Castello superiore di Arnad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La facciata principale del castello di Arnad
Castello di Arnad
Castello superiore di Arnad da Machaby.JPG
Il castello visto dal sentiero tra Machaby e la Tête de Cou
Ubicazione
StatoFlag of Savoie.svg Contea di Savoia
Stato attualeItalia Italia
RegioneValle d'Aosta
CittàArnad
Coordinate45°38′32.3″N 7°43′55.2″E / 45.642306°N 7.732°E45.642306; 7.732Coordinate: 45°38′32.3″N 7°43′55.2″E / 45.642306°N 7.732°E45.642306; 7.732
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello superiore di Arnad
Informazioni generali
TipoCastello romanico
CostruzioneXII secolo-XIV secolo
CostruttoreSignori di Bard // Saverio de Arnado (Xavier d'Arnad)
Condizione attualeChiuso al pubblico
Proprietario attualeMarie-Hélène e Paolo Maccari
VisitabileNo
[1]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Il castello di Arnad visto da est con la valle centrale sullo sfondo

Il castello di Arnad è uno dei più antichi castelli della Valle d'Aosta, posto nel comune di Arnad. Il castello, risalente al XII secolo, è situato su un promontorio naturale che domina il villaggio di Ville con le sue caseforti, a controllo sia dell'antica Via Francigena che della strada che attraverso il colle del vallone di Machaby collegava la valle centrale alla valle di Gressoney.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Piantina del castello di Arnad (Carlo Nigra)
I castelli di Arnad: in alto a sinistra il castello di Arnad, in basso al centro la casaforte della Costa, in basso a destra il castello Valleise.
Vista del castello di Arnad dal paese, disegno di Carlo Nigra su schizzo di Alfredo D'Andrade

Il castello di Arnad viene nominato per la prima volta in una bolla papale del 1207 nella quale viene citata la relativa cappella intitolata a santa Maria Maddalena ed a san Michele Arcangelo[1], ma non ci sono certezze sulle sue origini e sui suoi primi proprietari.

Una prima ipotesi storiografica sostiene che il castello fu fatto costruire da Saverio di Arnad (Xavier d'Arnad, o in generale dalla famiglia de Arnado) nel XII o forse XIII secolo.[2][3].

Una seconda ipotesi sostiene invece che il castello apparteneva già nel XII secolo ai signori di Bard, e che sia stato Guglielmo di Bard a riceverlo in dono dai Savoia.[2] Secondo questa ipotesi, divenne di proprietà di Guillaume de Bard insieme al castello di Pont-Saint-Martin dopo le pesanti lotte che lo videro impegnato in scontri armati col fratello Ugo. Nel 1239, per ragioni economiche, metà del castello di Arnad venne infeudato a Ruffino de Arnado e dal 1293 l'intero complesso venne venduto ai signori di Vallaise.[1]

La famiglia dei Vallaise vi abitò per tutto il XIV secolo e viene ricordato dalle cronache che nel 1351 vi ospitarono a pranzo Amedeo VI di Savoia.[3] Al dominio dei Vallaise risale la parte centrale che è composta da un fabbricato del XIV secolo, merlato, dotato di grandi camini e stemmi dell'epoca affrescati e graffiti alle pareti ed affiancato da una slanciata torre che ospita le latrine, un unicum nella Valle d'Aosta dell'epoca, probabilmente ispirata alla torre con la stessa destinazione costruita qualche anno prima nel Palazzo dei Papi di Avignone. Per l'inadeguatezza della struttura e l'ormai oltrepassata funzione bellica, la struttura venne abbandonata a partire dal XV secolo e dal XVII la famiglia si trasferì nel castello della Costa, sempre ad Arnad ma a una latitudine inferiore, il che dettò la fine dello splendore della rocca superiore, che ha conservato tutte le sue caratteristiche romaniche senza alcuna contaminazione successiva, tanto da costituire insieme al contemporaneo castello di Ussel a Chatillon un raro esempio storico ed architettonico.

Oggi il castello non è fruibile e resta di proprietà privata, a differenza del castello inferiore di Arnad noto come castello Vallaise, acquisito nel 2010 dalla Regione Autonoma Valle d'Aosta.

Il castello visto dalla chiesa di Arnad

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Al castello di Arnad sono state girate le scene "al museo"[4] del film Le crime est notre affaire (2008), del regista francese Pascal Thomas[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Castello Arnad, www.stidy.com. URL consultato il 4 gennaio 2012.
  2. ^ a b Margherita Morra, cit., p. 14..
  3. ^ a b Castello superiore, Regione Valle d'Aosta, 21 settembre 2011. URL consultato il 4 gennaio 2012.
  4. ^ L'edificio è riconoscibile dal film, sebbene non sia specificato da nessuna parte che si tratti di quello superiore.
  5. ^ Le crime est notre affaire su Imdb.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Margherita Morra, Guida ai castelli della Val d'Aosta, Novara, Legenda, 2001, pp. 14-18, ISBN 88-509-0050-3. (fonte)
  • (FR) Jean Baptiste de Tillier, Historique de la vallée d'Aoste, Aoste, Ed. L. Mensio, 1887 [1737], pp. 86-89.
  • Mauro Minola, Beppe Ronco, Valle d'Aosta. Castelli e fortificazioni, Varese, Macchione ed., 2002, p. 19, ISBN 88-8340-116-6.
  • Carlo Nigra, Torri e castelli e case forti del Piemonte dal 1000 al secolo XVI. La Valle d'Aosta, Quart (AO), Musumeci, 1974, pp. 53-54.
  • Roberto Bertolin, Il castello superiore di Arnad: note storiche, in Archivum Augustanum, 7, 2007, pp. 141–185.
  • André Zanotto, Castelli valdostani, Quart (AO), Musumeci, 2002 [1980], pp. 58-59, ISBN 8870320499.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Valle d'Aosta Portale Valle d'Aosta: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Valle d'Aosta