Gazzuolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gazzuolo
comune
Gazzuolo – Stemma Gazzuolo – Bandiera
Gazzuolo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Mantova-Stemma.png Mantova
Amministrazione
SindacoLoris Contesini (lista civica) dal 29/05/2007
Territorio
Coordinate45°04′N 10°35′E / 45.066667°N 10.583333°E45.066667; 10.583333 (Gazzuolo)Coordinate: 45°04′N 10°35′E / 45.066667°N 10.583333°E45.066667; 10.583333 (Gazzuolo)
Altitudine25 m s.l.m.
Superficie22,49 km²
Abitanti2 223[1] (31-8-2017)
Densità98,84 ab./km²
FrazioniBelforte, Bocca Chiavica, Pomara, Nocegrossa, La Marchesa
Comuni confinantiCommessaggio, Marcaria, San Martino dall'Argine, Spineda (CR), Viadana
Altre informazioni
Cod. postale46010
Prefisso0376
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT020025
Cod. catastaleD959
TargaMN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantigazzolesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gazzuolo
Gazzuolo
Gazzuolo – Mappa
Posizione del comune di Gazzuolo nella provincia di Mantova
Sito istituzionale

Gazzuolo (Gasöl in dialetto mantovano[2][3]) è un comune italiano di 2.223 abitanti della provincia di Mantova in Lombardia. Da giugno 2014, con i comuni di Commessaggio e San Martino dall'Argine, fa parte dell'Unione dei comuni Lombarda Terre d'Oglio.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Gazzuolo deriva probabilmente dal longobardo gahangi.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gonzaga di Sabbioneta e Bozzolo, Contea di Rodigo e Marchesato di Gazzuolo.

Nel 1393 i gazzolesi firmano un atto di dedizione ai Gonzaga. Gazzuolo, dopo la morte di Gianfrancesco Gonzaga, passò in eredità al figlio Carlo a cui succedette il fratello Ludovico III Gonzaga.

Fu con Gianfrancesco Gonzaga che Gazzuolo assunse un ruolo importante nella storia. Venne edificata la rocca, circondata da fossato, che divenne la sua residenza e nella quale, assieme alla consorte Antonia del Balzo, vennero ospitati illustri personaggi: Matteo Bandello, Ludovico Ariosto e Baldassarre Castiglione[5].

Nasceva qui il ramo dei "Gonzaga di Sabbioneta".

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa Santa Maria Nascente

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Gazzuolo è attraversata dalla strada statale 420 Sabbionetana.

Il servizio di collegamento con Mantova è costituito da autocorse svolte dall'APAM; in passato, fra il 1886 e il 1933, era attiva una stazione lungo la tranvia Mantova-Viadana[8].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, p. 354.
  3. ^ Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.
  4. ^ Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.
  5. ^ Leandro Zoppè, Itinerari gonzagheschi, Milano, 1988.
  6. ^ Palazzo Gonzaga
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ Mario Albertini, Claudio Cerioli, Trasporti nella Provincia di Cremona - 100 anni di storia, Editrice Turris, Cremona, 1987, pp. 125–133, ISBN 88-85635-89-X.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leandro Zoppè, Itinerari gonzagheschi, Milano, 1988, ISBN 88-85462-10-3.
  • Renato Bonaglia, Mantova, paese che vai..., Mantova, 1985. ISBN non esistente.
  • Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN248313897
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia