Forte della Madonna degli Angeli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Forte della Madonna degli Angeli
Forte della Madonna degli Angeli.jpg
Il forte, oggi seminascosto dalla vegetazione
Ubicazione
Stato attualeItalia
RegioneLiguria
CittàSavona
Coordinate44°18′50.45″N 8°27′39.48″E / 44.314014°N 8.460967°E44.314014; 8.460967Coordinate: 44°18′50.45″N 8°27′39.48″E / 44.314014°N 8.460967°E44.314014; 8.460967
Informazioni generali
Tipofortezza
Inizio costruzione1881
Primo proprietarioRegno d'Italia
Condizione attualeabbandonato ma abbastanza curato, visitabile con la dovuta prudenza
Informazioni militari
Termine funzione strategica1947
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il forte della Madonna degli Angeli è una fortezza ottocentesca situata su una collina alle immediate spalle del centro di Savona, ad un'altitudine di 232 m s.l.m.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Ancora oggi sono visibili i segni delle fucilazioni Nazifasciste

La fortezza, classificata come batteria, costituiva un sistema difensivo della costa e della rada di Savona-Vado Ligure di cui facevano parte anche la fortezza gemella (anche se leggermente più piccola) di Madonna del Monte (a Legino) e il più interno Forte Ciuto. Costruita intorno al 1881 dai Savoia, rimase in attività sino alla fine della seconda guerra mondiale.

L'attuale copertura in cemento armato non è probabilmente originale e si tratta di un intervento successivo per adattare la fortificazione alla potenza di fuoco sempre maggiore dell'artiglieria moderna. Il forte ha due piani, il primo dedicato a stalle e magazzini per munizioni e il secondo alle tre postazioni per 6 obici da 280mm, poi sostituiti da altrettanti cannoni 149/23 dopo la Prima guerra mondiale, e alle stazioni telemetriche, ancora conservate. Sono inoltre presenti altre due piazzole, costruite dopo la Grande Guerra davanti al forte, collegate da un ponte levatoio sul fossato (scomparso), ormai quasi del tutto scomparse. Vi è ancora, al piano superiore, una terrazza con postazioni per mortaio. Durante l'occupazione nazista, oltre che presidio della Wehrmacht, fu anche batteria controaerea tedesca, armata con 4 cannoni Flak 88 e due impianti Flakvierling.

A qualche metro al di fuori del forte, in direzione nord-ovest, si trovano i ruderi delle casermette in cui alloggiavano i soldati. A mezza costa verso la città, si trova invece la chiesa della Madonna degli Angeli, da cui il forte prende il nome.

Nel cortile si trova una targa a ricordo dei partigiani qui uccisi dai nazisti; sul muro sono ben visibili i segni dei proiettili responsabili della strage.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]