Castello baronale (Fondi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello Caetani Fondi
CastelloFondi.jpg
Castello Caetani Fondi
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneLazio
CittàFondi
Coordinate41°21′28.44″N 13°25′44.76″E / 41.3579°N 13.4291°E41.3579; 13.4291
Mappa di localizzazione: Italia centrale
Castello baronale (Fondi)
Informazioni generali
TipoCastello medievale
Altezza33 metri
CostruzioneXIII secolo-XV secolo
Primo proprietariofamiglia Caetani
Condizione attualePerfetto, fruibile, visitabile
Proprietario attualeComune di Fondi
Visitabile
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello Caetani è sito a Fondi (provincia di Latina).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si hanno tre epoche della costruzione del castello, che poggia sulle mura in opus incertum di epoca romana (I secolo a. C.):

  • 1ª: costruzione del torrione quadrato, o mastio, di cui resta solo la base o zoccolo (fine del XII-inizio del XIII secolo)
  • 2ª: ricostruzione del torrione quadrato, o mastio, e costruzione della contigua rocca con tre torri angolari (metà del XIV secolo)
  • 3ª: costruzione della torre cilindrica sopra il torrione quadrato, mastio (2ª metà del XV secolo).

Nel corso del XIV secolo, per opera della famiglia Caetani, accanto al castello si sviluppò il Palazzo Caetani, noto anche come Palazzo baronale.

Il castello in seguito venne più volte rimaneggiato.

Nel 1840, causa pericolosità, venne abbattuta la merlatura del mastio. Dal 1861 al 1931 venne trasformato in carcere. In taluni antri si possono ancora mirare dei graffiti di prigionieri.

Successivamente parte del castello venne adibito a museo civico.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La struttura principale è composta da due corpi collegati tra loro da un ponte ligneo:

- un mastio o torrione quadrato con merlatura spiccante (secoli XII-XIV), su cui s'innesta una torre cilindrica a merlatura spiccante (sec. XV).

- una rocca adiacente rettangolare, merlata con tre torri cilindriche angolari (sec. XIV).

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN258601992 · WorldCat Identities (ENviaf-258601992