Isabella Gonzaga di Novellara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri omonimi, vedi Isabella Gonzaga (disambigua).
Isabella Gonzaga di Novellara
Ritratto di Isabella Gonzaga di Novellara.JPG
Duchessa consorte di Mantova e di Monferrato
Stemma
In carica 1626 –
25 dicembre 1627
Predecessore Caterina de' Medici
Successore Isabella Clara d'Austria
Nascita 1576
Morte Bozzolo, 31 agosto 1630
Sepoltura Bozzolo
Luogo di sepoltura monastero Vergini Agostiniane
Dinastia Gonzaga di Novellara e Bagnolo
Padre Alfonso I Gonzaga
Madre Vittoria Capua
Coniugi Ferrante Gonzaga
Vincenzo II Gonzaga
Figli Scipione
Alfonso
Carlo
Luigi
Camillo
Isabella
Federico
Annibale
Contea di Novellara
Gonzaga
Coat of arms of the House of Gonzaga-Novellara.svg

Giampietro
Figli
Alessandro I
Francesco II
Figli
  • Alessandro
  • Costanza
Camillo I
Alfonso I
Figli
  • Alfonso
  • Barbara
  • Costanza
  • Alessandro
  • Vittoria
  • Camillo II
  • Giulio Cesare
  • Faustina
  • Petronilla
  • Alfonsina
  • Settimia
  • Isabella
  • Giulio Cesare (naturale)
  • Cornelia (naturale)
Camillo II
Figli
Alessandro II
Figli
  • Bianca
Camillo II
Figli
Alfonso II
Figli
Camillo III
Figli
Filippo Alfonso
Modifica

Isabella Gonzaga di Novellara (1576Bozzolo, 31 agosto 1630) è stata una nobile italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Alfonso I Gonzaga, IV conte di Novellara e di Vittoria Capua.

Sposò in prime nozze Ferrante Gonzaga di Gazzuolo (1550-1605), conte di Bozzolo e figlio di Carlo Gonzaga, dal quale ebbe otto figli:[1]

Dopo la morte di Ferrante, il 23 agosto 1616, andò in sposa al cugino Vincenzo II Gonzaga, VII duca di Mantova, di quasi vent'anni più giovane, che per lei aveva smesso la porpora cardinalizia, nonostante il matrimonio fosse osteggiato dal fratello Ferdinando. Venne accusata di stregoneria e subì un processo a Roma dal quale venne assolta (1624)[2].

La coppia, non avendo avuto eredi, alla morte di Vincenzo, nel 1627, si estinse il ramo diretto dei Gonzaga di Mantova.

Morì a Bozzolo nel 1630 nel monastero delle Vergini Agostiniane, presso le quali si era ritirata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Genealogia dei Gonzaga di Bozzolo, genealogy.euweb.cz.
  2. ^ Riccardo Braglia, I Gonzaga. Il mito, la storia, Artiglio, 2002.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adelaide Murgia, I Gonzaga, Milano, Mondadori, 1972. ISBN non esistente
  • Ferrante Aporti, Memorie storiche riguardanti San Martino dall'Argine, Mantova, 2004. ISBN 88-88499-22-9.
  • Kate Simon, I Gonzaga, storia e segreti, Roma. Newton Compton Editori, 2004. ISBN 88-8289-573-4
  • Luigi Tonini, San Martino dall'Argine nella storia. Alla ricerca delle nostre radici, Mantova, 2003. ISBN 9-788888-091549.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Duchessa consorte di Mantova Successore Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg
Caterina de' Medici 16261627 Isabella Clara d'Austria
Predecessore Duchessa consorte di Monferrato Successore Argent a chief gules.svg
Caterina de' Medici 16261627 Isabella Clara d'Austria
Predecessore Governatore di Siena Successore Siena-Stemma.png
Fabrizio Colloredo 16271629 Mattias de' Medici