castilione, Sometti, Mantova 2015
  • Kate Simon, I Gonzaga. Storia e segreti, Ariccia, 2001, ISBN 88-8289-573-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Angiolo Gambaro, «VITTORINO da Feltre», in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1937.
  • «VITTORINO da Feltre», in Dizionario di filosofia, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2009.
  • «VITTORINO da Feltre», la voce in Enciclopedie on line, sito "Treccani.it L'Enciclopedia italiana".
Controllo di autoritàVIAF: (EN52482806 · ISNI: (EN0000 0000 6631 3780 · LCCN: (ENn82037958 · GND: (DE118643169 · BNF: (FRcb16650687m (data) · BAV: ADV12283146 · CERL: cnp00967141