Charleville (Ardenne)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Charleville
frazione
Charleville – Veduta
Piazza ducale, antecedente la prima guerra mondiale
Localizzazione
StatoFrancia Francia
RegioneGrand Est
DipartimentoBlason département fr Ardennes.svg Ardenne
ArrondissementCharleville-Mézières
CantoneCharleville-Mézières
Comune
Territorio
Coordinate49°46′20.92″N 4°43′12.08″E / 49.772479°N 4.720023°E49.772479; 4.720023 (Charleville)
Altitudine133-323 m s.l.m.
Abitanti24 668 (1962)
Altre informazioni
Cod. postale08000
Fuso orarioUTC+1
Codice INSEE08105
Nome abitantiCarolopolitains
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Charleville
Charleville
Sito istituzionale

Charleville è un ex comune francese, situato nel dipartimento delle Ardenne nella regione del Grand Est.

Nel 1966 divenne Charleville-Mézières, dopo la fusione di cinque diversi comuni (Mézières, Mohon, Étion, Montcy-Saint-Pierre). Charleville è la città natale del poeta francese Arthur Rimbaud (1854-1891).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu il 6 maggio 1606, giorno del suo 26º compleanno, che Carlo I di Gonzaga-Nevers (1580-1637), Nevers e Rethel, Principe Sovrano del Principato di Arches, decise di fondare la "sua" città, che chiamò nel 1608 dal suo nome: Charleville. Il principato, situato ai confini del regno di Francia, aveva un solo paese che esisteva fin dal medioevo, chiamato Arches, che doveva essere assorbito dalla nuova città. Carlo I Gonzaga mirò a creare una città ideale, basata sui principi politici, urbanistici e architettonici ereditati dal Rinascimento.[1] Per fare ciò, si rivolse all'architetto Clément Metézeau, fratello di Louis Métezeau, l'architetto di Place des Vosges a Parigi.

L'impianto urbanistico mostra un desiderio di organizzazione geometrica e razionale, oltre che un'ispirazione antica. Il centro della città è occupato dalla Piazza Ducale, dalla quale scorrono strade perpendicolari in direzione dei quattro punti cardinali, ricordando il foro romano dove si incontrano cardo e decumano.

La città ideale progettata da Carlo I di Gonzaga-Nevers rimase tuttavia incompiuta: nel 1629 il duca partì per l'Italia alla morte del cugino, e dovette combattere una rovinosa guerra per rivendicare la sua eredità e diventare duca di Mantova e del Monferrato. Charleville non fu quindi mai dotata né del palazzo ducale, inizialmente proiettato ai margini della Piazza Ducale, né della cattedrale di Notre-Dame, prevista nel quartiere sud-ovest. In quanto città ideale fondata da un alto dignitario, Charleville può essere paragonata a Sabbioneta, fondata nel XVI secolo da un altro membro della famiglia Gonzaga, o ancora a Richelieu o Henrichemont.

Nel 1708 Charleville cadde sotto il dominio reale alla morte di Carlo III Ferdinando Gonzaga: Anna di Baviera, nipote di Carlo I di Gonzaga-Nevers e principessa di Condé, ereditò Charleville, che contemporaneamente perse il titolo di principato sovrano.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Émile Baudson, Histoire de Charleville depuis sa fondation jusqu'à nos jours, Charleville, imprimerie Anciaux, 1947, p.9-18.
  2. ^ Anna Bastianelli, Succéder aux Gonzague. Un conflit de succession à Charleville (1637-1723), Charleville-Mézières, Société d'histoire des Ardennes, 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Émile Baudson, Histoire de Charleville depuis sa fondation jusqu'à nos jours, Charleville, imprimerie Anciaux, 1947.
  • Anna Bastianelli, Succéder aux Gonzague. Un conflit de succession à Charleville (1637-1723), Charleville-Mézières, Société d'histoire des Ardennes, 2018.
  • (FR) Alain Sartelet, Charleville au temps des Gonzague: portrait d'une cité ducale, Charleville-Mézières: musée de l'Ardenne, 1997.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN133225401 · WorldCat Identities (ENlccn-n81071968
  Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia