Alfonso II Gonzaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alfonso II Gonzaga conte di Novellara.
Contea di Novellara
Gonzaga
Coat of arms of the House of Gonzaga-Novellara.svg

Giampietro
Figli
Alessandro I
Francesco II
Figli
  • Alessandro
  • Costanza
Camillo I
Alfonso I
Figli
  • Alfonso
  • Barbara
  • Costanza
  • Alessandro
  • Vittoria
  • Camillo II
  • Giulio Cesare
  • Faustina
  • Petronilla
  • Alfonsina
  • Settimia
  • Isabella
  • Giulio Cesare (naturale)
  • Cornelia (naturale)
Camillo II
Figli
Alessandro II
Figli
  • Bianca
Camillo II
Figli
Alfonso II
Figli
Camillo III
Figli
Filippo Alfonso
Modifica

Alfonso II Gonzaga (Novellara, 20 aprile 1616Novellara, 25 luglio 1678) è stato un nobile italiano, conte di Novellara dal 1650 al 1678.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alfonso era figlio di Camillo II Gonzaga, conte di Novellara e di Caterina d'Avalos; successe nella titolarità del feudo alla morte del padre, avvenuta nel 1650.

Uomo molto religioso, governò saggiamente la contea e fondò nel 1668 il convento delle Carmelitane e quello dei Servi di Maria.

Alfonso si diede alle opere caritatevoli in favore delle famiglie bisognose e degli studenti universitari indigenti; uomo colto e amante della lettura, fondò nel paese un'accademia letteraria chiamata "dei Gelati".[1]

Morì nel 1678.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine militare del Sangue di Gesù Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine militare del Sangue di Gesù Cristo
— Mantova, 1633

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Alfonso sposò Ricciarda Cybo Malaspina (1622-1683), figlia di Carlo I Cybo-Malaspina ed ebbero quattro figli:

  • Camillo (1649-1727), suo successore;
  • Caterina (1653-1723), sposò Carlo Benedetto Giustiniani, II principe di Bassano
  • Carlo, morto infante;
  • Carlo (?-1657).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Gonzaga di Mantova, Torino, 1835. ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]