Palazzo Gonzaga (Toscolano Maderno)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Gonzaga
Toscolano Maderno-Palazza Gonzaga.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
LocalitàToscolano Maderno
Coordinate45°38′09.77″N 10°36′01.86″E / 45.636047°N 10.600517°E45.636047; 10.600517Coordinate: 45°38′09.77″N 10°36′01.86″E / 45.636047°N 10.600517°E45.636047; 10.600517
Informazioni generali
Condizioniabitato
Costruzioneinizi XVII secolo
InaugurazioneXVII secolo
Demolizioneparziale inizi XIX secolo
Usocivile
Realizzazione
ArchitettoAntonio Maria Viani
AppaltatoreVincenzo I Gonzaga
ProprietarioProprietà privata
CommittenteVincenzo I Gonzaga

Palazzo Gonzaga (o Palazzo nuovo) è uno storico edificio civile di Toscolano Maderno, in provincia di Brescia ed è situato in via Benamati.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I Gonzaga, signori di Mantova, agli inizi del Seicento, su commissione del duca Vincenzo I, vollero edificare sul lago di Garda la loro residenza estiva. L'incarico venne assegnato all'architetto sovrintendente (prefetto) alle fabbriche ducali Antonio Maria Viani.

All'edificio, che si sviluppa su due piani, era collegata la “Villa del Serraglio” con parco di circa 20.000 m² coltivato ad alberi da frutta e collegato al palazzo da una galleria sotterranea. I lavori non erano ancora conclusi quando Vincenzo morì nel 1612. Nel palazzo, il 23 ottobre 1616, morì Francesco Gonzaga[1], terzo marchese di Castiglione. La proprietà passò al primogenito del duca Vincenzo Francesco IV Gonzaga e successivamente a Carlo II di Gonzaga-Nevers. Con la caduta dei Gonzaga la residenza passò nelle mani di Leopoldo di Lorena, che la cedette ad alcuni nobili bresciani.

L'edificio ha subito un importante restauro dopo il terremoto del 2004, che ha interessato la zona di Salò.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Massimo Marocchi, Principi, santi, assassini, Mantova, 2015, ISBN 978-88-95490-74-8.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Gambara, Ragionamenti di cose patrie. Vol. V, Brescia, 1840. ISBN non esistente

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]