Corte Ghirardina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corte Ghirardina
Motteggiana-Corte Ghirardina.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàMotteggiana
IndirizzoVia Roma
Coordinate45°17′12″N 10°31′48″E / 45.286667°N 10.53°E45.286667; 10.53Coordinate: 45°17′12″N 10°31′48″E / 45.286667°N 10.53°E45.286667; 10.53
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1470
Inaugurazione1477
Usoresidenziale-agricolo
Realizzazione
ArchitettoLuca Fancelli
AppaltatoreLudovico III Gonzaga
ProprietarioProprietà privata
CommittenteLudovico III Gonzaga

La Corte Ghirardina (o Corte Saviola o Casa di Saviola[1]) è una storica corte lombarda di Motteggiana, in provincia di Mantova, tra i più significativi esempi di architettura del primo Rinascimento mantovano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio, originale sintesi di palazzo-corte-villa-castello, fu costruito sulle rive del Po dall'architetto Luca Fancelli dal 1470 al 1477 per il marchese di Mantova Ludovico Gonzaga che intendeva vigilare sui commerci del Po e sulla sua vasta proprietà agricola.

La corte nel 1582 subì una profonda ristrutturazione per opera di Bernardino Facciotto, quando l'edificio passò in proprietà al duca Guglielmo Gonzaga.[2]

La costruzione è formata da un corpo centrale e da due ali unite da un lungo prospetto.

Quando si verificò la prima guerra mondiale, a causa di bombardamenti una parte della corte è stata abbattuta e non è stata più ricostruita. Documenti parlano della presenza di un tunnel che collegava la corte alla vicina chiesa parrocchiale di S.Girolamo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Touring Club Italiano (a cura di), Italia plus. Lombardia, Milano, 2002.
  • Renato Bonaglia, Mantova, paese che vai..., Mantova, 1985. ISBN non esistente.
  • Mariano Vignoli (a cura di), Dal castello al palazzo. Storia ed architettura in un'area di confine, Guidizzolo, 1997. ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]