Contea di Correggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Contea di Correggio
Contea di Correggio - Stemma
Seigneurie de Carpi.png
Dati amministrativi
Lingue parlatelatino - correggese
CapitaleCorreggio
Politica
Forma di governomonarchia assoluta
contea
Nascita1452
Fine13 febbraio 1616 con Siro da Correggio
Territorio e popolazione
Bacino geograficoTerritori in Emilia-Romagna
Religione e società
Religioni preminenticattolicesimo
Religione di Statocattolicesimo
Religioni minoritarieebraismo
Evoluzione storica
Preceduto daArms of the house of Da Coreggio (1).svg Signoria di Correggio
Succeduto daArms of the house of Da Coreggio (4).svg Principato di Correggio

La Contea di Correggio è stato un antico stato dell'Italia settentrionale esistito da circa il 1452 al 1616.

Fu l'imperatore Federico III nel 1452[1] a riconoscere ai da Correggio il titolo di conti, delimitando i confini dei loro territori e sottoponendoli alla giurisdizione del Sacro Romano Impero. Nel 1517 Massimiliano I d'Asburgo confermò la conte e autorizzò il diritto di zecca.

I signori crearono una corte sfarzosa, che fu sede di importanti attività diplomatiche e culturali. La frequentarono, tra gli altri, Ludovico il Moro, il poeta Ludovico Ariosto, Pietro Bembo, il Francesco Maria Molza, Bernardo Tasso, Niccolò II da Correggio, Veronica Gambara, Rinaldo Corso, Claudio Merulo e Antonio Allegri detto "il Correggio". Carlo V per due volte visitò la città: nel 1530 e nel 1532.

Conti di Correggio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]