Giberto VII da Correggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giberto VII da Correggio (... – Correggio (Italia), 26 agosto 1518) è stato un politico e condottiero italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Manfredo I da Correggio, signore di Correggio e di Agnese Pio.

Divenne conte di Correggio nel 1474 unitamente al fratello Borso. Nel 1475 fu al servizio della Repubblica di Venezia e della lega contro il papa. In Toscana si schierò contro papa Sisto IV in occasione della congiura dei Pazzi del 1478. Durante la sua carriera militare fu al servizio di diversi principi e rifiutò la carica di generale della fanteria pontificia di papa Giulio II. Sotto la sua signoria venne istituita a Correggio la Collegiata di San Quirino.

Nel 1517 ottenne l'investitura di Correggio dall'imperatore Massimiliano I d'Asburgo assieme ai nipoti Gianfrancesco II e Manfredo II.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Giberto sposò in prime nozze Violante Pico, nipote dell'umanista Giovanni Pico della Mirandola ed ebbero due figlie:

Sposò in seconde nozze nel 1509 la nobile poetessa Veronica Gambara, dalla quale ebbe due figli:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Da Correggio, Torino, 1835, ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]