Alberto Gonzaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Beato Alberto Gonzaga
Nascita1260 circa a Mantova
Morte1º dicembre 1321 a Ivrea
Venerato daChiesa cattolica
Alberto Gonzaga
(Alberto Corradi da Gonzaga) O.F.M.
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Ivrea
 
Nato1260 circa a Mantova
Nominato vescovo13 marzo 1289
Deceduto1º dicembre 1321 a Ivrea
 

Beato Alberto Gonzaga (o Alberto Corradi da Gonzaga) (Mantova, 1260 circa – Ivrea, 1º dicembre 1321) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio Antonio Corradi da Gonzaga,[1] a suo volta figlio di Guido (m. 1272 ca.),[1] della Linea Antica dei Corradi-Gonzaga di Mantova. Secondo altri storici, era figlio di Abramino (1155 ca.-1210).[2][3][4]

Entrò giovanissimo nei Francescani e ricevette importanti incarichi tra i quali, nel 1271,[1] quello assunto per conto del papa Gregorio X di ricomporre i dissidi tra il Monferrato e alcune città del Piemonte. Fu a Roma e nel 1272 ambasciatore del papa a Costantinopoli presso l'imperatore bizantino Michele VIII. Assieme al confratello teologo Bonaventura da Bagnoregio partecipò al Concilio di Lione del 1274, convocato nel tentativo di ristabilire l'unità religiosa con la Chiesa ortodossa d'Oriente.

Fu eletto vescovo di Ivrea nel 1289[1] e qui nel 1291 fondò il monastero delle clarisse. Nel suo incarico si avvalse anche dell'aiuto del fratello Federico, giunto da Mantova. Il 10 febbraio del 1299 consacrò la Chiesa e convento di San Francesco a Rivarolo Canavese.[5]

Morì a Ivrea nel 1321 e fu sepolto nella Chiesa di San Francesco della città[1], demolita negli anni Trenta, che aveva restaurato.

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Immagine Blasonatura
Ornements extérieurs Evêques.svg
Coat of arms of the House of Corradi-Gonzaga (until 1328).svg
Vescovo

Stemma della famiglia Corradi-Gonzaga. Lo scudo, accollato a una croce astile d'oro, posta in palo, è timbrato da un cappello con cordoni e nappe di verde. Le nappe, in numero di dodici, sono disposte sei per parte, in cinque ordini di 1, 2, 3

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Gonzaga Alberto, su treccani.it. URL consultato il 5 dicembre 2021.
  2. ^ (EN) Genealogia dei Gonzaga.
  3. ^ Pompeo Litta, Gonzaga di Mantova, in Famiglie celebri italiane, Milano, Giulio Ferrario, 1835, SBN IT\ICCU\LO1\1405418.
  4. ^ Giuseppe Coniglio, I Gonzaga, Varese, Dall'Oglio, 1973, IT\ICCU\MIL\0159114.
  5. ^ Chiesa di San Francesco.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Brunelli, I Gonzaga con la tonaca, Ciliverghe, 2005. ISBN non esistente.
  • Pompeo Litta, Gonzaga di Mantova, in Famiglie celebri italiane, Milano, Giulio Ferrario, 1835, SBN IT\ICCU\LO1\1405418.
  • Giuseppe Coniglio, I Gonzaga, Varese, Dall'Oglio, 1973, IT\ICCU\MIL\0159114.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Ivrea Successore BishopCoA PioM.svg
Federico di Front e San Martino 12891321 Oberto Solaro